Diretta a Ferrovie dello Stato ed ad 1 altro/a

Baobab Experience chiama Ferrovie dello Stato

0

0 hanno firmato. Arriviamo a 25.000.

(English version below)

All’Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, Ingegnere Renato Mazzoncini
Roma, 23 Giugno 2017


Gentile Ingegnere,
sono passati appena due giorni dalla presentazione dell’ultimo rapporto dell’UNHCR. Ancora una volta, cifre e tabelle confermano che decine di milioni di persone sono in fuga, che quasi una persona su cento è costretta ad abbandonare la propria casa. Quasi una ogni tre secondi, per chi ama questa modalità di rappresentazione delle cose.

Ogni anno che passa, le parole che accompagnano i numeri dei rapporti sulle migrazioni risuonano sempre più consuete e familiari: le situazioni sono inaccettabili; è necessario uno sforzo comune di solidarietà; vanno trovate soluzioni adeguate.
Ma sappiamo tutti che niente di tutto ciò sta avvenendo, e che nessun richiamo, nessun proclama, trova ascolto.

L’Europa intera è in preda ad una crisi di panico da cui non trova via d’uscita. Le risposte dei Governi nazionali, delle Istituzioni Europee, delle autorità locali, sono scoordinate, incoerenti, divise, ed improntate unicamente ad una visione difensiva in cui l’unica politica concretamente perseguita consiste nell’innalzamento delle barriere in entrata, e nella corsa al ribasso collettiva di standard, modelli e sistemi di accoglienza, in una immorale e non dichiarabile politica di disincentivazione che scoraggi sempre più chi intende intraprendere il cammino verso le nostre frontiere.

E quando smettiamo di leggere i numeri, ed iniziamo a guardare i volti di chi arriva, ad ascoltarne le parole, a curarne le sofferenze, e ad accompagnarli nel loro percorso, ci rendiamo conto, ogni giorno di più, che dietro i proclami e gli auspici alla solidarietà internazionale si nasconde il vuoto. Solo messaggi in bottiglia lanciati nel mare del circuito politico e mediatico, ben sapendo che non saranno mai letti da nessuno.

E allora, dietro il nulla delle parole rimangono solo le persone da difendere.

La nostra associazione, Baobab Experience, lavora da due anni con i migranti: più di settantamila persone sono passate dai nostri campi, ed hanno ricevuto cure mediche, cibo, un riparo per la notte, assistenza legale. Sono donne e uomini, alcuni di loro in transito verso altri paesi europei, altri richiedenti asilo in Italia. Questi ultimi, a Roma, sono costretti ad aspettare in media un mese e mezzo prima di poter accedere alle pratiche e in questo tempo non viene assegnato loro un centro. L’unico riparo ed aiuto che trovano nella capitale, è quello offerto da Baobab Experience.

In questi due anni, abbiamo costantemente dovuto far fronte alla indisponibilità delle istituzioni cittadine a consentire che l'assistenza ai migranti potesse essere fornita in un luogo adatto a garantire condizioni umanamente accettabili per loro e a minimizzare l'impatto della loro presenza sulla comunità dei cittadini. I venti sgomberi forzati che Baobab Experience ha subito nei suoi due anni di vita hanno prodotto ulteriori disagi e sofferenze sui migranti, e non hanno risolto alcuno dei problemi che oggi in tanti a loro attribuiscono.

Dopo venti sgomberi, non è aumentata la sicurezza della nostra città. Non ne è aumentato il livello di pulizia e decoro. Non è diminuita la marginalizzazione e l'esclusione di chi arriva, né i rischi ad esse associati. E soprattutto, gli arrivi non si sono fermati, e non si fermeranno.

Noi pensiamo che si possa fare meglio di così. Pensiamo che si possa provare, di fronte al fallimento di un sistema che non riesce a trovare soluzioni diverse da muri e sgomberi, a pensare a una diversa visione. Pensiamo che di fronte a problemi reali, sia possibile provare a trovare soluzioni reali.

Sappiamo che il Gruppo che Lei guida è molto impegnato sul terreno della responsabilità sociale, e che numerose iniziative sono state già intraprese per il recupero a fini sociali di immobili non più utilizzati per attività industriali. La stessa Claudia Cattani, presidentessa di Rete Ferroviaria Italiana, appena tre giorni fa ha detto: “L’emergenza sociale investe tutto il territorio nazionale e la capillarità del nostro sistema di stazioni ci impegna da sempre ad avere attenzione per quanti cercano riparo, aiuto e solidarietà presso i nostri spazi.”

Per questo, Le proponiamo di intraprendere insieme un percorso coraggioso, di concederci l’utilizzo del parcheggio per bus abbandonato in via Giovanni Chiaromonte, dietro la Stazione Tiburtina. Quella lingua di asfalto, che volontari e migranti hanno ribattezzato “Piazzale Maslax” per ricordare il ragazzo somalo che si è tolto la vita dopo essere stato strappato alla sorella in Belgio per essere riportato in Italia, può diventare un campo che assicuri condizioni minimali di assistenza, sicurezza, pulizia, e decoro, e nel quale sperimentare insieme, anche trovando soluzioni comuni per la riqualificazione dell’area, un nuovo modello di accoglienza che possa fare da esempio di fronte ai fallimenti di un sistema che non dà più risposte e genera solo degrado, conflitto e paura.

Saremo pronti ad attrezzare un presidio umanitario in pochissime ore, grazie all’aiuto delle associazioni mediche e legali con cui condividiamo questo percorso da ormai due anni, con ONG internazionali e le cittadine e i cittadini che ci sono solidali: abbiamo già un progetto che saremmo contenti di presentarle in un incontro.

Pensiamo sia venuto il tempo delle scelte. Pensiamo che i libri di storia di domani racconteranno cosa stiamo facendo oggi, e che le nostre azioni, le nostre scelte, avranno conseguenze e impatti profondi sul nostro destino comune.

Siamo convinti che, lavorando insieme, sia possibile dare, in questa città, una prima coraggiosa risposta, con i fatti e le cose concrete.
Proviamoci insieme.


Baobab Experience 

Giusi Nicolini - ex sindaco di Lampedusa
Gianīs Varoufakīs - già Ministro delle Finanze greco
Susanna Camusso - segretaria generale della CGIL
Stefano Fassina - deputato e consigliere comunale di Roma
Valerio Mastandrea - attore
Valeria Golino - attrice
Ilaria Cucchi - fondatrice Associazione Stefano Cucchi Onlus
Giuseppe Civati - deputato della Repubblica Italiana (Possibile)
Sabina Guzzanti - attrice
Nicola Fratoianni - segretario di Sinistra Italiana
Andrea Iacomini - portavoce Unicef Italia
Mauro Biani - illustratore e fumettista
Efi Latsoudi - fondatrice Pikpa Camp di Lesvos
Piotta - cantante
Giuseppe De Marzo - rete dei Numeri Pari - Libera
Loredana De Petris - deputata della Repubblica Italiana (Sinistra Italiana)
Giulio Marcon - deputato della Repubblica Italiana (Sinistra Italiana)
Massimo Cervellini - senatore della Repubblica Italiana (Sinistra Italiana)
Enrico Lo Verso - attore
Alice Pasquini - artista
Leonardo Palmisano - scrittore
Luca Attanasio - giornalista
Stefano Catone - scrittore
Leonardo Cavaliere - ricercatore e blogger
Luca Pastorino - deputato della Repubblica Italiana (Possibile)
Andrea Maestri - deputato della Repubblica Italiana (SI-Possibile)
Beatrice Brignone - deputata della Repubblica Italiana (Possibile)
Elly Schein - europarlamentare (Possibile)
Nicola Morra - senatore della Repubblica Italiana (Movimento 5 Stelle)
Enrico Sitta - blogger
Alessandro Gilioli - giornalista
Angelo Mai - collettivo
Casetta Rossa - spazio autogestito
Brusco - cantante
Skasso - gruppo musicale
Annalisa Camilli - giornalista
Francesca Fornario - giornalista
Eleonora Camilli - giornalista
Marco Omizzolo - sociologo
Agostino Ferrente - regista
Marco Puccioni - regista

 

Dear Sir,

Two days have passed since the latest UNHCR report was presented. Once again, figures and tables confirm that tens of millions of people are fleeing, which means almost 1 out of every 100 people are forced to abandon their home, nearly 1 every 3 seconds.

With each passing year, the words accompanying the various reports on migration echo the same familiar sound. This situation is unacceptable; There is a need for a common effort of solidarity; and adequate solutions must be found.

But we all know that none of this is happening, and that no declaration or call has been heard.
The whole of Europe is in a panic from which there is no way out. The responses from national governments, European institutions and local authorities are uncoordinated, incoherent, divided and only posed towards a defensive vision in which the only concrete policy pursued consists of raising barriers. All in a rush to downgrade the standards, models and systems of reception, in an immoral and undeclared policy that increasingly discourages those who intend to move towards our borders.
And when we stop reading the numbers, and begin to look at the faces of those who come, listen to their words, treat their sufferings, and accompany them on their path, we realize, more and more each day, that behind the proclamations and the hope for international solidarity is a void, mere messages in a bottle launched in the sea of the political and media circuit, knowing that they will never be read by anyone. Behind the emptiness of the words, there are only people to defend.

Our association, Baobab Experience , has been working for two years with migrants: more than seventy thousand people have passed through our camp, and they have received medical care, food, shelter for the night, legal assistance. There are women and men, some of them are in transit towards other European countries, others are applying for asylum in Italy. These last, in Rome, are forced to wait a month and a half on average before they can access the asylum process and in this time they are not assigned a center. The only shelter and help they find in the capital, is that offered by Baobab Experience. In these two years, we have constantly had to cope with the unwillingness of the institutions to allow that assistance be provided to migrants in a suitable place that ensures humanly acceptable conditions for migrants and to minimize the impact of their presence on the community. The twenty forced evictions that Baobab Experience has been subjected to in two years have caused much discomfort and suffering for the migrants, and they have not solved any of the problems that many attribute to them. After twenty evictions, our city is not safer. It is not cleaner nor more decent. It has not decreased the marginalization and exclusion of those who arrive, nor the risks associated with them. And, most importantly, the arrivals have not ceased and will not cease. We believe that we can do better than this.
We think that, in the face of the failure of a system that cannot find solutions other than walls and evictions, we have a different vision. We think that in the face of real problems, we can try to find real solutions.
We know that your group is very committed to the field of social responsibility, and that many initiatives are already being undertaken to recover real estate no longer used for industrial activities to use for social activities. Claudia Cattani, president of the Italian Railroad Network, declared three days ago that: "Social emergency hits the entire country and our extensive station system is always committed to paying attention to those seeking shelter, help and solidarity in our spaces. "
For this reason, we propose to embark on a courageous journey, to grant us use of the abandoned bus parking lot on via Chiaromonte, behind Tiburtina Station. That piece of asphalt, which volunteers and migrants have renamed "Piazzale Maslax" in memory of the Somali boy who took his own life after being torn from his sister in Belgium to be brought back to Italy, can become a camp that provides assistance, security, cleanliness and honor, and in this we can find together common solutions for the area's upgrading, a new reception model that can be an example in the face of a system that no longer responds and generates only degradation, conflict and fear.
We are ready to supply a humanitarian presence in a matter of hours, thanks to the help of the medical and legal associations with whom we have shared this path for two years, with international NGOs and with citizens who are in solidarity. We already have a project that we would be pleased to present in a meeting.
The time has come to make choices. Tomorrow's history books will recount today's events and our actions and choices will have profound consequences and impact on our common destiny.
We are sure that, working together, it is possible to give this city a courageous first response, with facts and practical things.
Let's try together.
Baobab Experience

Questa petizione sarà consegnata a:
  • Ferrovie dello Stato
  • Amministratore Delegato Ferrovie dello Stato Italiane
    Renato Mazzoncini


    Baobab Experience ha lanciato questa petizione con solo una firma e ora ci sono 17.963 sostenitori. Lancia la tua petizione per creare il cambiamento che ti sta a cuore.




    Oggi: Baobab Experience conta su di te

    Baobab Experience ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Baobab Experience chiama Ferrovie dello Stato -@FSNews_IT". Unisciti con Baobab Experience ed 17.962 sostenitori più oggi.