che principe del foro di Roma farà uscire questa ragazza ?

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


 Francesca Commodari  , ragazza milanese di 37 anni , fu chiusa sabato scorso nell carcere romano di Rebibbia . La sua colpa , insultare in stato di ebbrezza , due poveri pubblici ufficiali una sera di 2013 , nella porta di un bar , a  Casalpalocco. Davanti a tale atto orribile , la italica repubblica rispose con il rigore che la Commodari precisava : con sentenza definitiva il 24-02-2016 il Tribunale Ordinario di Roma la condannai a un anno di reclusione , disponendo sospendersi l'esecuzione ( doc. 1 ). Sabato scorso Francesca fu in questura perché aveva ricevuto una chiamata della polizia chiedendogli di presentarsi per raccogliere uno scooter perso anni fa ( non fu dimostrato che fosse stato rubato) , e si trovai con la comunicazione che la sua sospensione di pena era stata revocata .Non solo , doveva essere portata in prigione ipso facto . Da non credere ! Mangiami terra ! E lei che era preoccupata per sapere si lo scooter aveva o non la chiave !! Verso le nove di sera , dopo un paio di chiamate fatte grazie a la gentilezza delle guardie che la custodivano , arrivai a Rebibbia. E li è da allora . Ancora domandandosi cosa e successo  , perché il cello e cascato sopra di lei....Perché sono io qui .....ho pagato troppo quelli minuti fuori di controllo....Che qualcuno dica qualcosa ....

 Da quella data di 2016 , anzi , da minimo un anno prima quando si svolse il processo contra Francesca , fino a questo maledetto sabato 19 Francesca aveva fato un bel cambio nella sua vita e nelle sue abitudini . Forse , in parte ,  per causa del ICTUS che soffri nel 2014 , del quale no si è rimessa del tutto ancora . Francesca adesso non beve, non fuma , vive tranquillamente in attesa di percepire una pensione di 290 euro per incapacità , con la sua cagnolina Mela e il suo compagno .Dopo il arresto di Francesca e il suo ingresso in prigione , Mela e rimasta sola e disorientata , gli manca il suo alter ego , le braccia che l'hanno tenuta a riparo di tutto e di tutti , le nove anni della sua piccola vita . e guarda nervosa la porta , perché ogni piccolo rumore può essere Francesca che torna  .... E il compagno di Francesca è lontano , lavorando , a 4000 chilometri di Roma . e non può lasciare i suoi impegni , i soldi gli serve troppo , le cure di un ICTUS sono molto lunghe e costose ....Ecco il dilemma :" corro a fianco di lei , perdo il lavoro , rimango in attesa , ho bisogno di vederla , necessitiamo sto soldi , lei sta sola , non è stata mai in una situazione del genere , COSA FACCIO ?" .Ci sara nel FORO DI ROMA , magari uno Catone , che onore la tradizione secolare dei giuristi romani e ci riesca a tirare fuori di galera questa  ragazza incensurata fino a sabato , che si è trovata prigioniera delle circostanze ? Che ,forse, è si colpevole di disattenzione nel confronto di se stessa ? Ci sarà magari tra tanti togati romani uno cosi bravo di risolvere questa faccenda giuridica di " primo ordine ", questo " nodo gordiano "  della dura lex è lex ? CI SARA A ROMA O MAGARI DOVREMMO CERCARE ULTRA MURI . CI SARA ?



Oggi: Paulino conta su di te

Paulino Ricoy ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "avvocati di Roma: che principe del foro di Roma farà uscire questa ragazza ?". Unisciti con Paulino ed 58 sostenitori più oggi.