CREARE UNA BANCA DATI PER DONATORI CANINI e FELINI A FIRENZE

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Parlando con diverse cliniche veterinarie di Firenze, sono venuta a conoscenza che non esiste una banca dati per donatori di sangue canini e felini. Questa problematica si riflette su TUTTI i nostri animali, che in caso di ricovero, incidente, malattia, necessitando di trasfusione di sangue, non hanno possibilita` di avere a disposizione velocemente e in maniera sicura un donatore sano, e compatibile se servisse una seconda trasfusione. Avendo in questi giorni constatato personalmente il dramma di trovare un donatore, chiamando amici, conoscenti, veterinari, canili, ho deciso di far riflettere tutti noi proprietari sulla questione, e prevenire queste situazioni, aiutandoci e supportandoci a vicenda. A Perugia e a Pisa esiste gia` una banca dati che si occupa di queste cose, ma ovviamente in caso di urgenza e` difficile raggiungere determinate citta`. Conviene quindi chiedere all`AVIS di Firenze, come ad esempio ha fatto a Pisa, di aprire una sezione per donatori canini e felini, per poter recuperare velocemente il sangue compatibile o rintracciare il donatore compatibile disponibile. 

 

 

COME DIVENTARE DONATORE FELINO

È importante sapere il gruppo sanguigno del nostro gatto in caso di necessita`:

Fondamentalmente diciamo subito che nei gatti ci sono tre gruppi sanguigni, A, B e AB e che, a differenza dei cani, nei gatti sono presenti purtroppo isoanticorpi naturali contro gli antigeni presenti sulla superficie dei globuli rossi, cosa che rende più problematiche le trasfusioni di sangue.

I requisiti per diventare donatore in questo caso sono un peso di almeno 5 chili e un’età fra i 2 e 7 anni, oltre al buono stato di salute.

 

COME DIVENTARE DONATORE CANINO

E`importante conoscere il gruppo sanguigno dei nostri cani in caso di necessita`:

I gruppi sanguigni nei cani vengono indicati con una sigla – DEA (Dog Erythrocyte Antigen) – seguita da numeri e quelli conosciuti sono 1.1, 1.2 ,3,4,5,6,7. Il gruppo considerato maggiormente immunogeno e quindi pericoloso è il DEA 1.1 che prevede una ulteriore divisione in DEA 1.1 negativo e DEA 1.1 positivo.

L’arruolamento del donatore prevede la verifica delle condizioni di idoneità, la visita clinica e gli esami di laboratorio. Tipicamente il cane donatore è un soggetto di proprietà di 2-8 anni, di peso maggiore a 25 kg, clinicamente sano, con profilassi vaccinale e antiparassitaria note e utilizzo di repellenti verso gli artropodi vettori di malattie infettive. Le analisi di laboratorio da eseguirsi una volta all’anno devono verificare anche il gruppo sanguigno dell'animale ed escludere le malattie infettive. La tipizzazione del gruppo sanguigno DEA1 va sempre fatta perché lo sviluppo di anticorpi anti-DEA1 in cani sensibilizzati può causare una grave emolisi acuta post-trasfusionale. Inoltre, si evita l’immissione di antigeni non necessari e il “caos” diagnostico. 

Con la presente petizione, vi invito a diffondere e firmare, per il bene dei nostri Pets e di quelli altrui, salveremo molte vite. Vi ringrazio per l`attenzione. 

Federica Tobia, Operatore Cinofilo.



Oggi: federica conta su di te

federica tobia ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Avis Firenze : CREARE UNA BANCA DATI PER DONATORI CANINI e FELINI A FIRENZE". Unisciti con federica ed 579 sostenitori più oggi.