Petition update

Notre pétition est maintenant disponible en italien. Our petition is now available in Italian

Charles GOLDSZLAGIER
France

Jul 5, 2016 — AUSCHWITZ NON E’UN GIOCO!
Perseguire TRINIT per aver progettato un videogioco sulla vita degli ebrei ad Auschwitz.

In spregio alla memoria del più grande crimine della storia contro l’umanità e al dolore dei sopravvissuti e dei familiari, TRINIT, una scuola che offre master in videogiochi online con sede in Spagna, a Saragozza, ha avuto l’idea ripugnante di creare un gioco che simula la vita degli ebrei ad Auschwitz. Questo gioco è stato distribuito sulla piattaforma Google Play ed è stato scaricato migliaia di volte prima di esser ritirato, grazie alla pressione di diverse organizzazioni che lottano contro l’antisemitismo ed il negazionismo. Tra i commenti dei giocatori spiccava quello di uno che si lamentava di dover interrompere il gioco ogni venti minuti per eliminare le ceneri dal forno!
E’ noto che internet può sviluppare in maniera formidabile l’odio radicale e quello etnico. I numerosi recenti attacchi terroristici ci ricordano come un certo utilizzo di internet possa portare avanti azioni e discorsi omicidi. Qui poi non ci troviamo soltanto davanti al disprezzo nei confronti di una sofferenza indicibile, ma di incitazione alla violenza omicida contro gli ebrei. Il fatto poi che questo progetto sia stato concepito a scopo pedagogico in un’istituzione in cui vengono formate giovani leve è una circostanza aggravante. Per questo motivo non è sufficiente il ritiro volontario di questo video. I suoi autori devono essere puniti. Sarebbe davvero incomprensibile che la Spagna, stato democratico, firmatario del “Protocollo addizionale alla Convenzione sulla criminalità informatica, relativo all'incriminazione di atti di natura razzista e xenofobica commessi a mezzo di sistemi informatici” del 20 gennaio 2003, non avviasse procedimenti contro i responsabili in conformità al diritto e ai suoi impegni internazionali.
Di conseguenza i firmatari chiedono alle autorità spagnole competenti:
1. di avviare quanto prima i procedimenti richiesti contro la scuola, la direzione e gli insegnanti responsabili della realizzazione e della distribuzione di questo vergognoso progetto
2. di applicare le più severe sanzioni amministrative contro le persone morali o fisiche e particolarmente di ritirare loro qualsiasi finanziamento pubblico.