PETIZIONE CHIUSA

Obbligare Audi a risarcire i clienti danneggiati dal difetto della pompa ad alta pressione

Questa petizione aveva 36 sostenitori


Dal 2014 (ma in realtà si riscontrano problemi sin dal 2007) svariati clienti Audi, soprattutto possessori di un mezzo con cilindrata 3.000, sono stati colpiti dal famoso difetto della pompa ad alta pressione Bosch con costi di riparazione che partono dai 7.000 fino ai 12.000 euro!

Questo difetto si sta continuando a verificare costantemente con le medesime anomalie:

- residui di metallo sparsi

- rottura della pompa

- danno agli iniettori

- frammentazione nel serbatoio e nei filtri

Potete leggere alcuni casi qui

Audi ha riconosciuto solo una parte dei numeri di serie perché tra il 2007 ed il 2009 ci sono stati moltissimi casi, ma il problema è, che questi casi, si sono ripresentati negli anni successivi con minor frequenza e per questo motivo Audi non ha inserito i numeri di telaio recenti e non da assistenza alcuna per questo problema.

Audi insieme a Bosch avrebbe dovuto comunicare il problema a tutti i clienti ed in teoria risolverlo ma per lo meno avvisare, in modo che, il cliente potesse sostituire il pezzo prima che creasse ulteriori danni. Infatti se si sostituisce la pompa prima che inizi ad avere problemi, si possono salvare tutte le altre componenti riducendo drasticamente il costo da 12.000 a 1.5000 euro.

Audi non si è presa la responsabilità dei modelli successivi perché sostiene che il danno non deriva dalla pompa ma dal gasolio utilizzato, questa è chiaramente una mossa per non dover affrontare i costi di riparazione; ci sono moltissime testimonianze su svariati forum riferiti a tale problematica e tutti con i medesimi "sintomi" , non si può ignorare un problema simile e non si può non avvisare la clientela di un difetto di tale portata. Inoltre si contraddicono perché negli anni passati hanno inviato ad alcuni clienti delle lettere per interventi di richiamo, atte proprio a sostituire tale pompa ( probabilmente su mezzi ancora in garanzia)

Ora vorrei capire come sia possible che nessuno si sia preso carico di indagare e proteggere i consumatori. Molte persone hanno dovuto pagare di tasca propria, altri ricorrendo a mezzi legali o intimidazioni, sono riusciti a farsi riparare il veicolo pagando solo la manodopera, ma non c'è una logica e sono casi isolati, ma se si fa una normale richiesta ad Audi si viene respinti istantaneamente con un NO.

La maggior parte delle pompe si rompono prima di arrivare ai 160.000 km, un ciclo di vita molto breve, alcune si sono rotte a 120.000 km o anche prima.

Macchine di questo tipo, costose proprio per la qualità delle loro componenti, dovrebbero essere una garanzia, ma così non pare, e Audi non può mettere in difficoltà in questo modo i propri clienti, senza contare chi si è ritrovato in situazioni di pericolo, in mezzo ad una rotonda con la macchina spenta, o mentre viaggiava, con un enorme rischio di incidenti.

Firmate questa petizione per far prendere coscienza ad Audi di tale problema e che si rivolga al produttore della pompa per sostenere i costi se non vuole sostenerli lei stessa, chiediamo ad Audi di rimborsare tutti coloro che hanno già pagato di tasca propria il problema e di prendersi carico di chi sta cercando di risolverlo, ma sicuramente non devono essere i consumatori a subire l'errore di qualcun altro.

 



Oggi: Ugo conta su di te

Ugo Tagliareni ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Audi: Obbligare Audi a risarcire i clienti danneggiati dal difetto della pompa ad alta pressione". Unisciti con Ugo ed 35 sostenitori più oggi.