Difendiamo l’orto didattico della scuola Garibaldi gratuito per tutti.

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


GENIMA, genitori nidi e materne di Roma, sostiene la causa di ANITA, un'associazione di genitori volontari che da 10 ANNI  si dedica gratuitamente al recupero degli spazi in disuso della storica scuola Garibaldi all'Appio Latino. Un esempio di attivismo civile virtuoso e di successo senza scopo di lucro.

La nuova dirigenza sta spingendo per regolamentare in maniera ortodossa l'accesso agli spazi, equiparando l'ass. dei genitori Anita (che opera per e con la scuola) ad un'associazione esterna con fini di lucro.

ANITA, però, non “usa” gli spazi pubblici. ANITA ha riqualificato e continua a manutenere gli spazi pubblici, offrendo gratuitamente attività alla scuola e alle famiglie; attività che non possono essere confrontate con le attività a pagamento offerte dalle altre associazioni. ANITA sostiene le spese vive dei materiali attraverso sottoscrizioni volontarie sempre rinvestite e rendicontate.

Le famiglie di ANITA in questi anni hanno:

  • creato un Orto Didattico di eccellenza, concimando, zappando, seminando, annaffiando nel tempo libero e a favore del benessere di dei bambini e dell'ambiente;
  • offerto decine di laboratori gratuiti in orario scolastico ed extrascolastico;
  • disinfestato da topi, pulci, immondizia; rimosso materiali infiammabili da punti pericolosi degli scantinati;
  • collaborato a pulizie ordinarie e straordinarie, a Open day, a iniziative pubbliche;
  • riqualificato la casa dell’ex custode, l’orto, il bibliorto, l’archivio storico, collaborato attivamente alla creazione della biblioteca;
  • partecipanto a bandi e ottenuto fondi di migliaia di euro e continua a progettare una scuola più bella, partecipata e che non sia un parcheggio o un obbligo.

Chiediamo quindi la vostra firma, che insieme ad altre centinaia porteremo alla dirigenza scolastica e all'assessore del municipio VII, affinché ANITA possa continuare a organizzare attività capaci di tenere aperta la scuola con spirito di condivisione, partecipazione e senza scopo di lucro.