Incentivare le Tecnologie Emergenti per l'Italia

Incentivare le Tecnologie Emergenti per l'Italia

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!
Lanfranco Finucci ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Giancarlo Giorgetti (Ministro dello Sviluppo Economico) e a

Spett.le Ministro Patuanelli,

il Ministero che Lei è chiamato a guidare è cruciale per tutti coloro che soffrono di una crisi occupazionale e vedono nel Ministero l'unico luogo ove poter intavolare un dialogo coi loro datori di lavoro.

Purtuttavia è d’obbligo guardare avanti e offrire prospettive all'Italia che verrà.

Nell'ultimo anno il Mise è stato protagonista nell'individuare le Tecnologie emergenti per l'Italia (Blockchain, Internet of Things e Intelligenza Artificiale) promuovendo ampi dibattiti ed iniziando a destinare fondi per la loro effettiva applicazione.

È noto a tutti il lavoro che Lei ha svolto in sede parlamentare e per questo si chiede che tale processo non venga interrotto ma anzi accelerato per offrire nuove possibilità al sofferente mondo del lavoro.

Applicare queste Tecnologie emergenti al corpo produttivo dell'Italia implica un ammodernamento che va nell'ottica di salvaguardia del Made in Italy, nel rispetto garantito delle risorse naturali e umane, portando l'Italia all'avanguardia. Interrompere questo processo, mentre in ambito europeo guidiamo l'European Blockchain Partnership insieme a Svezia e Repubblica Ceca, sarebbe, ad avviso di molti, un errore di visione che non saremo in grado di recuperare a breve.

L'invito, nell’augurarLe buon lavoro, è quello di programmare nel più breve tempo possibile iniziative, a partire dall'incontro con il gruppo degli esperti per l'AI e per la Blockchain ancora attivi al Mise, per un nuovo slancio delle Tecnologie Emergenti.

Cordialmente

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!