Confirmed victory
Petitioning Regione Lazio MONICA MORICONI and 5 others
2 responses

APPELLO AFFINCHE' IL DON GUANELLA (ARIS) IN COERENZA CON LA SUA STORIA DEMOCRATICA RIMETTA AL SUO POSTO LE BACHECHE SINDACALI


 

 

 

 

NON VALE SOLO PER BERLUSCONI

 

ANCHE L'ARIS RISPETTI LE SENTENZE

E COME MARCHIONNE

ATTUI I PRINCIPI DEMOCRATICI

NEI POSTI DI LAVORO

Perche' la democrazia non può essere sospesa in alcun luogo.

 

 

Per la democrazia anche nei posti di lavoro

 

 

In alcuni territori della nostra città e del nostro quartiere i nostri concittadini non riescono ad esercitare i diritti democratici sanciti dalla Costituzione e dalle Leggi.



Questi territori sono i posti di lavoro, quando il sindacato non è assoggettato al potere del Datore di lavoro.



Succede, ad esempio, che quando un gruppo di lavoratori esprime parer contrario ad un accordo che peggiora le condizioni delle lavoratrici e dei lavoratori, essa viene privata del diritto alla democrazia. Sulla base di un opinione del lavoratore (SI o NO ad un accordo), il lavoratore stesso si trova costretto a rinunciare ad esprimere la propria opinione PER SEMPRE , a riunirsi in assemblea, ad avere una bacheca.



In questi posti la democrazia è sospesa.



Rivolgiamo un appello alla cittadinanza affinché nel nostro paese, nella nostra città, anche la lavoratrice, il lavoratore, sottoposto ad un pesante attacco normativo e economico, possa esercitare il diritto democratico di opinione attraverso la votazione assembleare, senza per questo dovere essere punito e privato dei diritti costituzionali di espressione delle opinioni, della libertà.



Ci rivolgiamo a tutti affinché non degradano i posti di lavoro a sedi di disgregazione democratica, luoghi senza Stato né diritto.



Sottoscriviamo il presente appello e diffondiamolo, convinti che la democrazia si difende giorno per giorno e non è una conquista scontata e irreversibile.    




Letter to
Regione Lazio MONICA MORICONI
Presid.Reg. Lazio NICOLA ZINGARETTI
capo segreteria sindaco Marino enzo foschi
and 3 others
assessore comunale di Roma Paolo Masini
Pres. Comm. Affari Sociali COMUNE DI ROMA erica battaglia
sindaco Roma Ignazio Marino
Per la democrazia anche nei posti di lavoro
PER L'APPLICAZIONE DELLE SENTENZE (corte costituzionale fiat-fiom)
ANCHE NEI POSTI DI LAVORO CONVENZIONATI


In alcuni territori della nostra città e del nostro quartiere i nostri concittadini non riescono ad esercitare i diritti democratici sanciti dalla Costituzione e dalle Leggi.

Questi territori sono i posti di lavoro, quando il sindacato non è assoggettato al potere del Datore di lavoro.

Succede, ad esempio, che quando un gruppo di lavoratori esprime parer contrario ad un accordo che peggiora le condizioni delle lavoratrici e dei lavoratori, essa viene privata del diritto alla democrazia. Sulla base di un opinione del lavoratore (SI o NO ad un accordo), il lavoratore stesso si trova costretto a rinunciare ad esprimere la propria opinione PER SEMPRE , a riunirsi in assemblea, ad avere una bacheca.

In questi posti la democrazia è sospesa.

Rivolgiamo un appello alla cittadinanza affinché nel nostro paese, nella nostra città, anche la lavoratrice, il lavoratore, sottoposto ad un pesante attacco normativo e economico, possa esercitare il diritto democratico di opinione attraverso la votazione assembleare, senza per questo dovere essere punito e privato dei diritti costituzionali di espressione delle opinioni, della libertà.

Ci rivolgiamo a tutti affinché non degradano i posti di lavoro a sedi di disgregazione democratica, luoghi senza Stato né diritto.

Sottoscriviamo il presente appello e diffondiamolo, convinti che la democrazia si difende giorno per giorno e non è una conquista scontata e irreversibile.