Je suis Rom. No a persecuzioni della comunità Rom italiana

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


La contatto con la presente per porre alla Sua attenzione quanto sta accadendo in Italia.

Il 19 giugno il Ministro degli Interni Matteo Salvini ha annunciato di voler fare un censimento dei Rom presenti Italia. Tale azione è però incostituzionale nel nostro paese(articolo 3)oltre che illegale e vietata dall'articolo 9 del regolamento europeo sul trattamento dei dati personali e contraria agli articoli 8 e 15 della Convenzione Europea dei diritti umani. 

Come se ciò non bastasse, questa schedatura, che ricorda ahimè il censimento degli ebrei del 1938 al quale seguirono le leggi razziali, è stato annunciato con affermazioni deliranti e inaccettabili fra cui "quelli italiani purtroppo ce li dobbiamo tenere" e paventando per gli altri(quelli irregolari, ma sarebbero comunque in maggioranza cittadini europei liberi di circolare nell'area Schengen)espulsioni. Ha minacciato in pratica di mettere in atto una pulizia etnica.

Di fatto nei giorni seguenti s'è assistito ad atti dal sapore di persecuzione  come l'abbattimento di una casa abusiva(lo stesso Salvini ha commentato il fatto con l'affermazione "dalle parole ai fatti"), e alla rimozione in un campo rom di un container adibito a scuola. Stiamo assistendo ad una escalation che acquista ogni giorno di più i connotati di una persecuzione ai danni dei nostri concittadini rom.

Purtroppo una parte consistente degli italiani soffre di un torpore morale e civico tale da sottovalutare quanto sta accadendo. Molti addirittura sostengono l'iniziativa di Salvini, spesso perché legati a pregiudizi e luoghi comuni, tanto falsi quanto radicati, sulla antichissima, splendida Cultura Rom.

Per questa ragione faccio appello a Lei, chiedendoLe di prendere posizione a difesa della comunità rom/sinti/kalé italiana, con una dichiarazione pubblica di condanna di questa mala politica razzista e discriminatoria che divide invece di unire, che rievoca gli orrori del ventennio fascista.

La fama indiscussa di cui Lei gode garantirebbe un alto potere mediatico, potrebbe scuotere le coscienze di molti, abbattere molti pregiudizi.

Lei può fare molto. Ci aiuti.

RingraziandoLa per l'attenzione accordata con, Le porgo distinti saluti.

Con fiducia.



Oggi: Fabio conta su di te

Fabio Rossi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Antonio Banderas: Je suis Rom. No a persecuzioni della comunità Rom italiana". Unisciti con Fabio ed 15 sostenitori più oggi.