Portiamo il servizio mensa del Comune di Trieste nel post-accoglimento delle scuole

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.


(Sledi slovenski prevod)

Negli ultimi anni molte scuole del Comune di Trieste hanno organizzato servizi di post-accoglimento per supportare le famiglie nella conciliazione vita-lavoro. L’organizzazione del servizio prevede in genere, dopo le ore curricolari, il pranzo a scuola (fornitura dei pasti e sorveglianza durante il pasto) e successivamente lo svolgimento dei compiti o altre attività ricreative a cura del personale formato di associazioni o cooperative.

Questi servizi sono nati da progetti concordati dalle scuole e per la loro durata la fornitura dei pasti era garantita dal Comune attraverso l’appalto in vigore, mentre la sorveglianza dei bambini durante il pranzo era effettuata dagli insegnanti della scuola stessa.

A seguito delle modifiche normative subentrate negli anni, oggi gli insegnanti della scuola non possono più prestare il loro servizio di sorveglianza durante i pasti. Questo ha comportato una modifica delle convenzioni per cui le associazioni o le cooperative devono assumersi l’onere anche della fornitura dei pasti, stipulando loro stesse dei contratti con ditte private.

Ciò ha comportato un aumento dei prezzi e alle famiglie non vengono più riconosciute e applicate le tariffe previste invece per il servizio mensa erogato dal Comune.

Occorre ricordare che la fornitura del pasto è un costo che ricade sulla famiglia, non costituisce un'opportunità di lucro per le associazioni e le cooperative e non aggiunge valore al servizio educativo/ricreativo del post-accoglimento.

Tuttavia il fatto di non poter usufruire dell’abbattimento delle tariffe applicato dal Comune costringe alcune famiglie a dover rinunciare al servizio. Il problema è maggiormente sentito dalle famiglie con più di un figlio e con ISEE basso, le quali invece avrebbero maggior bisogno di sostegno.

Il problema potrebbe essere risolto se il regolamento comunale prevedesse il mantenimento del servizio mensa da esso erogato anche ai bambini che svolgono un'attività in post-accoglimento sotto la sorveglianza del personale di associazioni o cooperative con le quali la scuola ha stipulato una convenzione. Questa soluzione inclusiva rappresenterebbe un aiuto alle famiglie e un'opportunità per tutti i bambini di beneficiare delle relative attività educative/ricreative.

Non chiediamo il pasto gratis per tutti. Ma chiediamo che chi ha un ISEE basso possa continuare a pagare in base agli scaglioni previsti dal Comune.

Per queste ragioni chiediamo di rivedere i criteri di accesso al servizio prevedendo che il pasto sia erogato a cura del Comune di Trieste anche nel caso in cui la sorveglianza sia affidata al personale afferente alle associazioni o alle cooperative che forniscono il servizio di post accoglimento.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

V zadnjih letih so razne šole tržaške občine poskušale organizirati neko pošolsko varstvo, zato da bi pomagale družinam, ki so zaradi službenih obveznosti to potrebovale.

V glavnem, po opravljenih učnih urah, je šlo za podelitev kosil otrokom v prostorih šolske menze in seveda tudi varstvo med kosilom. Popoldne pa so pristopile na pomoč razne zunanje organizacije, ki so, pod plačilom, ponujale razne dejavnosti, od pisanja nalog do drugih poučnih aktivnosti.
Med potekom teh, je Občina skrbela za podelitev kosil, seveda pod plačilom, za varstvo pa so skrbele učiteljice v službi na šoli, ampak to izven plačila, torej so se dobesedno ponujale za varstvo naših otrok.

Po novih spremembah v zakonih, ki to urejajo, je bilo določeno, da učno osebje ne sme več tega opravljati, morajo za to poskrbeti kooperative in organizacije, ki so podeljene za kosila, in to potom zasebnih tvrtk. To seveda pomeni višje davke za družine, ki se poslužujejo tega, in jim ni več omogočena nižja cena, v skladu z lastnim ISEE izjavi. To je, žal, privedlo veliko družin, posebno tiste, ki imajo več kot enega otroka, ki bi se tega poslužili, ali nizek ISEE, in ki bi torej potrebovale več pomoči, da so se kosil za lastne otroke odpovedle.

To vprašanje bi lahko rešili, na primer, če bi Občina omogočila otrokom, ki se poslužujejo popoldanskih dejavnosti na šoli, podelitev kosil, seveda pod plačilom Občini Trst, ampak pod varstvom organizacij, s katerimi je šola sklenila popoldansko sodelovanje.
To bi seveda predstavljalo konkretno pomoč družinam in možnost za vse otroke, da se vključijo v rikreativno-poučne dejavnosti.

Ne sprašujemo, da bi otroci dobili brezplačnih kosil, ampak da bi lahko družine z nizkim ISEE še naprej plačevale po določenih znižanih cenah.

Zaradi tega sprašujemo, da bi Občina še enkrat preuredila lastne normative, ki to uejajo in da bi lahko otroci plačali občini kosila (v skladu z lastnim ISEE), in bi istočasno zunanje organizacije skrbele za varstvo otrok med použitev le-teh.