Vittoria confermata

ANCORA NO AL PROSELITISMO DEL CALIFFATO E DELLA JIHAD IN ITALIA - NO ISLAM

Questa petizione ha creato un cambiamento con 3.735 sostenitori!


CERTEZZA CHE SIA IMPEDITO L’INGRESSO DELL’IMAM ANTISEMITA E FAUTORE DEL TERRORISMO, CHE VUOLE INSTAURARE IL CALIFFATO IN ITALIA E CONQUISTARE ROMA

Invitato in Italia, ma già interdetto da USA, Emirati Arabi, Arabia Saudita e Belgio

È recentissima la notizia che il 6 aprile 2016, il Ministro Alfano ha assicurato nel Question Time della Camera, che l’imam Tareq Al-Suwaidan sarà fermato, ma è presto per cantare vittoria.  Chi sostiene la sua venuta ha già cominciato a prendere le sue difese.

Continuiamo a dire NO alla venuta in Italia dal 7 al 17 maggio dell’imam Tareq Al-Suwaidan per predicare alle comunità islamiche e incitarle al ritorno del Califfato….. Suwaidan è noto per le sue posizioni antisemite, per essere sostenitore dell’espansione del Califfato e della guerra santa, oltre che per essere membro dei Fratelli Musulmani, organizzazione fuorilegge considerata terroristica da parte dei governi dei seguenti paesi: Bahrain, Egitto, Russia, Siria, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Tagikistan e Uzbekistan; finanziata invece da Turchia e Qatar.

Ora, per ben dieci giorni, dal 7 al 17 maggio, è programmato il suo tour in più tappe nel nord Italia per illustrare alle comunità islamiche il suo programma di conquista. Per osa si sa che parlerà almeno a Verona, Como e Reggio Emilia.

Molto facoltoso, grande comunicatore e molto presente sulla scena mediatica musulmana, da anni predica la conquista di Roma da parte dell’Islam. 

E’ sponsorizzato dall’Unione delle Comunità Islamiche in Italia, che hanno un rappresentante presso il ministero dell’Interno, ed è già venuto in Italia in passato, per cui difficilmente l’Italia riuscirà a opporsi al suo ingresso, benché per le sue posizioni e i suoi trascorsi sia già oggetto d’interdizione all’ingresso in USA, Emirati arabi, Arabia sauditi e Belgio, che oltre a tenerlo fuori dalle frontiere, hanno anche vietato la vendita di suoi libri e scritti. 

Oltre ad aver più volte invitato i suoi seguaci a dare atto, come voluto da Maometto, alla conquista di Roma e all’imposizione della legge coranica, ha sempre proclamato anche l’antisemitismo, pronunciando frasi come «Tutte le madri della comunità islamica - non solo quelle palestinesi - dovrebbero allattare i propri figli con l’odio verso i figli di Sion. Li odiamo, sono i nostri nemici. Dobbiamo instillare questo nei cuori dei nostri figli sino a che sorgerà una nuova generazione che li cancellerà dalla terra».

Persone che predicano il non rispetto delle altre civiltà, incitano all’odio nei confronti di chi non crede nel loro dio e fautori del terrorismo internazionale, non devono poter mettere piede in Italia per diffondere il loro verbo.

Per ora sappiamo che il Ministro Alfano è dalla nostra parte, ma dobbiamo continuare a farci sentire con forza, per avere garanzia che il nostro paese sia difeso con certezza da chi vuole attentare alla nostra cultura e alla nostra sicurezza. Non vogliamo scoprire tra un mese che Suwaidan è riuscito a passare le frontiere.



Oggi: sara conta su di te

sara mag ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "ANCORA NO ALLA AL PROSELITISMO DEL CALIFFATO E DELLA JIHAD IN ITALIA E A ROMA ISLAMICA". Unisciti con sara ed 3.734 sostenitori più oggi.