rinuncia al condono edilizio, Comune e Stato devono restituire quanto versato

rinuncia al condono edilizio, Comune e Stato devono restituire quanto versato

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!
BORTOLOTTI & PARTNERS ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Amministrazioni comunali e a

i tre condoni edilizi - 1984 - 1994 - 2004 sono stati l'opportunità per milioni di italiani di ottenere il condono edilizio per abusi edilizi. i comuni si sono trovati con centinaia di migliaia di condoni da verificare, istruire ed evadere con il rilascio della concessione. alcuni condoni non erano ammissibili per le più svariate motivazioni (inedificabilità, vincolo cimiteriale, ambientale, monumentale,...), tuttavia nelle singole regioni a distanza di 40 anni sono subentrate leggi e normative che sopperiscono all'abuso edilizio, garantendo la regolarizzazione dell'abuso edilizio, a fronte di modeste sanzioni amministrative. procedure adottate da moltissimi professionisti al fine di regolarizzare opere che erano rimaste "irregolari". In tutto ciò molti non sanno,  che quanto versato al Comune (costo di costruzione) e allo Stato (oneri di urbanizzazione),   per accedere all'istanza di condono,   deve essere rimborsato al contribuente che non ha ottenuto il provvedimento autorizzativo al mantenimento delle opere, nelle more dei tre condoni edilizi. la bortolotti & partners di claudia bortolotti si batte con tenacia nell'interesse dei diritti del cittadino. le istituzioni non posso omettere un onere, un debito che, se maturato, va restituito, anche come conguaglio su altre imposte (IMU, TASI...) , ma DEVE ESSERE RESTITUITO

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!