Sosteniamo l'Istituto di Storia della Resistenza di Asti (ISRAT)

0 hanno firmato. Arriviamo a 2.500.

Luca Anibaldi
Luca Anibaldi ha firmato questa petizione

La decisione dell’amministrazione comunale di Asti, di operare un taglio ai fondi destinati al sostegno dell’attività dell’ISRAT, mette a serio rischio la piena operatività dell’Istituto: lo studio e la ricerca storica svolto sul territorio, ma soprattutto il lavoro di approfondimento nelle scuole sui fenomeni di xenofobia, razzismo, antisemitismo e altre forme di discriminazione.

Chiunque si sia avvicinato all’Istituto, ha potuto trovare nella dott.ssa Fasano e nel dott. Renosio due storici preparati i cui lavori di ricerca sono citati spesso in pubblicazioni di grande valore scientifico a livello nazionale. Due risorse per il territorio che, grazie all’umiltà che li contraddistingue, hanno saputo trattare con lo stesso riguardo il grande studioso e il ricercatore locale.

Per questo motivo, profonda è la nostra riconoscenza per averci accompagnato in questi anni di lavoro, rendendo possibili anche progetti che, senza il loro contributo, non avrebbero visto la luce.

L'ISRAT è patrimonio di tutti. Al posto di innalzare muri contro le persone dovremmo salvaguardare certi baluardi contro l'ignoranza. Se ritieni che l'ISRAT sia un presidio indispensabile per contrastare l'oblìo dei valori fondanti della Resistenza e della nostra società democratica, firma e fai firmare questa petizione.

L'ISRAT è anche tuo! 

POLO CITTATTIVA ASTIGIANO ALBESE