Mai più morie di pesci nel Tevere! Stop agli scarichi fognari nel fiume della Capitale!

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.


Per l’ennesima volta, sabato 30 maggio, i cittadini di Roma che frequentano le sponde del Tevere, hanno dovuto assistere alla morte di migliaia dei pesci che lo popolano, in quello che è stato un vero e proprio disastro ambientale annunciato.

Negli ultimi anni, infatti, le prime piogge dopo lunghi periodi di siccità, hanno regolarmente provocato il riversamento nel fiume delle acque provenienti dai marciapiedi e dalle strade della città. Un micidiale mix di idrocarburi e metalli pesanti, che arrivano nel Tevere attraverso una serie di scarichi fognari distribuiti lungo tutto il suo tratto cittadino.

A Ponte Milvio, Ponte della Musica, Santo Spirito, Castel Sant’Angelo, Cloaca Maxima, Gazometro, Fosso della Maglianella, Via delle Idrovore della Magliana, solo per citare alcuni dei punti di riversamento più noti, i veleni provenienti della città, invece che essere smaltiti e inattivati dai depuratori, sono scaricati direttamente nel fiume, con i risultati devastanti per l’ittiofauna che tanti romani hanno potuto constatare con i propri occhi pochi giorno orsono.

A morire un’enorme quantità di pesci, appartenenti alle tante specie che vivono nel Tevere cittadino. Un ambiente ad alta biodiversità, nonostante l’opinione di molti romani, che, erroneamente, considerano quello della loro città un fiume “morto”. Carpe, cavedani, barbi, siluri, bremes, tinche, luciperca, e anche le cheppie provenienti dal mare, finiti tristemente a marcire a migliaia lungo le sue sponde. Con gravissimo danno per l’ecosistema fiume, ma anche per la salute di chi vorrebbe vivere lungo un corso d’acqua sano e vitale.

Chiediamo che le autorità comunali e regionali preposte alla tutela del Tevere facciano finalmente un passo concreto per la salvaguardia degli animali, pesci, ma anche moltissimi uccelli acquatici, che lo popolano.

A queste autorità chiediamo che, con provvedimento di urgenza, tutti gli scarichi fognari che riversano, dopo le piogge, le loro velenose acque nel nostro fiume, siano individuati e definitivamente chiusi.  

Mai più morie di pesci nel Tevere romano!
Chiudere subito tutti gli scarichi fognari nel tratto urbano del fiume della Capitale!