Emergenza Covid-19: Diritti per i marittimi impiegati su navi battenti bandiera estera

Emergenza Covid-19: Diritti per i marittimi impiegati su navi battenti bandiera estera

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.
Quando arriverà a1.500 firme, questa petizione avrà più possibilità di essere presa in considerazione dai media e dai giornali locali!

Francesco Aiello ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Alla Signora Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti On.le Dott.ssa Paola De Micheli

Siamo in un momento storico in cui tutto il tessuto produttivo nazionale sta vivendo con estrema preoccupazione l’evolversi della grave emergenza da Covid-19, anche per l’impatto che sta avendo e continuerà ad avere sul sistema socioeconomico italiano.
L’intero mondo dello shipping, dalla crocieristica al trasporto merci e passeggeri, ha subito un drastico stop, con la conseguenza di aver lasciato a casa e senza lavoro numeri estremamente elevati di cittadini italiani, che in questo contesto si trovano a combattere senza ricevere tutela alcuna dallo Stato in cui vivono.
L’eccezionale situazione sinora delineatasi, determinata dall’emergenza epidemiologica, richiede l’individuazione di prime e urgenti misure di sostegno straordinario al comparto.

Alla Signora Ministra
delle Infrastrutture e dei Trasporti
On.le Dott.ssa Paola De Micheli
Sua Sede

Per queste ragioni, riteniamo opportuno sottoporre alla Sua attenzione l’esigenza di adottare da subito le seguenti misure:

Intervento eccezionale di sostegno al reddito a favore di tutti i marittimi italiani impiegati a bordo di navi battenti bandiera estera, in situazioni di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa a causa del fermo delle navi.

Defiscalizzazione dei redditi prodotti nell’anno 2020 per evitare l’obbligo, irregolare, di doppia imposizione per tutti coloro che non riusciranno a cumulare i 183 giorni di lavoro.

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.500.
Quando arriverà a1.500 firme, questa petizione avrà più possibilità di essere presa in considerazione dai media e dai giornali locali!