RITORNO AL TRIBUNALE DI NAPOLI PER I TERRITORI DI AFRAGOLA, CASORIA, CASAVATORE, ARZANO

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


La riforma della geografia giudiziaria, attuata con i decreti legislativi nn. 155 e 156 del 2012, disponendo la soppressione delle sezioni distaccate di Tribunale presenti sui territori di Afragola e Casoria, ha - nel contempo - previsto l’accorpamento degli ambiti territoriali siti in tali mandamenti nel costituto Tribunale di Napoli Nord, allocato nel Comune di Aversa, in provincia di Caserta.

Siffatta revisione della Geografia giudiziaria ha prodotto e sta producendo effetti devastanti non solo per gli utenti, che quotidianamente operano nel settore giustizia ma, di fatto, ostacola l’accesso dei cittadini dei Comuni di Afragola, Arzano, Casavatore e Casoria, ed in particolare per quelli meno abbienti, in totale violazione di diritti costituzionalmente garantiti.

 

Molteplici e diverse appaiono le cause che delegittimano l’assegnazione dei citati Comuni all’ambito territoriale del Tribunale di Napoli Nord (Aversa Provincia di Caserta):

 1.      la distanza territoriale tra i predetti Comuni e la sede del Tribunale di Napoli Nord (Aversa Provincia di Caserta): è resa incolmabile dalla totale assenza di un collegamento diretto tra il territorio di Afragola, Arzano e Casavatore e quello di Aversa, non contemplato – ad oggi – da un servizio di trasporto pubblico.;

2.      l’imponente varietà di rapporti economici, sociali e culturali che fondono il territorio dei Comuni posti a nord di Napoli (Afragola, Arzano, Casavatore e Casoria) con quello napoletano in un unicum inscindibile, tanto che gli stessi rientrano a pieno titolo  nella costituita Città Metropolitana di Napoli;

3.      lo scandaloso aumento dei costi, gravanti sulla nostra Comunità, già segnata dall’imperante crisi economica, in conseguenza dalla assegnazione ad un ufficio giudiziario distante decine di chilometri.

4.     la molteplicità dei comuni componenti il circondario del tribunale di Napoli Nord, terzo in Italia per bacino d’utenza, è tuttora causa di un ingolfamento del servizio giustizia tale da spingere il Presidente del locale Consiglio dell’Ordine degli Avvocati a parlare, in una recente lettera aperta al Ministro della Giustizia, di “disastro giudiziario”. Del medesimo tenore anche il pregresso grido d’allarme del procuratore generale, del Presidente della Corte d’appello di Napoli, nonché dell’ANM.

    E’ evidente che la riforma della cosiddetta geografia giudiziaria, così come è stata concepita, risulta irrazionale: non ha rispettato alcun criterio geografico territoriale, considerato che Afragola ed Arzano distano meno di 5 chilometri da Napoli e che Casoria e Casavatore addirittura confinano con quest’ultima, mentre il tribunale di Napoli Nord è situato ad oltre 30 chilometri da tali località;  ha comportato ripercussioni dannose all’unitarietà culturale, economica e sociale delle comunità locali, obbligate a un inutile e controproducente dispendio di risorse pubbliche e private; ha negativamente inciso sul servizio giustizia.

     Con la presente petizione si intende rispondere alle esigenze delle comunità locali, scorporando i comuni summenzionati dal circondario del tribunale di Napoli Nord in Aversa in provincia di Caserta,  contemporaneamente assegnandoli all’ambito territoriale del tribunale di Napoli.

Pertanto,  con la presente i cittadini dei Comuni di Afragola, Arzano, Casavatore  e Casoria

SOLLECITANO

l’intervento immediato delle Istituzioni al fine di apportare modifiche e correttivi ai D.lgs n. 155 n. 156, ravvisatane la necessità e l’urgenza nei motivi di cui sopra, al fine di scorporare i detti Comuni dal Circondario del Tribunale di Napoli Nord (Aversa Provincia di Caserta), disponendo la contemporanea assegnazione degli stessi all’ambito territoriale del Tribunale di Napoli.


Vuoi condividere questa petizione?