PETIZIONE CHIUSA

Richiesta Assemblea installazione di antenna nel comune di Casperia

Questa petizione aveva 118 sostenitori


Al Sindaco di Casperia
All’ Amministrazione Comunale di Casperia

Essendo venuti a conoscenza, sulla decisione di questa Amministrazione, di voler posizionare sul territorio comunale un traliccio per installazione di stazioni di radio base per telefonia mobile e tele comunicazioni, i sottoelencati cittadini scrivono quanto segue:
E’ ormai tristemente noto a tutti come l’esposizione a campi elettromagnetici comporti un aumento dell’insorgenza di leucemia infantile, testimoniato, da una notevole percentuale delle ricerche sull’argomento, che puntualizzano, come la vicinanza alle radiazioni elettromagnetiche crei: “un rischio cancerogeno soprattutto nei bambini che vivono nei pressi di una sorgente di campo” (leucemia infantile).

Oggi, il proliferare selvaggio delle sorgenti di campo elettromagnetico ha generato un incredibile aumento delle persone potenzialmente esposte ai rischi derivati da tali installazioni ed è particolarmente evidente nelle aree urbane, dove lo sfruttamento del territorio è così capillare, da consentire ad esempio, l’installazione sulle nostre case, scuole, ospedali, edifici pubblici e privati di centinaia di antenne di radio base per telefonia cellulare e ripetitori creando in concomitanza con altre forme di inquinamento: polveri sottili, cibo, CO2 etc…. effetto di dannoso accumulo sull’organismo.

Se ciò è particolarmente evidente nelle aree urbane, in aree rurali ed a bassa densità abitativa come per esempio la sabina e in particolare il comprensorio di Casperia risulta irrilevante; ma… la fortuna forse, od il privilegio di vivere in un territorio fino ad ora integro ed esente da rischi ambientali potrebbe essere minacciata da incaute scelte dell’ amministrazione Comunale non condivise con tutta la popolazione.
L’amministrazione ha bloccato l’installazione del traliccio a un privato cittadino che era disposto ad autorizzarne l’installazione sul proprio terreno all’insaputa dei vicini.

Il divieto dell’installazione operata dall’ Amministrazione ad un privato cittadino è stato un atto di coerenza con i presupposti e la vocazione ambientale virtuosa di questi luoghi, divieto sostenuto dall’ esistenza di un regolamento.

Apprendiamo dai giornali che la società telefonica ha ricorso al TAR ma quest’ultimo ha dato ragione all’ Amministrazione Comunale.
L’attuale giurisprudenza nega agli enti locali di impedire totalmente l’istallazione delle antenne e per evitare che un gestore ricorra alla Magistratura contro un diniego totale gli Enti Locali, pur non avendo un obbligo preciso, adottano un Regolamento che mira almeno a disciplinare a livello urbanistico dove mettere e dove impedire l’istallazione; in una delle ultime leggi approvate dal Parlamento presentate dal Governo Monti vi è un ulteriore regime di semplificazione per l’istallazione delle antenne, ottenuto grazie alle pressioni dei gestori di telefonia.

Eppure esiste nel diritto europeo il principio di precauzione, principio che si deve applicare nel momento in cui la ricerca scientifica non possiede elementi rassicuranti sulla sicurezza e la salute di un qualsiasi prodotto o servizio.

Eppure esiste quell’ Istituto chiamato “assemblea cittadina” che permetterebbe di realizzare un dibattito condiviso e partecipato con i propri cittadini, di ascoltare anche delle voci autorevoli del settore medico sui rischi connessi a tali installazioni e valutare le soluzioni tecnologiche meno impattanti .
Siamo ancora in tempo per invitare l’ Amministrazione Comunale a rivedere insieme alla popolazione le proprie scelte nell’interesse primario dei cittadini, quello della salute?

Signor Sindaco, quale garante della salute pubblica ci appelliamo, affinché tuteli veramente i suoi cittadini da rischi ambientali, proponendo un incontro pubblico nel quale si instauri un dibattito sui metodi e le ragioni che hanno spinto l’amministrazione a prendere decisioni cosi importanti per la salute pubblica e infine ci auguriamo che tramite un civile contraddittorio con tutte le parti, si possa raggiungere una soluzione trasparente, condivisa e di tutela della salute pubblica.

 

ENGLISH VERSION

Open letter to the local authorities

Municipality of Casperia

Attention of The Mayor Mr Petrocchi

The undersigned, local citizens, frequent visitors and affectionate admirers of Casperia, having acquired
the news of the of the local council’s decision, to erect , in the territory of Casperia a Mast, for the
installation of a transmitter hub for mobile phones and telecommunication, herewith express their
disapproval of such an arbitrary decision, and hereunder give adverse reasons for such objection.

It is now a well known unfortunate fact, that exposure to electromagnetic fields, increases the
development of leukemia in children, with multiple testimonials, in medical and scientific research on the
subject, resulting in the specification that “ living within the vicinity of radiation from an electromagnetic
field is a carcinogenic risk, especially for children”.

Casperia, is a beautiful virgin territory, where people also come to escape the stress and pollution of city
life, and the installation of such a polluting factor, will destroy this privilege, adding, to the other already
existing forms of pollution that the population has to deal with, as well as impairing the image of the
now internationally known attraction ‘Sabina a stunning landscape’ and the nomination of ‘Bandiera
Arancione.’

The local council, by law, needs to assign a piece of land for the installation of a telecommunication
transmitter mast but due to the importance of such a decision and the whereabouts, the local community
should be advised, in order to state their opinions or objections, and maybe invited to suggest along with
the participation of experts, a more ecological and less dangerous choice, or even a renouncement.

The organization denominated ‘No Antenna’ request that the local administration convene a public
meeting, inviting experts in the field to discuss the risk involved, and the possibilities of other more
technologically advanced and less dangerous solutions.

Mr. Mayor, as guarantor of public health, we ask you to indeed guarantee the health and safety of the
citizens and visitors to Casperia, protecting us from enviromental hazards, and for this purpose, we
ask you to call a public meeting, in order to illustrate the reasons which brought the administration to
make this decision, and during which encounter, we hope to reach a peaceful, appropriate and civilized
agreement on all sides to obtain a solution.



Oggi: Alberto conta su di te

Alberto Arena ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Amministrazione Comunale di Casperia: Richiesta Assemblea installazione di antenna nel comune di Casperia". Unisciti con Alberto ed 117 sostenitori più oggi.