Migliorare la sicurezza stradale sulle strisce pedonali: stop agli investimenti mortali!

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


"​Dopo due settimane di agonia è morta all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso Antonela Kmet, la mamma di Pieve di Soligo investita sulle strisce pedonali lo scorso 25 settembre, poco dopo le 17, mentre attraversava la strada con i due figli di 11 e 5 anni. La donna, di 46 anni e di origini croate, non si è più ripresa dopo essere stata travolta da un’auto guidata da una un’anziana di 87 anni. La mamma era riuscita a salvare i figli facendo scudo con il proprio corpo ma aveva subito ferite gravissime al capo ed era stata operata in ospedale."



"Le cause d’incidente negli attraversamenti sono molteplici e non possono essere solo ricondotte all’azione “irresponsabile” del pedone, ma vanno invece ricercate soprattutto nella mancata pianificazione degli itinerari pedonali urbani, nella disordinata organizzazione delle funzioni urbane, nella scarsa pianificazione del traffico veicolare e nella scarsa qualità di progettazione dell’infrastruttura stradale. Purtroppo si è abituati a vedere l’attraversamento pedonale come un elemento che blocca il flusso veicolare transitante sulla strada, cioè il pedone che attraversa è considerato un elemento che interrompe, cioè penalizza, il regolare deflusso dei veicoli. Questo concetto deriva dall’abitudine generale di considerare tutte le strade con le stesse caratteristiche di quelle extraurbane, in cui invece correttamente si privilegia il transito dei veicoli a motore. In ambiente urbano è il flusso veicolare che interrompe il percorso pedonale, cioè sono gli autoveicoli che, transitando sull’attraversamento, penalizzano il deflusso pedonale. A questo riguardo, alcuni anni fa, era stato fatto emergere come la segnaletica orizzontale degli attraversamenti fosse sbagliata, perché le fasce bianche si presentano perpendicolari al percorso del pedone e longitudinali a quello del veicolo, mentre dovrebbero essere perpendicolari all’asse stradale, per trasmettere il messaggio dell’arresto del veicolo, risultando longitudinali al percorso pedonale."

Estratto da: Linee guida per la progettazione degli attraversamenti pedonali - ACI, pag. 3

  • SEGNALETICA STRADALE

Anche in Italia le strisce pedonali 3D: saranno utili?
12 ottobre 2016 - Alcuni comuni del Bel Paese hanno realizzato strisce con grafica 3D come quelle viste in Asia, per migliorare la sicurezza dei pedoni.

Articolo di Omar Fumagalli

"È di questa primavera la notizia, proveniente dall’India, di strisce pedonali disegnate per generare un effetto 3D. O meglio, anche se già da vari anni qualcuno in Cina e USA le aveva proposte con spunti artistici, è dallo scorso aprile che la fantasiosa creazione realizzata dall’artista Saumya Pandya Thakkar, gira maggiormente il web e il mondo reale, commentata più o meno positivamente senza sinora dei riscontri certi e condivisi, almeno dalle nostre parti.

Dopo una certa diffusione in nazioni critiche per la sicurezza del flusso pedonale, come la stessa India e la Cina, con giudizi favorevoli anche per parola delle istituzioni locali, ora in Italia qualche comune ha preso spunto per provare a disegnare su alcuni attraversamenti pedonali (spesso nei pressi delle scuole) un nuovo e più articolato genere di striscia che, grazie all’effetto ottico generato soprattutto se vista a distanza, può indurre a un maggior rallentamento chi alla guida di un veicolo si avvicini ai punti dove transitano i pedoni."

Dopo aver appreso la tragica notizia della morte di Antonela Kmet rivolgo, con profonda commozione, un appello accorato alle autorità e alle associazioni preposte all'organizzazione, alla regolazione del traffico automobilistico e alla manutenzione della viabilità su strade urbane ed extraurbane, per migliorare la sicurezza e per proteggere la vita e l'incolumità delle persone nell'attraversamento sulle strisce pedonali. 

Sulla base dell'esempio seguito in alcuni comuni italiani, si ponga maggiore attenzione ad estendere l'introduzione dei modelli di strisce con grafica 3D su tutto il territorio nazionale, considerato il fatto che l’idea è semplice, poco costosa e non comporta l’uso di alta tecnologia.



Oggi: Florenza conta su di te

Florenza Nacca ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: Migliorare la sicurezza stradale sulle strisce pedonali: stop agli investimenti mortali!". Unisciti con Florenza ed 8 sostenitori più oggi.