PETIZIONE POPOLARE AL SENATO: NO RIMOZIONE VIA ALESSANDRINA E METRO C, TRATTA T3.

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.


Prof.ssa GIANNONE PAOLA                                                                                    Via Duccio di Buoninsegna, 29 - 00142 Roma                                                      Mob.: 3315807414                                                                                                PEC: p.giannone@pec.archrm.it                                                                               E-mail: p.giannone@yahoo.it 

 Al Presidente della Repubblica Italiana                                                                   On. Sergio MATTARELLA                                                                                          Al Presidente del Consiglio dei Ministri                                                                Matteo RENZI                                                                                                             Al Presidente del Senato della Repubblica                                                           Sen. Pietro GRASSO                                                                                                Al Presidente della Camera dei Deputati                                                                 On Laura BOLDRINI                                                                                                 Al Ministro per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo                                              On. Dario FRANCESCHINI                                                                                         Al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca                                          Prof.ssa Stefania GIANNINI                                                                                         Al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti                                                             On. Graziano DEL RIO                                                                                                Al Ministro dell’Ambiente                                                                                               On. Gian Luca GALLETTI                                                                                             Al Presidente della Commissione Trasporti,                                                                 On. Michele Matteo META                                                                                             Al Presidente del CIPE                                                                                                 Dott. FERRUCCIO SEPE                                                                                             Al Segretario della Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni della Camera On. Mirella LIUZZI                                                                                                         Al Presidente Del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici                                             Ing. Massimo SESSA                                                                                                     Al Segretario Generale Del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici                             Ing. Giuseppe IANNIELLO                                                                                            Al Presidente ANAC                                                                                                     Dott. Raffaele CANTONE                                                                                               Al  Direttore Generale per le Antichità MiBACT                                                             Dott. Gino FAMIGLIETTI                                                                                               Al  Soprintendente Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e  l’Area Archeologica di Roma                                                                                                   Arch. Francesco PROSPERETTI                                                                                 Al Direttore Generale Belle Arti e Paesaggio  MiBACT    

                                                                                                                                Dott. Francesco SCOPPOLA                                                                                      Al Sindaco di Roma                                                                                                       On. Virginia RAGGI                                                                                                       Al Direttore del Dipartimento Mobilità e Trasporti                                                         Ing. Maurizio VIOLA                                                                                                                                                                                                                                           Al Sovrintendente Capitolino ai Beni Culturali                                                              Dott. Claudio PARISI PRESICCE                                                                                Al Presidente della Regione Lazio                                                                               On. Nicola Zingaretti                                                                                                      Al Presidente del Municipio 1, centro                                                                                                                                                                                                               Dott.ssa Sabrina ALFONSI                                                                                                                                                                                                                                Al Consigliere del Municipio 1, centro                                                                                                                                                                                                               Dott.ssa Maria Giuseppina CAMPANINI                                                                       A ROMA METROPOLITANE                                                                                         Ing. Andrea SCIOTTI

                   PETIZIONE POPOLARE AL SENATO DELLA REPUBBLICA

 NO RIMOZIONE DELLA VIA ALESSANDRINA E METRO C, TRATTA T3                 

                   Egregio Presidente del Senato della Repubblica                        

                                Sen. Pietro GRASSO         

          La sottoscritta prof.ssa Giannone Paola, iscritta al n. 8.125 dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia, confida nell’interessamento della S.V.I. e in quello di tutti i Senatori per gli Atti rivolti all'annullamento delle Autorizzazioni, eventualmente, rilasciate dai Ministri “Pro tempore” e di ogni Accordo, intercorso tra i medesimi con il Sindaco “pro tempore” Ignazio Marino, relativamente all’oggetto della Petizione: NO RIMOZIONE DELLA VIA ALESSANDRINA  e METRO C, TRATTA T3, come riportato nel Comunicato del MiBACT del 30 dicembre 2014, che reca in allegato la Relazione finale: Commissione paritetica MiBACT-Roma Capitale per l’elaborazione di uno studio per un Piano strategico per la sistemazione e lo sviluppo dell’Area Archeologica Centrale di Roma (documento in formato pdf, peso 2217 Kb, data ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2015 ).                                                            Franceschini: grande passo avanti per area archeologica urbana più grande del mondo                                                                                                                           Marino: proposte che puntano a valorizzare patrimonio storico artistico di Roma                                                                                                                                              http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Comunicati/visualizza_asset.html_1842016686.html                                                                                                                                         La sottoscritta prof.ssa GIANNONE PAOLA ha presentato la Richiesta ai sensi della l. 241/90, del D.lgs n. 33/2013 e successive modificazioni e integrazioni di prendere visione ed estrarre copia di tutti i documenti relativi all’oggetto, ivi compresi i contratti d’appalto, eventualmente stipulati, anche come da nota allegata, avente in oggetto:                                                                            

STRUTTURA PROPONENTE: SOVRINTENDENZA CAPITOLINA AI BENI CULTURALI con la Diffida all’esecuzione di ogni lavoro edile in difetto delle prescritte Autorizzazioni, come per legge, al fine di chiarire se, a seguito della dichiarazione, rilasciata nella: Relazione finale: Commissione paritetica MiBACT-Roma Capitale per l’elaborazione di uno studio per un Piano strategico per la sistemazione e lo sviluppo dell’Area Archeologica Centrale di Roma: … ”Per tali motivi, la Commissione, accogliendo quanto già proposto nelle Linee Guida 2008, ritiene opportuna la rimozione della via, ma, al tempo stesso, sottolinea la necessità di predisporre un progetto organico, non limitato solo all’eliminazione di un tratto, con la realizzazione di una passerella, ma dell’intero tracciato. Infatti, una volta ricostituiti nella loro integrità gli spazi dei Fori, sarà possibile consentire la continuità fra Mercati Traianei, Foro di Traiano, Foro di Augusto, Foro di Nerva e sfruttare i collegamenti con il quartiere Monti, ripristinando il percorso dell’Argileto dal Foro di Nerva.”:

·         Sia stato fatto il “progetto organico”, che il Sindaco Ignazio Marino e la Sua Giunta avrebbero dovuto sottoporre al Dibattito Pubblico per essere da questo approvato ai sensi del D.lgs n. 50/2016, la Riforma del Codice degli Appalti, approvata il 19 aprile 2016:                                                                                                                                                                       http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2016-04-19&atto.codiceRedazionale=16G00062 ·    Considerato che è stata emessa la Determinazione Dirigenziale rep. N. 20 del 18/01/2016 nel periodo di Commissariamento del Comune di Roma da parte del Prefetto Francesco Paolo Tronca, come da:                      http://www.sovraintendenzaroma.it/content/download/18330/482343/file/2016-01-18_dd_rep_n_20+VIA+ALESSANDRINA    +SCAVO+ARCHEOLOGICO+E+VALORIZZAZIONE.pdf.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Considerato che non risulta sottoposto al Dibattito Pubblico da parte del Commissario Straordinario, Prefetto Francesco Paolo Tronca, il detto “progetto organico”;                

Considerato che, per i numerosi rilievi di mancato rispetto delle leggi di tutela dei Beni Culturali e degli art. 9, 117 e 118 della Costituzione, il Dibattito Pubblico ne avrebbe negato la fattibilità per i seguenti sotto elencati motivi:                                                          

Vista la Costituzione della Repubblica Italiana, Principi Fondamentali, art. 9               Vista la Costituzione della Repubblica Italiana, Titolo V, art. 17, lettera s)                   Vista la Costituzione della Repubblica Italiana, Titolo V, art. 18, commi 1 e 3               Vista la l. 42/04, art. 146 Vista la l. 42/04, art. 10, lettera g)                                  Visto il Decreto di Vincolo Archeologico del 22 giugno 1991                                   Visto il Decreto di Vincolo Archeologico del 20 dicembre  2001                                  Visto il Decreto di Vincolo Ambientale del 2007 su tutta l’Area di Via dei Fori Imperiali                                                                                                                  Visto il DECRETO LEGISLATIVO 19 aprile 2016, n. 50, Riforma del Codice degli Appalti 

Considerato che “lo Stato ha legislazione esclusiva  ai sensi della l. 42/04, art. 10, lettera g) sulle pubbliche piazze, vie, strade e altri spazi aperti urbani di interesse artistico e storico”;                                                                                                 Considerato che la Relazione finale, punto “4.2.1.2. Via Alessandrina, Via Bonella, Via Baccina e altri collegamenti trasversali” non reca riferimenti relativi alle necessarie Autorizzazioni Parlamentari di Camera e Senato,  relativamente alla conclusione: “rimozione totale della Via Alessandrina, Via Bonella, Via Baccina e altri collegamenti trasversali”;                                                                        Considerato che non risultano pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale Atti della Camera dei Deputati  che dispongano la "rimozione della Via Alessandrina, Via Baccina e altri collegamenti trasversali;                                                                                          Considerato che non risultano pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale Atti del Senato della Repubblica, che dispongano la "rimozione della Via Alessandrina, Via Baccina e altri collegamenti trasversali;                                                                             Tenuto conto che nel cantiere aperto sulla Via Alessandrina in data 29 giugno 2016 non era stato esposto il cartello relativo alla “denuncia inizio attività”, ma che il cartello, allegato, è stato trovato esposto in data   03 luglio 2016 per la comunicazione pubblica ai cittadini dei dati relativi agli interventi che si stanno facendo: il Committente e/o i Committenti dell'opera, la Ditta Appaltante, l'importo dei lavori e i Responsabili degli stessi, in oggetto;                                                         Considerato che  non risulta dichiarato il “PERMESSO DI COSTRUIRE” con il relativo Numero e Data di rilascio e la DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA’ con il relativo Numero e Data, il RESPONSABILE DEI LAVORI e l’IMPORTO DEGLI STESSI, come da allegato.                                                                                         La citata Relazione finale del MiBACT, in particolare per i punti:                        4.2.1.2. Via Alessandrina, Via Bonella, Via Baccina e altri collegamenti trasversali. La via Alessandrina, recentemente riaperta al pubblico, costituisce la sola testimonianza superstite dell’esteso quartiere che, a partire dal XVI secolo, si formò nell’area dei Fori Imperiali, e fu poi completamente distrutto negli anni Trenta per l’apertura di Via dell’Impero, ora Via dei Fori Imperiali. Al momento essa rappresenta una sorta di viadotto, posto tra vuoti (essendo stati eliminati gli edifici che la costeggiavano) oltre che un ostacolo alla comprensione dell’area dei Fori Imperiali. Peraltro, essa determina due modi diversi di vedere gli scavi: la parte risistemata da Gismondi e la parte residua che ha conosciuto circa vent’anni fa solo alcune delle opere strettamente necessarie per la messa in sicurezza delle scarpate, caratterizzate da una scarsa qualità rispetto all’intero complesso dei Fori imperiali. La rimozione di un tratto della via Alessandrina, cogliendo l’opportunità degli scavi previsti con fondi del Governo dell’Azerbaigian (da integrare con altri fondi se non sufficienti), permetterà la riunificazione di un ampio settore del Foro di Traiano. Per tali motivi, la Commissione, accogliendo quanto già proposto nelle Linee Guida 2008, ritiene opportuna la rimozione della via, ma, al tempo stesso, sottolinea la necessità di predisporre un progetto organico, non limitato solo all’eliminazione di un tratto, con la realizzazione di una passerella, ma dell’intero tracciato. Infatti, una volta ricostituiti nella loro integrità gli spazi dei Fori, sarà possibile consentire la continuità fra Mercati Traianei, Foro di Traiano, Foro di Augusto, Foro di Nerva e sfruttare i collegamenti con il quartiere Monti, rispristinando il percorso dell’Argileto dal Foro di Nerva.”.

1 A tale proposito il prof. A. La Regina esprime il proprio dissenso ritenendo che la conservazione del ‘segno’ della strada moderna risponda a forme di malinteso storicismo. Il prof. La Regina ritiene, altresì, che l’enunciato, pienamente condivisibile, di non considerare l’area monumentale archeologica un comparto separato dal resto della città appaia in contraddizione con l’ipotesi di conservare un asse di scorrimento veloce attraverso i Fori imperiali ad un livello diverso da quello di età antica e medievale. Il proposito di restituire funzionalità urbana agli spazi monumentali comporterebbe invece la creazione di percorsi carrabili, anche se meno lineari e meno livellati, alle quote antiche. Questo sarebbe certamente possibile anche al fine di consentire il transito di mezzi pubblici nella misura ridotta già proposta per la via dei Fori imperiali, con sistemazioni più accorte ma non sostanzialmente diverse da quelle esistenti nelle aree del Colosseo, dell’Arco di Costantino e di altri monumenti. Ritiene, infine, ancora valida la proposta architettonica, secondo il suo parere, più interessante formulata nella seconda metà del Novecento per la zona monumentale antica di Roma, e forse per tutta la città: il progetto Benevolo-Scoppola (1988) per il ripristino di un volume funzionale nel vuoto creato con lo sbancamento della Velia al fine di restituire continuità tra la Villa Rivaldi e la Basilica di Massenzio.

Relazione finale: Commissione paritetica MiBACT-Roma Capitale per l’elaborazione di uno studio per un Piano strategico per la sistemazione e lo sviluppo dell’Area Archeologica Centrale di Roma http:// www.beniculturali.it/mibac/ export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/ Comunicati/visualizza_asset.html_18420 16686.html

https://www.facebook.com/ paola.giannone.560media_set?set=a.15680664967 52233.1073741880.100006466927803&type=3 https://www.facebook.com/ paola.giannone.560/ media_set?set=a.15680515767 53725.1073741879.100006466 927803&type=3&qsefr=1                                                                                                Vista la Commissione paritetica MiBACT-Roma Capitale per l’elaborazione di uno studio per un Piano strategico per la sistemazione e lo sviluppo dell’Area Archeologica Centrale di Roma (documento in formato pdf, peso 2217 Kb, data ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2015); Considerata la Relazione finale: Commissione paritetica MiBACT-Roma Capitale per l’elaborazione di uno studio per un Piano strategico per la sistemazione e lo sviluppo dell’Area Archeologica Centrale di Roma;                                         http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Comunicati/visualizza_asset.html_1842016686.html       Considerato il punto  4.4.1. Piazza Venezia. “Lo scavo degli Auditoria sarà oggetto di prossimo completamento lungo il versante piazza Venezia, nonché di un restauro, nell’ambito degli interventi per la realizzazione della stazione Venezia della Linea C. Il progetto di valorizzazione del complesso monumentale è in corso di redazione da parte del CG Metro C, nell’ambito dell’uscita “Madonna di Loreto”;                                                                                                                                                          Considerato che la Stazione Venezia della Metro C/T3 è stata cancellata dall’Atto Attuativo del     9 settembre 2013 da ROMA METROPOLITANE SRL                    http://www.romametropolitane.it/stampa/PDF%20Comunicati%20stampa/Atto%20attuativo%209Settembre2013.pdf                                                                           Tenuto conto che la V.I.A. del 2003 è scaduta e non è stata rinnovata, a seguito delle numerose Varianti della Metro C nella Tratta T3;                                       Verificato che sulla Via Alessandrina erano stati iniziati i lavori con la rimozione della pavimentazione, dei quali la sottoscritta aveva preso atto in data 5 giugno 2015, presentando Richiesta ai sensi della l. 241/90 con diffida all’esecuzione di lavori in difetto delle prescritte Autorizzazioni, come per legge;                                                 Considerato che nel mese di giugno 2016 sono stati iniziati i lavori edili con i rilievi geognostici, che nulla hanno a che vedere la dichiarazione in OGGETTO: “Area dei Fori Imperiali - Via Alessandrina: Scavo Archeologico e Valorizzazione” con lo Scavo Archeologico, citato nella Relazione per la Valorizzazione, considerato che lo “Scavo Archeologico”, appena iniziato, ha già ridotto in macerie la Via Alessandrina, che risale al 1570, in difetto delle prescritte Autorizzazioni, come per legge, visto che in tutta l’Area Archeologica Centrale sono vietati i lavori edili dai predetti Decreti di Vincolo del 22 giugno 1991 e del 20 dicembre 2001 e del Decreto di Vincolo Ambientale del 2007 su tutta l’Area di Via dei Fori Imperiali;                                  Vista la Nota: STRUTTURA PROPONENTE: SOVRINTENDENZA CAPITOLINA AI BENI CULTURALI:                                                                                                                                                     http://www.sovraintendenzaroma.it/content/download/18330/482343/file/2016-01-18_dd_rep_n_20+VIA+ALESSANDRINA+-+SCAVO+ARCHEOLOGICO+E+VALORIZZAZIONE.pdf                                              Considerato l’ingente: “Importo di aggiudicazione: Euro 502.798,82 al netto di IVA”, che per “Area dei Fori Imperiali -Via Alessandrina: Scavo Archeologico e Valorizzazione” non corrisponde all’importo dichiarato dalla Soprintendenza stessa di euro 4.000.000 per la Via Alessandrina: “Fori Imperiali - Via Alessandrina Rimozione della strada e scavo archeologico per la riunificazione dei Fori di Traiano, Augusto e Nerva Importo totale € 4.000.000,00 Già finanziato per € 1.000.000,00 da un atto di mecenatismo dell’Azerbaigian”                                                                                                                                                     http://www.sovraintendenzaroma.it/content/download/19084/506310/file/Fori+Imperiali.pdf  

Considerato che la costruzione dei Mercati di Traiano. Museo dei Fori Imperiali comportò la modifica dell’orografia della Collina del Quirinale e per regolarizzare e sostenere il taglio realizzato sulle pendici del colle Quirinale fu progettato un complesso sistema di concamerazioni su sei livelli, realizzato applicando la duttile tecnica costruttiva del cementizio e vari tipi di coperture a volta, superando  40 m di dislivello;                                                                                                            Considerato che la costruzione dei Mercati di Traiano fu, quindi, edificata a più livelli in quel punto proprio per agire da contrafforte e puntellare il colle tagliato, impedendogli di franare;                                                                                                Tenuto cono di quanto dichiarato dalla Soprintendenza: “La rimozione del tratto settentrionale della via Alessandrina permetterà finalmente la riunificazione di uno dei complessi archeologici più importanti al mondo costituito dai Fori di Traiano, Augusto e Nerva.” e, come recita la documentazione, “pur rappresentando così un affaccio privilegiato sugli scavi dei Fori Imperiali e sui Mercati di Traiano.”.                  http://www.sovraintendenzaroma.it/content/download/19084/506310/file/Fori+Imperiali.pdf                                                                                                                      Vista la Relazione finale, però, che non tiene in alcun conto per la rimozione della Via Alessandrina le caratteristiche tecno-statiche dell’interevento in relazione alla funzione di contenimento delle spinte orizzontali del terreno, provenienti dalla Collina del Quirinale attraverso i Mercati Traianei, sia in condizioni statiche che dinamiche, in caso di sisma o di altro cedimento del terreno, della struttura portante con contrafforti e archi della Via Alessandrina, della Via Baccina e del collegamento trasversale, che costituisce un vero e proprio contrafforte di irrigidimento della struttura alla base dei Mercati Traianei.                                                               Tenuto conto di quanto scritto proprio dalla Sovrintendenza:                              “Mercati di Traiano. Museo dei Fori Imperiali. Restauri.                                                Le operazioni di restauro e di miglioramento sismico del complesso denominato Mercati di Traiano, avviate a partire dal febbraio 2004… La finalità dei restauri effettuati e di quelli in progetto, è quella di mantenere il più possibile inalterata la leggibilità e la fruibilità del monumento romano”                            http://www.mercatiditraiano.it/sede/mercati_di_traiano_restauri                                 “Mercati di Traiano. Museo dei Fori Imperiali. Miglioramento antisismico. L’introduzione di una nuova normativa sismica nazionale, avvenuta mentre la progettazione era in corso, ha richiesto ulteriori ricerche e il modello matematico appositamente realizzato ha mostrato la possibilità di un crollo della Grande Aula in caso di onda d’urto sismica orientata in senso nord-sud.                                             I lavori di consolidamento statico hanno riguardato anche il Corpo Centrale, dove ugualmente si è reso necessario l’incatenamento delle strutture e sono state inoltre adeguate alle normative le coperture lignee realizzate negli anni Trenta del Novecento.
In entrambi i casi, per l’inserimento delle catene, si è avuto cura di evitare un’alterazione dell’immagine del monumento, soprattutto sulle facciate principali, inserendo i capochiave nella muratura e ricucendo il paramento laterizio in facciata con i materiali originali recuperati.

Analisi del comportamento statico del complesso dei Mercati di Traiano e progetto degli incatenamenti.                  http://www.mercatiditraiano.it/sede/mercati_di_traiano_restauri/miglioramento_antisismico#c             Mercati di Traiano. Museo dei Fori Imperiali. Restauri futuri.                                                                                      Gli stessi interventi di restauro, valorizzazione e consolidamento statico, verranno realizzati a breve anche nella parte bassa del Monumento. Il grande Emiciclo e le due Aule di testata in particolare, sono infatti interessate dagli stessi problemi riscontrati nella parte alta dei Mercati di Traiano e nella Grande Aula.Analisi delle spinte di scarico nel Grande Emiciclo dei Mercati di Traiano   http://www.mercatiditraiano.it/sede/mercati_di_traiano_restauri/restauri_futuri#c

Considerato che la struttura della Via Alessandrina costituisce un “unicum” con le strutture terminali dei Mercati Traianei, soggette a spinte orizzontali e a ribaltamenti dei rispettivi assi sia verso il Foro di Traiano che verso quello di Augusto e Nerva, come risulta dallo schema soprastante e dalla foto:

Via Alessandrina e Mercati Traianei, visti dal Vittoriano. Via Alessandrina e collegamento trasversale con Via dei Fori Imperiali, un “unicum” strutturale.              Considerato che il Progetto di restauro dei Mercati Traianei faceva riferimento proprio al futuri interventi di consolidamento dei quali non si fa cenno nella Relazione finale del MiBACT; Considerato che non risulta dichiarata la: “Data di stipula del contratto: 00/00/2015”                                                                CHIEDE                                                           Come scritto in epigrafe, l’interessamento della S.V.I. e di tutti i Senatori con la Richiesta che sia fatta                                                                               

·         un'Interrogazione orale con carattere d’urgenza ai sensi dell’art. 151 del Regolamento al Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo RENZI, al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, On. Dario FRANCESCHINI, al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, On Graziano DEL RIO e al Ministro dell’Ambiente, Gian Luca GALLETTI, per conoscere con chiarezza i fatti citati, relativi agli Accordi intercorsi con il Sindaco "pro tempore", Ignazio Marino e per 

·         l’emissione degli Atti rivolti all'annullamento delle Autorizzazioni, eventualmente, rilasciate dai Ministri “Pro tempore” e di ogni Accordo intercorso tra i medesimi con il Sindaco “pro tempore”, Ignazio Marino;

1.       non essendo stati emessi gli Atti Parlamentari di Camera e Senato, autorizzativi, nè, a seguito del D.lgs n. 50/2016, successivamente alla Relazione finale, a seguito del “progetto organico”;

2.       non essendo stata sottoposto al Dibattito Pubblico il “progetto organico” per "la rimozione della Via Alessandrina, Via Baccina e altri collegamenti trasversali", relativamente all’oggetto della Petizione: “NO RIMOZIONE DELLA VIA ALESSANDRINA e METRO C, TRATTA T3” con la Richiesta che:

·         al fine di trovare la migliore delle soluzioni per la Valorizzazione dell'"Area dei Fori Imperiali-Via Alessandrina: Scavo Archeologico e Valorizzazione", sia sospesa con carattere di somma urgenza, per il rischio certo di perdita del Bene Culturale, che, come scritto, risale al 1570 l’esecuzione di tutti i lavori nell’Area di cui al punto:  “4.2.1.2., Via Alessandrina, Via Bonella, Via Baccina e altri collegamenti trasversali” e di cui al punto :                                                                                                            "4.4.1."restauro, nell’ambito degli interventi per la realizzazione della stazione Venezia della Linea C.“Il progetto di valorizzazione del complesso monumentale è in corso di redazione da parte del CG Metro C, nell’ambito dell’uscita “Madonna di Loreto” a Piazza Venezia”, infatti, in difetto di tutte le Autorizzazioni, come per legge.                                                             CHIEDE                                                             tutti gli accertamenti tecnici, geomorfologici e geotecnici sia sulla Collina del Quirinale che su quella Palatino al fine di escludere ogni possibile e prevedibile rischio di crolli e cedimenti sia del terreno, che di possibili crolli dei Monumenti dei Mercati Traianei, del Foro di Augusto e di Nerva, relativamente al “Progetto Fori” e alla METRO C/T3, in assenza della pubblicazione dei dati tecnici, essendo scaduta la V.I.A., relativi agli accertamenti necessari anche sull’Area dei Mercati di Traiano  dei Fori di Augusto e Nerva, che ne escludano danni di alcun genere, conseguenti agli interventi programmati.                                                                                           La sottoscritta prof.ssa Giannone Paola e i Sostenitori firmatari confidano nell’accoglimento della presente Petizione da parte delle S.S.L.L. e rimangono in attesa di un urgente riscontro da parte delle S.S.L.L. per la Tutela e la Salvaguardia dei Beni Culturali ed Artistici, Protetti dall’art. 9 della Costituzione e Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO.                                                                                 Roma, 6 luglio 2016                                                                                                       Prof.ssa Paola Giannone                                                                                               e i Sostenitori Firmatari



Oggi: PAOLA conta su di te

PAOLA GIANNONE ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Al Presidente della Repubblica Italiana On. Sergio MATTARELLA Al Presidente del Cons: PETIZIONE POPOLARE AL SENATO: NO RIMOZIONE VIA ALESSANDRINA E METRO C, TRATTA T3.". Unisciti con PAOLA ed 7 sostenitori più oggi.