Contro gli stanziamenti al Miur per la DAD da dirottare agli ospedali pubblici italiani.

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


In un momento drammatico quale quello che stiamo vivendo in queste settimane, in previsione delle ulteriori misure restrittive che verranno prese dal Governo italiano, al fine di contenere il contagio ormai inarrestabile della pandemia di covid-19,  è inaccettabile, che venga stanziata una cifra di 8,2 milioni di euro, in aggiunta agli 85 milioni già previsti, per implementare la didattica a distanza, mentre le scuole sono chiuse per sicurezza, ma nel contempo gli ospedali pubblici italiani, impegnati sul fronte della cura del Corona virus sono al collasso, senza i più comuni dispositivi di sicurezza, senza i posti letto per la terapia intensiva, senza i respiratori, senza la garanzia che ci sia la possibilità di cura per ciascun cittadino.

È necessario pertanto, se non doveroso,  dirottare urgentemente, al Ministero della Salute, quegli stanziamenti previsti, utili certamente, ma non necessari ai fini della sopravvivenza stessa dei cittadini, al fine di salvare le persone facendo si che le strutture ospedaliere possano finalmente beneficiare di tutti i mezzi e i dispositivi medici necessari a salvare il maggior numero di vite umane, a partire dai medici e da tutto il personale ospedaliero, impegnati in prima linea, a rischio della propria vita, e far sì che il Paese possa, nel più breve tempo possibile, ripartire e ritornare alla normalità.