Vogliamo le scuse ufficiali di Germania e Olanda

Vogliamo le scuse ufficiali di Germania e Olanda

0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!
Ettore Claudio Adriano Malcangi ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Al presidente del consiglio Giuseppe Conte e a

Leggo: "Berlino dalla parte di Carola, critico Steinmeier."

Orbene: La Signora Carola Rackete, cittadina tedesca, al comando di una nave battente bandiera olandese, nel forzare l'accesso al territorio nazionale italiano nonostante le reiterate intimazioni delle autorità civili e militari italiane ha commesso un evidente e flagrante atto di guerra nei confronti dell'Italia. Preso atto che il suo comportamento viene approvato dai Governi Tedesco e Olandese dobbiamo desumerne che il suo atto non fu "motu proprio" ma su mandato di uno o entrambi questi governi e di essere quindi in stato di guerra con la Germania e l'Olanda! Chiediamo anzi, esigiamo. perciò che:

  1. Detta signora e tutto il suo equipaggio come ogni persona presente a bordo di detta nave sia immediatamente internata in un campo di prigionia indipendentemente dalle procedure giudiziarie.
  2. Che gli Italiani presenti a bordo siano immediatamente processati per alto tradimento secondo il codice militare di guerra.
  3. Che siano immediatamente ritirati gli ambasciatori dagli stati suddetti ed espulsi i loro diplomatici dall'Italia.
  4. Che venga discusso con Germania e Olanda un adeguato e congruo risarcimento e scuse all'Italia dei rispettivi governi, indipendentemente dalle sanzioni che la Magistratura italiana decidesse di applicare:
  5. Che secondo le regole internazionali sugli abbordi in mare detta "capitana" perda per sempre la sua licenza nautica.
  6. Che la nave in oggetto venga confiscata e smantellata.
  7. Che il governo tedesco provveda quanto prima a sciogliere come organizzazione a delinquere la ONG responsabile.
0 hanno firmato. Arriviamo a 200.
Più firme aiuteranno questa petizione a destare l'interesse dei media locali. Aiuta a portare questa petizione a 200 firme!