SALVIAMO LA FORNACE PENNA

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Al Ministro dei Beni Culturali, al Presidente della Regione Siciliana, Al Sovrintendente ai BB.CC.AA. di Ragusa, al Sindaco di Scicli.      Noi siamo quel che facciamo. Le intenzioni, specialmente se buone, e i rimorsi, specialmente se giusti, ognuno, dentro di sé, può giocarseli come vuole, fino alla disintegrazione, alla follia. Ma un fatto è un fatto: non ha contraddizioni, non ha ambiguità, non contiene il diverso e il contrario.” (L. Sciascia, Candido, ovvero un sogno fatto in Sicilia).

Il fatto è che la fornace rischia di crollare se non si interviene subito. Dopo anni di parole, di buone intenzioni, di idee su cosa sarebbe dovuto diventare questo monumento unico, adesso c’e il concreto rischio che si perda per sempre. La fornace di contrada Pisciotto, un edificio simbolo di questo angolo di Sicilia, noto in tutto il mondo per la sua imponente e ieratica bellezza, lasciata per decenni all’incuria e all’abbandono, merita un’azione concreta da parte di tutti. Firma anche tu per salvare la Fornace Penna!