BASTA CON IL BLOCCO DELLE AUTO, NON RISOLVE IL PROBLEMA

BASTA CON IL BLOCCO DELLE AUTO, NON RISOLVE IL PROBLEMA

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!
Moreno Boschello ha lanciato questa petizione e l'ha diretta a Ai SINDACI della Pianura Padana e a

Almeno le Euro 4 diesel con dispositivo antiparticolato che rispondono alla direttiva 2003/76/CE-B scritta nel libretto di circolazione devono essere escluse dai blocchi e dalle limitazione al traffico, hanno emissioni paragonabili alle più recenti euro 5.

Oramai è appurato che bloccare le auto non è un'azione strutturale che risolve il problema; i Sindaci bloccano le auto solo perché la legge li individua responsabili se al superamento dei limiti delle polveri sottili non intervengono con azioni “emergenziali” (cioè che bloccano qualcosa subito); e cos'altro possono bloccare? Le industrie? Le autostrade che passano in mezzo alle città con decine di migliaia di camion al giorno? Le statali? Le stufe/caminetti a pellet o a legna?

La cosa più facile, semplice ed immediata per attuare una azione "emergenziale", è bloccare le automobili dei poveri e onesti “comuni mortali” che usano l'auto per andare a lavorare e sempre più spesso per non riuscire ad arrivare alla fine del mese! Pensate che, se avessero soldi, non si prenderebbero l'auto nuova elettrica e/o ibrida? E poi, perchè l'auto elettrica (e relative manutenzioni) continua ad avere costi così alti e proibitivi proprio per i “comuni mortali”?

Le polveri sottili Pm10 e Pm 2,5 sono derivate da diversi fattori, le emissioni delle auto diesel e benzina ne sono solo una parte; ad esempio una buona parte di polveri sottili deriva anche dalla combustione della legna e del pellet!! Quanta legna e quanto pellet si bruciano ogni anno? E di quale provenienza? E, soprattutto il pellet e/o gli scarti dell'industria della lavorazione del legno che vengono venduti come legna da ardere, cosa contengono? Che controlli ci sono in questo settore? O forse anche questo è “settore” che elude il fisco e gran parte di questo tipo di commercio evade pure l'iva?

Oramai i “piani urbanistici” comunali e i “piani casa” regionali hanno permesso di costruire ovunque e l'intera Pianura Padana è completamente antropizzata e cementificata e, soprattutto fuori dai centri urbani, bisogna usare l'auto quotidianamente per qualsiasi spostamento. Le scelte politiche/economiche continuano ad incentivare solo il trasporto su gomma. Quando si progetta e si realizza una strada nuova mai si pensa di predisporre già una linea ferroviaria e/o una pista ciclabile. Per disincentivare il traffico di auto e camion che si fa? Si continuano ad aggiungere corsie alle autostrade! Se paghi il pedaggio, non importa quanto vecchia ed inquinate sia la tua auto, basta che paghi e corri quanto vuoi! E, come noto, recentemente è successo che una nota casa automobilistica è pure riuscita a falsificare/taroccare le emissioni anche delle auto nuove …. e chi paga per tutto questo? Semplice! Il “comune mortale” onesto che compra l'auto paga iva, immatricolazione, bollo e assicurazione ed è costretto a lasciare l'auto a casa perchè non se può permettere una nuova!

Nessuno nega la situazione di emergenza climatico/ambientale del pianeta Terra, ma, cari signori Sindaci, Governanti e Ricchi e Potenti della Terra, non è bloccando le auto dei “poveri” e “comuni mortali” che non possono cambiarla perchè non arrivano alla fine del mese, che si risolve il problema “inquinamento”!

 

0 hanno firmato. Arriviamo a 100.
Più firme aiuteranno questa petizione ad essere inclusa tra le petizioni raccomandate. Aiuta a portare questa petizione a 100 firme!