STOP AI PREMI DI PRODUZIONE PER I FUNZIONARI DI BANCA CENTRALE

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


Con la presente petizione popolare intendiamo chiedere al governo della Repubblica di San Marino, di concerto con i vertici di Banca Centrale della Repubblica di San Marino, un diretto intervento affinché non vengano erogati i premi di produzione ai funzionari di Banca Centrale di San Marino.

Premi di produzione a favore dei suoi funzionari che negli anni passati ammontavano a circa 300.000 euro.
Banca Centrale distribuirebbe, così facendo, premi piuttosto consistenti ai propri dipendenti nonostante le difficoltà in cui si dibatte il sistema finanziario e l’intera economia di San Marino.

La Banca Centrale della Repubblica di San Marino è partecipata dallo Stato al 70%.

Vi sembra giusto che - in piena recessione - dei funzionari della Banca Centrale, quindi stipendiati anche con le nostre tasse, incassino, oltre a compensi elevatissimi e al di fuori delle logiche del mercato del lavoro, anche il cosiddetto “premio di produzione”, tra l’altro erogato sulla base di non si sa bene quali criteri di produttività? Diciamo STOP a questi sperperi insensati e chiediamo al governo e ai vertici di Banca Centrale della Repubblica di San Marino di intervenire una volta per tutte con semplici provvedimenti:
1) affinché non vengano erogati i premi di produzione ai dipendenti di Bcsm, neppure quest’anno;
2) se già erogati, che vengano restituiti;
3) che si proceda senza indugio alla revisione contrattuale con i tagli degli esorbitanti stipendi di Via del Voltone, tagli per ora solo annunciati (con nota del 19-03-2019) da Banca Centrale”.