PETIZIONE CHIUSA
Diretta a ai parlamentari italiani

TUTELIAMO LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA

NOTO CON PIACERE CHE FINALMENTE STA ARRIVANDO AI PIU' IL MESSAGGIO CHE DA TEMPO STIAMO CERCANDO DI DIFFONDERE, OVVERO CHE SERVE UNA LEGGE IN ITALIA CHE ISTITUISCA UN FONDO DI ASSISTENZA A FAVORE DELLE VITTIME DI REATI VIOLENTI INTENZIONALI NON ALTRIMENTI RISARCITE. INVERO, NON BASTANO LE PENE SEVERE MA OCCORRE SOPRATTUTTO ASSICURARE ALLE VITTIME DI REATI VIOLENTI E INTENZIONALI, QUALORA L'AUTORE DEL REATO SIA INCAPIENTE (NULLA TENENTE) UN EQUO E ADEGUATO INDENNIZZO. SOLO L'ITALIA E LA GRECIA, TRA GLI STATI MEMBRI DELLA COMUNITA' EUROPEA, NON HANNO RECEPITO LA DIRETTIVA COMUNITARIA N. 80 DEL 2004 CHE PREVEDEVA, TRA GLI ALTRI, L'OBBLIGO DI DOTARSI DI UN SISTEMA DI INDENNIZZO DELLE VITTIME DI REATI VIOLENTI, VALE A DIRE, UNA SORTA DI FONDO DI GARANZIA ANALOGO A QUELLI GIA' ESISTENTI PER LE VITTIME DELL'USURA, DEL TERRORISMO, DELLA MAFIA, DELLA STRADA. L'ITALIA SI E' LIMITATA (CON DECRETO LEGISLATIVO 204 DEL 2007) A RECEPIRE SOLO IN PARTE DETTA DIRETTIVA, VALE A DIRE PER LA PARTE RELATIVA AI REATI TRASFRONTALIERI: SE LA CITTADINA FRANCESE (O DI ALTRO STATO EUROPEO) SUBISCE VIOLENZA SUL NOSTRO TERRITORIO NAZIONALE E L'AUTORE DEL REATO E' INCAPIENTE O, MAGARI, RIMANE SCONOSCIUTO, RICEVERA' DALLO STATO ITALIANO UN INDENNIZZO, LO STESSO NON VALE PER LA CITTADINA ITALIANA. QUESTA E' UNA VERGOGNA TUTTA ITALIANA (CHE ABBIAMO L'ONORE DI CONDIVIDERE SOLO CON LA GRECIA) CUI BISOGNA PORRE RIPARO. VEDO CHE COLLEGHI ORA NE PARLANO (QUALCUNO, AD ESEMPIO, CHE SCRIVE SU DELLE RIVISTE, L'HA SPACCIATA COME PROPRIA BATTAGLIA, MAGARI DOPO AVERMI CHIAMATO A STUDIO E AVUTO DA ME LO SPUNTO), PRESIDENTI DI ASSOCIAZIONI CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE LEGATE A QUALCHE PARTITO IMPROVVISAMENTE L'HANNO PROPOSTA (L'IDEA DI UNA LEGGE AD HOC) COME LORO ESCLUSIVA, VARI POLITICI ORA SONO INTERESSATI A FARLA PROPRIA. CREDO CHE UN'EVENTUALE INIZIATIVA IN TAL SENSO NON DEBBA AVERE UN PARTICOLARE COLORE POLITICO, NE' ESSERE UN ESCLUSIVA, MA SEMMAI ESSERE CONDIVISA IL PIU' POSSIBILE. CREDO ALTRESI', CHE I FAMILIARI DI CHIARA, DI ELISA E DI TUTTE LE VITTIME (E LORO FAMILIARI) DI VIOLENZA, APPREZZEREBBERO NON POCO COLUI (POLITICO) CHE RIUSCISSE A PORTARE IN PARLAMENTO E (FINALMENTE) FARE APPROVARE LA LEGGE (DI CUI SOPRA). NOI CONTINUEREMO IN QUESTA BATTAGLIA FIDUCIOSI.

Questa petizione è stata notificata a:
  • ai parlamentari italiani

    Gianfranco Esposito ha lanciato questa petizione con solo una firma e ora ci sono 896 sostenitori. Lancia la tua petizione per creare il cambiamento che ti sta a cuore.




    Oggi: massimiliano conta su di te

    massimiliano santaiti ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "ai parlamentari italiani: TUTELIAMO LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA". Unisciti con massimiliano ed 895 sostenitori più oggi.