-Contratto anti-PLASTICA e anti-INQUINAMENTO- proposto dai rover/scolte AGESCI zona di CA

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


CONTRATTO anti-PLASTICA e INQUINAMENTO

Siamo ragazzi scout appartenenti all’AGESCI (www.agesci.it) tra i 16 e i 21 anni, rover e scolte, e  siamo coscienti che il nostro pianeta abbia gli anni quasi contati, tutto ciò a causa delle nostre abitudini quotidiane che nuocciono al mondo e di conseguenza anche a noi che ne facciamo parte.
Ora vorremmo mostrarvi dei dati che ci hanno sconvolto. Sapevate:

-che una famiglia media italiana composta da 4 membri consuma 2 alberi ogni anno (sotto forma di carta)?  [quindi circa 30.000.000 di alberi]
- che almeno il 90% della popolazione respira aria inquinata?
- che il 79% della plastica mondiale si trova disperso nell’ ambiente marino e che tra 35 anni gli oceani potrebbero contare più bottiglie di plastica che pesci?
- Infine eravate a conoscenza del fatto che l’inquinamento atmosferico è responsabile di 30.000 morti all’anno?

Dopo aver preso atto di questi dati abbiamo capito che come Zona di Cagliari, come scout e come cittadini attivi non possiamo rimanere con le mani in mano, tenendo conto anche dell’articolo della nostra Legge che dice “Gli scout amano e rispettano la natura”.
Per questo chiediamo ai gruppi della zona di Cagliari e non di portare avanti seriamente, dal momento in cui si firmerà questo contratto, i punti da noi proposti:

-utilizzare contenitori per la raccolta differenziata e attenersi alle regole del proprio comune per lo smaltimento;
-eliminare la plastica monouso nelle sedi (tutto il gruppo) e anche il più nella nostra quotidianità;
-riutilizzare il più possibile il riutilizzabile (es bottiglie vuote, carta, etc);
-utilizzare meno carta possibile ove si può (es vetro, canzonieri più piccoli in dimensioni, fotocopie fronte-retro )
-utilizzare meno macchine possibile per le varie attività del gruppo e delle singole branche, o per i nostri spostamenti personali;
-utilizzare per quanto è possibile detersivi, saponi, dentifricio ecc. biologici, che possono essere scelti leggendo attentamente l’etichetta o affidandosi ad App come GREENITY che valutano l’impatto del prodotto da te scelto;
-fare attenzione allo spreco dell’acqua, in particolare quando si usa acqua corrente;

-utilizzare di batterie ricaricabili;

Questi sono piccoli accorgimenti e variazioni al nostro stile di vita, che se portati avanti seriamente potrebbero dare un enorme aiuto alla nostra Madre Terra e proteggere la nostra salute.
Quindi vorremmo che questo contratto non rimanga dentro le nostre sedi, ma che vada a toccare anche la coscienza di altre persone, che non fanno parte della nostra associazione.

 


Cagliari, 05/05/19