Aboliamo i capilista bloccati

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Nell'accordo sulla nuova legge elettorale proporzionale attualmente raggiunto tra le principali forze politiche sono previste due variazioni rispetto al modello tedesco cui dicono di ispirarsi, che sottraggono ai cittadini italiani molta discrezionalità nella scelta degli eletti a vantaggio delle segreterie di partito:

1) i capilista nei listini bloccati delle circoscrizioni che servono per il recupero proporzionale dei seggi assegnati a ciascun partito hanno precedenza sugli eletti nei collegi uninominali. In tal modo, visto che le circoscrizioni sono piccole e numerose, la maggioranza degli eletti sarà determinata dalle segreterie di partito senza possibilità per l'elettore di esprimere alcuna preferenza.

2) viene eliminato il voto disgiunto. Pertanto, se un elettore volesse dare il proprio voto a un candidato nel collegio uninominale (dove passa il più votato) e a una lista diversa nel comparto proporzionale dei listini bloccati, il voto sarebbe nullo.

Chiediamo pertanto:

1) che i candidati votati nei collegi uninominali abbiano la precedenza su quelli delle liste proporzionali

2) che le liste proporzionali non siano bloccate, bensì che vi sia la possibilità per l'elettore di scegliere i propri rappresentanti con le preferenze

3) che sia nuovamente introdotta la possibilità del voto disgiunto



Oggi: Pietro conta su di te

Pietro Tamburini ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Aboliamo i capilista bloccati!". Unisciti con Pietro ed 757 sostenitori più oggi.