PETIZIONE CHIUSA
Diretta a Presidente Regione Abruzzo Luciano D'Alfonso ed a(d) 17 altri

Abbonamento bici+treno nazionale

In Italia c'è ancora molto da fare per mettere in pratica parole come intermodalità sostenibilità in ambito trasporti.

È crescente il numero di pendolari che utilizzano la bici e il treno quotidianamente ed è ormai condivisa nella società la necessità di favorire pratiche virtuose che hanno effetti benefici sull'ambiente, la mobilità, la salute.

In alcune Regioni trasportare la bici sul treno ha un costo annuo di circa 1.000 €, perché non è ancora possibile usufruire di un abbonamento mensile o annuale.

In Emilia Romagna l'abbonamento era stato annullato nel 2014 e grazie a questa petizione è stato ripristinato a 60 €.

In Lombardia e in Sicilia l'abbonamento c'è e costa 60 €.

In molte Regioni il trasporto è gratuito.

La sensazione è che i pendolari siano appesi al sottile filo di accordi stretti a macchia di leopardo a livello locale.

Accordi che possono essere annullati in ogni momento.

La Federazione Europea dei Ciclisti (ECF) ha calcolato che nel periodo 2014-2020 sono disponibili per gli Stati circa 6 miliardi di euro per finanziare progetti di ciclabilità. Ad oggi si contano progetti per un ammontare pari a poco più di 2 miliardi, di cui l'Italia detiene solo il 4%, quindi non è una questione di mancanza di fondi (che ci sono e non sono utilizzati oppure vengono richiesti e spesi in altre grandi opere meno sostenibili) ma di mancanza di progetti per utilizzare questi fondi.

La nostra richiesta per ottenere un abbonamento omogeneo a livello nazionale è arrivata anche in Parlamento grazie a un'interrogazione parlamentare al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano del Rio. Il 17 novembre 2015 il ministro ha risposto che "le Regioni hanno competenza esclusiva in materia di tariffe e di eventuali abbonamenti per il trasporto bici sui treni regionali".

Dopo esserci rivolti a Trenitalia, chiediamo quindi ora all'Assessore Giovanni Giannini - Assessore Mobilità e Trasporti della Puglia, responsabile del tavolo sulla Ciclabilità della Conferenza Stato-Regioni - di coordinare un tavolo di lavoro che porti all'attivazione di un abbonamento in tutte le Regioni alla tariffa di 60€ annui e di risolvere il nodo della validità dei titoli emessi a livello regionale nel transito da una Regione a un’altra.

Questa petizione è stata notificata a:
  • Presidente Regione Abruzzo
    Luciano D'Alfonso
  • Presidente Regione Emilia-Romagna
    Stefano Bonaccini
  • Trenitalia
  • Trenitalia Spa
    Marco Zanichelli
  • Assessore ai Trasporti Piemonte
    Francesco Balocco
  • Assessore provincia autonoma di Bolzano Alto Adige
    Florian Mussner
  • Assessore alle infrastrutture Friuli Venezia Giulia
    Mariagrazia Santoro
  • Assessore ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti Veneto
    Elisa De Berti
  • Assessore alle infrastrutture e all'ambiente Trentino
    Mauro Gilmozzi
  • Assessore alle infrastrutture Toscana
    Vincenzo Ceccarelli
  • Assessore all'Ambiente, Territorio, Infrastrutture e Trasporti Umbria
    Silvano Rometti
  • Assessore Politiche del territorio, Mobilità, Rifiuti Lazio
    Michele Civita
  • Presidente regione Abruzzo
    Luciano D'Alfonso
  • Assessore Viabilità e trasporti Molise
    Pierpaolo Nagni
  • Presidente Regione Campania
    Vincenzo De Luca
  • Assessore al Sistema della logistica Calabria
    Francesco Russo
  • Assessore Trasporti e Lavori Pubblici Puglia
    Giovanni Giannini
  • Presidente della conferenza delle Regioni
    Stefano Bonaccini


Sara Poluzzi ha lanciato questa petizione con solo una firma e ora ci sono 63.274 sostenitori. Lancia la tua petizione per creare il cambiamento che ti sta a cuore.




Oggi: Sara conta su di te

Sara Poluzzi ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "Abbonamento bici+treno nazionale". Unisciti con Sara ed 63.273 sostenitori più oggi.