Oggi, più che mai, piazza Ginori 11

0 hanno firmato. Arriviamo a 500.


In un momento politico, storico, sociale e culturale come quello attuale è fondamentale riportare con forza l'attenzione sui luoghi “fisici” della politica. Luoghi relazionali e inclusivi, al servizio del confronto e dell'incontro tra persone. Un’esigenza certamente tutt’altro che esaurita dalle nuove possibilità di comunicazione tramite i social media, anzi sottolineata dalla crisi dei tradizionali momenti di aggregazione della politica e della società italiana e dalle nuove esigenze di democrazia che si manifestano in modo pressante.

Per la qualità della democrazia italiana è vitale riscoprire l'importanza della discussione, del confronto, della relazione umana, in luoghi fatti da mattoni e tegole e frequentati da persone in carne e ossa. Con i nuovi luoghi della decisione, spesso virtuali e opachi, il tessuto democratico viene lentamente indebolito con scorciatoie e deresponsabilizzazioni pericolose. E tutto questo non possiamo assecondarlo passivamente.

Anche per questo motivo, strettamente legato al nostro presente, siamo convinti che sia fondamentale preservare alla politica, alla socialità e alla cultura un luogo come quello di piazza Ginori 11 a Sesto Fiorentino. Un ambiente frutto di impegno che proviene dai giorni della Liberazione, scaturito dai sacrifici e dalla capacità di gestione di intere generazioni di militanti e dirigenti della sinistra sestese. Tutto ebbe inizio quando nel 1944, dopo la Liberazione di Sesto, un gruppo di antifascisti, che avevano combattuto nella lotta clandestina e nella resistenza, acquisì questo bene, e non solo questo, allo scopo di farne la leva economica dell’impegno politico, sociale, culturale e ricreativo della sinistra sestese, nell’interesse della crescita della comunità e della collettività. Patrimonio mantenuto e accresciuto nel corso dei decenni, sopravvissuto alla fine del PCI e della prima Repubblica, sopravvissuto ai mutamenti economici e sociali che hanno investito Sesto, come tutto il Paese.

Oggi, più che mai, tutto questo non può essere smarrito o perso, ma deve essere messo a disposizione del presente e delle future generazioni, con vitalità e visione. È dovere di tutti noi quello di salvare un patrimonio collettivo della politica sestese come piazza Ginori 11. Il compito di salvarlo può essere l’occasione di uno sforzo collettivo più ampio ed aperto possibile, in modo da arrivare alla creazione della Casa del centrosinistra a Sesto Fiorentino coinvolgendo senza preclusioni le forze politiche, sindacali, associative e culturali di tutto l’arco che va dal centrosinistra alla sinistra. Si tratta di un dovere comune che non riguarda un luogo, ma un modo di intendere la politica e la democrazia.

Andrea Barducci
ex Presidente della Provincia di Firenze
ex Sindaco del Comune di Sesto Fiorentino

Valdo Spini
ex Ministro
ex Docente dell'Università di Firenze

 

Tra gli altri, hanno già firmato l’appello:

Alessandra Nardini, Consigliera regionale della Toscana e Presidente GD Toscana

Alessandro Falcini, Responsabile Confesercenti Area Metropolitana Firenze

Alessandro Martini, Direttore Caritas Firenze

Alessio Bassi, Consigliere comunale di Sesto Fiorentino

Alessio Franchino, Segretario Metropolitano GD Firenze

Andrea Puccetti, membro Direttivo Fondazione Circolo Rosselli

Annalisa Tonarelli, Presidente Istituto Gramsci Toscano

Camilla Ricottini, Segretaria GD Firenze Città

Carlo Melani, ex Sindaco di Sesto Fiorentino

Cecilia Pezza, Consigliera comunale di Firenze

Cosimo Guccione, Consigliere comunale di Firenze

Daniele Papi, Direttore Sesto Tv

Dario Parrini, Senatore della Repubblica Italiana

Emiliano Fossi, Sindaco di Campi Bisenzio

Enrico Rossi, Presidente della Regione Toscana

Eugenio Giani, Presidente del Consiglio regionale della Toscana

Fausto Merlotti, Segretario PD Scandicci

Joele Risaliti, promotore Manifesto per la Salvezza

Lorenzo Loiero, Segretario PD Campi Bisenzio

Lorenzo Zambini, Capogruppo PD Consiglio comunale di Sesto Fiorentino

Marco Calzolari, Consigliere comunale di Sesto Fiorentino e Segretario GD Sesto Fiorentino

Michele Adamo, Consigliere comunale di Sesto Fiorentino

Michele Ventura, ex Deputato della Repubblica Italiana

Monia Monni, Consigliera regionale della Toscana

Patrizio Mecacci, ex Segretrario Metropolitano PD Firenze

Sandro Fallani, Sindaco di Scandicci

Sara Martini, Consigliera comunale di Sesto Fiorentino

Stefano Gennai, Segretario PD Sesto Fiorentino

Raffaele Marras, Segretario GD Toscana

Roberto Giachetti, Deputato della Repubblica Italiana


[Elenco in continuo aggiornamento]



Oggi: Andrea Barducci e Valdo Spini conta su di te

Andrea Barducci e Valdo Spini ha bisogno del tuo aiuto con la petizione "A tutte le persone e associazioni che si riconoscono nei valori del centrosinistra e della sinistra: Oggi, più che mai, piazza Ginori 11". Unisciti con Andrea Barducci e Valdo Spini ed 220 sostenitori più oggi.