I TIROCINANTI CALABRESI TUTTI, EX PERCETTORI MBD, CHIEDONO IL RICONOSCIMENTO DI STATUS

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


I tirocinanti (ed aspiranti tali) calabresi, tutti ex percettori della mobilità in deroga, che da anni operano negli enti pubblici (Comuni, Province, Scuole, Asp, Giustizia, Mibact...) e nelle ditte private, lavorano con grande impegno e dedizione negli enti pubblici e privati.

Il loro apprezzamento è unanime da parte dei Sindaci, dei dirigenti e dei cittadini.

Sono circa 6/7.000 solo quelli che stanno tirocinando (ma ce ne sono alcune altre migliaia che non hanno avuto la fortuna di entrare in posizione utile nelle graduatorie).

Tutti gli enti pubblici apprezzano in quanto sono da sempre carenti di personale, e con Quota 100 - da adesso in poi - ancòra di più.

Tali lavoratori, in quanto di fatto questo sono, al di la della definizione giuridica, chiedono all'assessore al lavoro Angela Robbe ed al presidente della regione Calabria Mario Oliverio di essere riconosciuti come status/bacino con apposita legge regionale, entro ottobre prossimo venturo, con una legge tipo la vecchia l.r. n. 8 per intenderci.

Lavorano da anni, sono una colonna portante, ormai, degli enti pubblici, soprattutto Comuni, e vanno tutelati e riconosciuti, vanno messi a lavorare negli enti pubblici, anche a mezza giornata, evitando di prorogare di sei mesi in sei mesi, bensì a lunga scadenza, ricomprendendo in unica categoria sia i tirocinanti del pubblico che quelli del privato (questi ultimi sono meno di 500 persone, ad oggi), per non creare dannose ed illegittime differenze di trattamento, mai più figli e figliastri.

N.b.: Sempre per unire e mai per dividere, e per non alimentare più differenziazioni tra figli e figliastri, si ripete che sono da ricomprendere TUTTE le categorie di tirocinanti calabresi nel riconoscimento dello Status richiesto e nell'inserimento ad un lavoro stabile negli enti pubblici calabresi, anche se a part time, quindi sono compresi, a tutti gli effetti, i tirocinanti di: Miur, Mibact e Giustizia...