Salviamo i professionisti olistici e del benessere.

0 hanno firmato. Arriviamo a 1.000.


Egregio Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte,

Egregio ministro del lavoro, Nunzia Catalfo.

Egregi Governatori e Sindaci delle Regioni Italiane, Senatori e Onorevoli della Repubblica Italiana

Mi sento di farmi portavoce di una categoria che da molti anni non è tenuta nella giusta considerazione,  e in questo iconico e drammatico momento storico non si sente tutelata.

Siamo imprenditori e liberi professionisti nell'ambito del benessere: operatori olistici, operatori in discipline bio-naturali, e in altre diverse discipline: Ayurveda, Shatsu, naturopati, yoga, consouler olistici ecc.

Docenti e Operatori di figure disciplinate dalla Legge N°4 del 14/01/2013, impegnate nell'offrire un supporto costante al mantenimento del benessere delle persone, ed è dalla passione e la predisposizione verso gli altri che di fatto è per tutti noi è considerato un nobile mestiere. Insegnando a donne e uomini di tutte le età, attraverso il contatto (proprio quello che sta venendo meno), a prendersi cura di loro stessi e del loro equilibrio. 

Queste attività, ora, sono davvero in difficoltà. Dall'apparizione del Covid 19, le entrate sono pari a zero. In tale data ogni attività legata a questo settore è praticamente cessata senza poter immaginare un futuro a breve termine date le condizioni giustamente restrittive.

Tuttavia le spese gestionali, affitti, bollette, tasse, mutui, finanziamenti, ecc... continuano a gravare senza  la possibilità di una qualsiasi entrata (molti di noi con il bonus dei 600€ non riescono neanche a pagarci l'affitto).

Abbiamo bisogno di aiuti chiari e mirati, parliamo di una categoria che era in grave difficoltà per la crisi che il Paese stava già affrontando. Molti professionisti del settore non riusciranno più ad aprire se non ci sarà un adeguato sostegno, così come molte delle scuole che hanno dato loro una formazione.

Quello che serve sono aiuti veri, misure economiche congrue, che  possano permetterci di far fronte a questa assurda difficoltà, risposte da parte vostra in grado di dare una possibilità a tutta la categoria per poter ripartire.

Come già espresso, questo è un momento che resterà nella storia e se davvero dobbiamo uscirne migliori e più consapevoli, ognuno di noi dovrà fare la sua parte. 

Mi rendo conto che non siamo i soli in questa situazione, che ci sono realtà che necessitano di più urgenti soluzioni,  ma la preghiamo di avere il dovere di contemplare e di esaminare questa richiesta che altrimenti porterebbe alla inevitabile chiusura e la perdita di una categoria professionale. 

Ringrazio anticipatamente tutti coloro che leggendone il contesto,  vorranno unirsi alla presente, confidando nel buon esito.

In Fede: Angelo Bloisi

FB: Angelo Bloisi / A.B. Accademy

angeblo@gmail.com

Website: www.angelobloisi.it

Cell. 3493222447