Salviamo il Futuro dell'Italia

11,471 supporters

    Started 1 petition

    Petitioning Giuseppe Conte, Lorenzo Fioramonti, Roberto Gualtieri, Senato della Repubblica, Camera dei deputati

    Salviamo il Futuro dell'Italia. Aumentiamo gli investimenti in Università e Ricerca

    In un paese con un’economia che non decolla, una disoccupazione giovanile sempre più alta e 1 milione e 778 mila famiglie sotto la soglia di povertà assoluta, è giusto chiedersi: è prioritario investire nell’Istruzione? Conviene investire nell’Università e nella Ricerca? Per noi la risposta è senza dubbio alcuno sì! Crediamo che investire sulle persone, su ciò che le fa crescere, ovvero sulla formazione e sulla conoscenza, sia sempre una scommessa vincente. Dare a tutti la possibilità di istruirsi e formarsi, dare a tutti i giovani la possibilità di accedere ad un sistema universitario di qualità, creare un clima favorevole all’alta formazione nel tessuto economico del nostro paese significa investire sulla competitività dell'Italia negli anni a venire.  Investire sulla formazione è e sarà sempre più fondamentale, e sarà tanto più proficuo se lo si farà mettendo al centro lo sviluppo e la crescita della persona, vera risorsa della nostra società. E perché tutto questo non resti un semplice auspicio, qui di seguito trovate elencate le nostre proposte concrete complete delle stime sui fondi necessari a finanziarle.  150 milioni di euro per garantire una borsa di studio a tutti gli studenti che risultano idonei, ma che ad oggi vengono esclusi dalle graduatorie per mancanza di risorse. 200 milioni di euro per le residenze universitarie, da inquadrare secondo il Bando 338/2000, per contrastare l’aumento del costo della vita per gli studenti fuorisede. 150 milioni di euro per aumentare il numero e l’importo delle borse di specializzazione, di cui 50 milioni per bandire 2000 borse in più nel 2020 e 100 milioni per l’adeguamento istat dell’importo delle borse di specializzazione fermo dal 2007. 70 milioni di euro per aumentare il numero e l’importo minimo delle borse di Dottorato a 1200 euro, per garantire che i 12 mesi di lavoro svolti vengano riconosciuti ai fini previdenziali.  200 milioni di euro per risolvere il problema del precariato storico negli enti di ricerca, per rilanciare il reclutamento speciale dei ricercatori e per un aumento del FOE che garantisca e l’indipendenza dei ricercatori, oggi troppo legata alla disponibilità di fondi esterni o privati che limitano la libertà di ricerca. 300 milioni di euro almeno per finanziare il FFO, il Fondo di FinanziamentoOrdinario, lasciando libertà alle università di scegliere come investire i finanziamentia seconda delle varie esigenze degli Atenei.  400 milioni di euro per la ricerca ed i ricercatori, di cui 200 milioni per un piano di reclutamento straordinario e 200 per fondi strutturali per la ricerca divisi in 160 milioni per PRIN a cadenza annuale e/o fondi di supporto a chi vince progetti europei ed in 40 milioni destinati ai giovani ricercatori non strutturati.Aiutateci firmando e facendo firmare la seguente petizione.  Le associazioni che hanno organizzato la petizione sono: Comitato per la Valorizzazione del Dottorato Segretariato Italiano Giovani Medici CLDS - Coordinamento liste per il diritto allo studio Confederazione degli Studenti Unilab Svoltastudenti Vento di cambiamento - Fenix Precari Uniti CNR

    Salviamo il Futuro dell'Italia
    11,471 supporters