Italia Nostra Onlus sezione Etruria

857 supporters

    Started 1 petition

    Petitioning Regione Lazio, e all’assessore Massimiliano VALERIANI

    #STOPINCENERITORETARQUINIA - archiviazione del procedimento - La salute prima di tutto

    #STOPINCENERITORETARQUINIA - Chiediamo l'archiviazione del procedimento autorizzativo. La salute prima di tutto. FIRMA LA PETIZIONE per chiedere alla Regione Lazio, e all’assessore Massimiliano VALERIANI, di ritirare il progetto del mega inceneritore che A2A Ambiente S.p.a vorrebbe realizzare a Tarquinia; un mega impianto, che si prevede si estenda per una superficie di 433.478 mq., con la costruzione di mc 866.956 di volumi impiantistici di cui una ciminiera alta 70 mt., che prevede 2 FORNI con una potenza complessiva di 200 Mwt che bruceranno 62 T/ora per un totale di 540.000 Ton/anno di rifiuti speciali non pericolosi, produrrà 122.000 tonnellate/anno di ceneri pesanti e 40.000 tonnellate/anno di ceneri leggere di risulta dalla combustione, con un traffico di 32.698 camion per il trasporto dei rifiuti, circa 90 camion al giorno.A2A-051-2019 I rifiuti non si bruciano si riciclano! Chiediamo quindi l’archiviazione dell’istanza di Valutazione di Impatto Ambientale presentata dalla Società A2A Ambiente S.p.a. per il progetto di un "Impianto di Recupero Energetico" ubicato nel Comune di Tarquinia, in Provincia di Viterbo, località Pian D'Organo ‐ Pian dei Cipressi. Registro elenco progetti: n. 051/2019 La procedura di V.I.A. è stata avviata il 16/10/2019 dalla Regione Lazio. Gli Enti Locali, le Associazioni Ambientaliste, i Comitati e singoli cittadini hanno contribuito alla valutazione del progetto pubblicando osservazioni che hanno evidenziato gravi criticità procedurali e tutti i drammatici rischi che la realizzazione di un impianto del genere causerebbe al nostro territorio, già caratterizzato da un elevato livello di stress ambientale e sanitario. Il 10/07/2020, a seguito della prima seduta della Conferenza dei Servizi tenutasi il 30/06/2020, la Società proponente, ha chiesto di poter dare riscontro alle osservazioni delle associazioni e comitati presenti e alle note delle Amministrazioni e dei diversi soggetti coinvolti, nonché a quanto emerso durante la Conferenza dei Servizi relativa al progetto, chiedendo per tale scopo un termine di 180 giorni. La Regione Lazio, nonostante l’irritualità della richiesta, con nota del 24/07/2020, a firma del Direttore Ing. Flaminia TOSINI,  ha concesso tale lunghissimo termine alla Società A2A Ambiente, non supportando,  tuttavia, tale assenso con  alcuna norma di riferimento: centottanta giorni, in deroga ai termini perentori per le Conferenze di Servizi e per gli stessi procedimenti di Valutazione d’Impatto Ambientale,  per rispondere “agli aspetti attinenti alle criticità ambientali rappresentate nelle osservazioni nonché tutti gli aspetti connessi alla formulazione dei pareri e al rilascio dei titoli abilitativi da acquisire nel presente procedimento di VIA-PAUR”. La Società, in data 18/12/2020, ha quindi presentato le proprie controdeduzioni, senza però fornire risposte convincenti alle criticità sollevate sul tema ambientale, su quello sanitario, sulla mancata conformità al PRGR, sulla componente naturalistica, sulla mancata valutazione degli impatti cumulativi. Nonostante la L.R. n° 27 del 09/07/1998 Disciplina regionale della gestione dei rifiuti. Art.15 c.1 bis stabilisca che “è vietata, qualora non sia espressamente prevista dal vigente Piano Regionale di Gestione dei rifiuti, l’installazione di nuovi impianti di incenerimento e coincenerimento di rifiuti o che utilizzino combustibili derivanti da rifiuti” e il Piano per la Gestione dei Rifiuti - sia nella redazione approvata con Delibera di Consiglio Regionale n.14 del 18 gennaio 2012, vigente nel periodo di svolgimento della CdS, sia nella proposta di Piano adottata dalla Giunta Regionale con Deliberazione di Giunta Regionale  n.592 del 2/08/2019 (successivamente approvata con Delibera di Consiglio Regionale n. 4 del 5 agosto 2020) alla quale si deve comunque fare riferimento nella procedura in corso - non preveda la realizzazione di nuovi impianti di incenerimento, A2A continua a presentare il progetto dell'impianto come unica soluzione allo smaltimento dei rifiuti. Chiediamo alle Istituzioni di far rispettare il proprio ruolo di governo del territorio facendo rispettare quanto stabilito nella normativa regionale vigente. Un nuovo inceneritore causerebbe un ulteriore peggioramento della qualità dell'aria che respiriamo, un forte impatto sugli aspetti naturalistici e paesaggistici, contribuirebbe ad aumentare il numero di fattori inquinanti e dannosi ad in un territorio già gravato dalle servitù energetiche di TVN a carbone, di TVS a turbogas ed infrastrutturali come il porto di Civitavecchia. Bruciare i rifiuti è una follia: aumenta il riscaldamento globale e non risolve il problema dello smaltimento, anzi lo moltiplica creando rifiuti più pericolosi e gas velenosi che respireremo. La soluzione indicata dal Piano Regionale è l’unica possibile: ovvero potenziare in modo rigoroso la raccolta differenziata attraverso sistemi efficaci come la raccolta porta a porta, il compostaggio domestico, la riduzione a monte di rifiuti e il sistema di tariffazione puntuale. La via maestra è quella delle 3R: Ridurre, Riusare, Riciclare. Non possiamo accettare che i cittadini di Tarquinia, Civitavecchia e dell’intero Lazio, dopo decenni di “lecito inquinamento” derivante dal polo energetico Civitavecchia – Montalto, debbano subire anche la realizzazione di un impianto di “valorizzazione energetica” di rifiuti non pericolosi, che si ricorda essere classificato come Industria “insalubre di prima classe” (art. 216 del testo unico delle Leggi sanitarie – G.U.n.220 del 20/09/1994); nessuno può ignorare questo pericolo e accettare che le comunità dell’Alto Lazio continuino ad essere sfruttato per scopi puramente lucrativi e mai sostenibili. Dopo il caso della dirigente dell’Area Rifiuti sottoposta a provvedimenti giudiziari severi, chiediamo, quindi, di archiviare la procedura in corso di valutazione dell’inceneritore proposto dalla Società A2A Ambiente S.p.a. Non deve esistere alcuna ombra sulle autorizzazioni a progetti che, qualora venissero approvati, impatteranno in modo negativo, e per sempre, sui territori su cui verranno insediati; ogni principio di precauzione, in questo senso, deve essere adottato. Abbiamo bisogno del supporto di tutti: firmate e condividete questo appello, solo così potremo avere la possibilità di essere ascoltati ed avere giustizia. Petizione promossa da Italia Nostra Onlus sezione Etruria, Associazione Forum Ambientalista ODV, Lipu Birdlife, Comitato per il diritto alla mobilità di Tarquinia, Comitato Farnesiana 100%, Comitato per la difesa della valle del Mignone

    Italia Nostra Onlus sezione Etruria
    857 supporters