Freccia 45

47,097 supporters

FRECCIA 45 è un'associazione lecchese NO PROFIT costituita per la tutela e difesa degli animali. L’Associazione NON riceve contributi pubblici, è apolitica ed apartitica. Nessuno dei membri del Consiglio Direttivo è mai stato candidato ad alcun partito. FRECCIA 45 non supporta partiti politici, ma azioni concrete. I soci operano gratuitamente quali volontari. Il ricavato dell’Associazione viene utilizzato per la tutela degli animali.

Started 2 petitions

Victory
Petitioning GRUPPO MENARINI

Menarini: giù le mani dagli 8 cani destinati alla sperimentazione.

URGENTISSIMO – STANNO ARRIVANDO CANI DA SPERIMENTAZIONE IN ITALIA. PROTESTA NAZIONALE CONTRO MENARINI, LA VIVISEZIONE E L’IMPORTAZIONE DI BEAGLE DA SPERIMENTAZIONE.   Freccia 45 ha avuto notizia certa sulla preparazione di 8 cani (verosimilmente beagle) destinati in Via Tito Speri a Pomezia. I cani, i cui documenti sono stati compilati in Belgio a cura dell’autorità sanitaria belga, partiranno questa mattina - 7 marzo - alla volta dell’Italia. I cani arriveranno nei laboratori del RESEARCH TOXICOLOGY CENTRE S.p.A. di Pomezia in tarda mattinata – primo pomeriggio del medesimo giorno. FRECCIA 45 chiede la liberazione dei beagle di MENARINI.     Al MINISTERO DELLA SALUTE Agli AEROPORTI DI ROMA S.p.A. Al RESEARCH TOXICOLOGY CENTRE S.p.A. Al GRUPPO MENARINI     GREEN HILL era l’unico allevamento per cani da sperimentazione in Italia. Nonostante l’autorizzazione non sia stata ancora revocata ed i cani siano ancora sotto sequestro, la struttura non sta operando e le molteplici società Italiane che sperimentavano e continuano a sperimentare sui cani si vedono costrette ad importare dall’estero il loro “materiale da vivisezionare”. Il materiale, però, sono esseri senzienti come noi! Tra le numerose strutture utilizzatrici autorizzate dal Ministero della Salute alla sperimentazione con uso di animali ai sensi del D. Lgsl. 116/92 vi è il RESEARCH TOXICOLOGY CENTRE S.p.A. di Pomezia (Roma) del gruppo MENARINI, che ha chiesto ed ottenuto l’autorizzazione a compiere le cosiddette sperimentazioni in deroga senza l’uso di anestesia (art. 9). I cani ordinati dal Belgio il 6 marzo 2013 sono solo la punta di un sistema che non funziona. I controlli e le ispezioni non vengono effettuate o troppo stesso vengono compiute da addetti compiacenti (vedi il noto caso Green Hill) e le autorizzazioni vengono rilasciate sulla base di fogli compilati. E gli animali?   Il tema della vivisezione è scottante e le industrie farmaceutiche hanno paura, annullano i voli della tortura ed ipotizzano come raggirare controlli, comunicazioni ed autorizzazioni. L’opinione pubblica è riuscita più volte a bloccare i viaggi della morte. Questo momento è importante per dare un forte segnale e chiedere di cessare il trasporto di animali per la vivisezione. - Chiediamo al Gruppo Menarini e quindi anche al RESEARCH TOXICOLOGY CENTRE S.p.A. di mettere in libertà gli 8 cani appena ricevuti e porre fine a questi crimini.   - Rinnoviamo al MINISTERO DELLA SALUTE, come già domandato nell’appuntamento di gennaio, di non voler concedere per l’anno 2013 autorizzazioni all’importazione di animali da vivisezione. - Chiediamo alla Direzione Aeroporti di ROMA di prendere una posizione netta e decisa contro la sperimentazione e quindi di non voler più autorizzare partenze ed atterraggi di animali destinati alla sperimentazione. La sperimentazione non è una scienza, è una crudeltà perpetuata dall’uomo ai danno degli animali e degli uomini stessi. Fate sentire la vostra voce in favore degli animali!

Freccia 45
16,668 supporters