CASA DELLE DONNE DEL MEDITERRANEO

51,362 supporters

La Casa delle Donne del Mediterraneo è uno spazio autonomo nato per valorizzare la politica delle donne, offrire servizi e consulenze attraverso la forza e la presenza delle associazioni e delle donne che lo vivono. Si tratta di un luogo che da Bari guarda al Mediterraneo abbracciando la Puglia e l’intero territorio nazionale. Un laboratorio dove si costruiscono politiche di genere, si promuovono diritti, cultura e saperi che nascono dalle esperienze prodotte dalle donne, dove si lavora sulla partecipazione femminile alla vita collettiva superando ogni forma di discriminazione e concentrandosi su pratiche d’integrazione, di solidarietà sociale e di benessere. Alla Casa delle Donne del Mediterraneo afferiscono circa 30 associazioni femminili del territorio.

Started 2 petitions

Petitioning Antonio Decaro

#Bari, @Decaro confermi le deleghe alle "Assessore" che lo hanno affiancato fino ad oggi.

Se le cittadine e i cittadini baresi con il loro voto hanno chiesto al sindaco Antonio Decaro di non lasciare a metà il lavoro cominciato cinque anni fa e dare valore all’impegno delle Donne che da questa tornata elettorale escono rafforzate in termini di presenza, vuol dire che anche la riconferma delle assessore che sono state fino ad oggi presenti in giunta può essere una conseguenza. Francesca Bottalico (assessora al Welfare, Accoglienza, Integrazione, Pari opportunità ed Emergenza Abitativa), Carla Palone (assessore allo Sviluppo Economico, MAAB, MOI, Fiera del Levante), Paola Romano (assessora alle Politiche Giovanili, Educative, Università e Ricerca, Politiche attive del lavoro, Fondi Europei), Carla Tedesco (assessora all’Urbanistica e alle Politiche del Territorio), hanno svolto un lavoro che merita di essere portato a compimento nei prossimi cinque anni. L’unico modo per ricominciare bene questa nuova stagione è rispettare il lavoro e gli sforzi che sono fatti da queste donne che hanno dimostrato di sapersi rivolgere alle comunità di riferimento che rappresentano Bari. Di saperle integrare. Di saper costruire reti che sono la potenza del futuro di una meravigliosa città di cui anche la Casa delle Donne del Mediterraneo sente il dovere di prendersi cura. #RicominciamoBene. Non spezziamo fili e collegamenti... Anche noi "non sopportiamo le cose lasciate a metà".    

CASA DELLE DONNE DEL MEDITERRANEO
193 supporters
Petitioning Maria Giovanna Maglie, RAI RADIO UNO, Un giorno da pecora, Vauro , Geppi Cucciari

Maria Giovanna Maglie chieda scusa a Greta... le parole contano.

Chi si assume la responsabilità di fare opinione o esprimere riflessioni pubbliche, non può utilizzare linguaggio e intenzioni violente. Gravissimo quanto accaduto nel corso della trasmissione radiofonica di RAI RADIOUNO “Un giorno da pecora” durante l’intervento di Giovanna Maglie che, parlando di Greta Thunberg, ha detto: “Greta Thunberg? Se non fosse malata la metterei sotto con la macchina". Giovanna Maglie chieda scusa pubblicamente alla giovane attivista svedese, e rifletta su quanto pericoloso sia quanto ha affermato superando il limite consentito della libertà di espressione. Nessuno ha interpretato la sua risposta come una battuta, ma piuttosto come una riflessione mirata solo a delegittimare e sminuire la figura di una giovane e straordinaria “piccola donna” che sta scuotendo le coscienze di Tutt*.  La Casa delle Donne del Mediterraneo lancia questa petizione anche per invitare Tutt* a reagire dinanzi alle cattive maestre o ai cattivi maestri. Chi ha titoli per parlare in pubblico, non li utilizzi come strumento di arrogante prevaricazione. Si, da Bari, vogliamo farci sentire. Perché per noi, lasciar correre significa non opporre resistenza alla deriva di volgarità e violenza che sta investendo sempre più frequentemente i mezzi d’informazione e di comunicazione. Come possiamo chiedere alle ragazze e ai ragazzi (anche alle migliaia che hanno manifestato venerdì scorso) di denunciare chi li offende e li umilia, se poi da noi non arriva l’esempio? E dunque, come Donne impegnate nell’ambito della difesa dei Diritti e dell’educazione al Rispetto, sentiamo forte il dovere di dare il nostro contributo anche in questa occasione. Non vogliamo aggiungere odio all’odio, ma chiediamo un segnale di maturità.  

CASA DELLE DONNE DEL MEDITERRANEO
51,169 supporters