Associazione Vivere a Colli Aniene

2,678 supporters

    Started 2 petitions

    Petitioning Virginia Raggi, Katia ziantoni, Roberta Della Casa, Comune di Roma, Regione Lazio

    Contro la scelta unilaterale AMA di bloccare la raccolta porta a porta a Colli Aniene

      Dopo ben 13 anni in cui è stato usato un metodo di raccolta porta a porta dei rifiuti nel quartiere di Colli Aniene in Roma (dove è partita la sperimentazione di questo sistema) l’AMA, con motivazioni pretestuose e non condivise dall’utenza, ha deciso arrogantemente di sostituire detto sistema di raccolta TORNANDO AL PASSATO. Lo ha fatto senza confrontarsi con il Campidoglio e con i cittadini, senza neppure fermarsi agli appelli proveniente dalla neo assessora ai rifiuti di Roma Capitale Katia Ziantoni. I cittadini chiedono alla classe politica dirigente di bloccare questo tentativo di AMA e di avviare un tavolo di contrattazione che valuti nuovi sistemi di raccolta o modifichi il precedente sistema porta a porta per soddisfare sia le esigenze dei cittadini che dei lavoratori AMA. Siamo certi che l’imposizione di AMA porterà solo danni all’ambiente per questi motivi: 1.   Questo quartiere sorge sotto l’autostrada A24 e questo favorirebbe il pendolarismo dei rifiuti verso la città di Roma provenienti da altre cittadine laziali 2.   Favorirebbe quelli che non vogliono differenziare il rifiuto avendo una maggiore facilità di buttare i sacchetti indifferenziati nel contenitore stradale. Anche la parte di quartiere che manterrebbe il porta a porta (poca per la verità) avrebbe la possibilità di smaltire tutto in questi contenitori. 3.   Questo ritorno al passato faciliterebbe il rovistaggio e il prelievo nei cassonetti con conseguenza di strade più sporche nonché una ulteriore produzione di fumi tossici dai vicini campi rom Le associazioni e i cittadini firmatari di questo documento chiedono l’istituzione di un tavolo di confronto per trovare un’urgente soluzione al problema riservando di ricorrere ad ulteriori azioni per far valere i nostri diritti. Le associazioni firmatarie Associazione Vivere a Colli Aniene, CDQ Cittadini di Colli Aniene Bene Comune, Associazione L’Anfiteatro, Associazione Italiana Casa Ufficio Soci, Università Popolare Michele Testa, cittadini attivi

    Associazione Vivere a Colli Aniene
    1,020 supporters
    Petitioning Virginia Raggi, paola basilone, Prefetto di Roma Dr.ssa Paola Basilone, Questore di Roma Dr. Guido Marino

    I cittadini chiedono più Sicurezza per Colli Aniene e per la periferia di Roma Est

    Al Prefetto di Roma Dr.ssa Paola Basilone Al Questore di Roma Dr. Guido Marino Alla Sindaca di Roma Avv. Virginia Raggi Oggetto: Petizione popolare per richiedere un maggiore controllo delle forze dell’ordine sul quartiere di Colli Aniene al fine di migliorare il livello di sicurezza La percezione dei cittadini di Colli Aniene in merito alla sicurezza è probabilmente ai minimi storici. Solo nelle due settimane a cavallo di aprile e maggio quasi tutte le scuole del territorio sono state violate e vandalizzate dai soliti ignoti. I gruppi di quartiere mostrano ogni giorno immagini delle automobili sottoposte a continui furti e danneggiate dai cristalli rotti. Vandali girano indisturbati ad imbrattare muri e beni della comunità. I continui scippi, le aggressioni e i furti negli appartamenti sono all’ordine del giorno e non si sa più come difendersi. Lo spaccio di droga ha già mietuto alcune vittime senza che sia stato messo fine a questo traffico illecito. Nuovi insediamenti abusivi sono sorti nell’ultimo periodo affiancandosi a quelli già presenti e conosciuti, aumentando il fenomeno dei roghi tossici e della illegalità che spesso accompagna queste baraccopoli. Le Associazioni Vivere a Colli Aniene, Roma Civita Opus, I nostri figli al centro della sQuola, Piccoli Giganti Onlus, Roma per Liga,  Il Foro, Associazione Italiana Casa Ufficio Soci, l’Anfiteatro, CDQ Cittadini di Colli Aniene Bene Comune, Coordinamento Uniti per la Cervelletta e i cittadini firmatari di questa petizione invitano le autorità preposte ad un maggiore controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine soprattutto durante le ore notturne quando la criminalità agisce indisturbata con un senso di impunità nei gesti e nelle azioni. Le continue rapine ai danni dei commercianti, a volte accompagnate da atti violenti, sono sicuramente conosciute grazie alle denunce di prassi. L’ultimo episodio in ordine di tempo che ha visto coinvolto un minore, a cui è stato sottratto il cellulare dietro minacce, ci rende sempre meno tranquilli e porta i residenti in uno stato di ansietà quando i propri figli sono da soli in giro per il quartiere. La scelta di come operare per una maggiore sicurezza spetta a voi ma ci permettiamo di sostenere, ancora una volta, un presidio fisso nel quartiere, l’utilizzo di telecamere per controllare il territorio e soprattutto una maggiore e regolare presenza di carabinieri e polizia nel quartiere, l’attivazione di un sistema di segnalazione alle forze dell’ordine territoriali quando i cittadini vedono qualcosa di sospetto. Siamo disponibili ad un incontro per analizzare insieme questa situazione emergenziale che ciclicamente si ripropone in questo quartiere.

    Associazione Vivere a Colli Aniene
    1,658 supporters