Termini di servizio

Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio 2015

La missione di Change.org è di consentire alle persone in tutto il mondo di realizzare i cambiamenti che desiderano. Siamo una piattaforma aperta, perché crediamo che il cambiamento avviene più facilmente quando persone con estrazione e prospettive diverse possono partecipare al dibattito. Abbiamo bisogno di regole per preservare la sicurezza della piattaforma per gli utenti, per noi e per la comunità. I presenti Termini di servizio descrivono i diritti e le responsabilità connessi alla nostra piattaforma e ai nostri servizi.

1. Account utente

L’utente ha bisogno di un account per la maggior parte delle attività sulla Piattaforma. L’utente deve conservare la password in un luogo sicuro, perché è responsabile di tutte le attività associate al suo profilo. Se l’utente sospetta che qualcun altro sta utilizzando il suo account, lo invitiamo a comunicarcelo. L’utente deve avere almeno 13 anni di età per poter utilizzare Change.org.

Quando l’utente firma o crea una petizione tramite la nostra piattaforma, viene creato un account a suo nome. Tutte le attività dell’utente riguardanti le sue campagne sono poi legate a questo account. Per “campagna” ci riferiamo alle petizioni, a tutte le attività che l’utente può fare per promuovere le sue petizioni mediante la nostra piattaforma o attraverso siti e servizi di terze parti, e qualsiasi altra azione attraverso la nostra piattaforma.

Quando imposta l’account, l’utente deve fornire informazioni precise e complete, compreso un indirizzo e-mail valido. L’utente ha la completa responsabilità per il suo account e tutto ciò che accade sullo stesso, anche per eventuali danni o pregiudizi (nei nostri confronti o a chiunque altro) causati da chiunque utilizzi il suo account senza il suo permesso. Ciò significa che è necessario usare attenzione con la propria password. L’utente non può cedere il suo account a terzi o utilizzare l’account di altri senza il permesso di questi. Invitiamo l’utente a segnalarci immediatamente qualora apprenda che qualcun altro sta utilizzando il suo account senza il suo permesso, contattandoci al nostro Centro Assistenza.

La piattaforma Change.org è destinata a persone che abbiano almeno 13 anni di età. Se l’utente ha meno di 13 anni non può configurare un account autonomamente, ma lo invitiamo a rivolgersi a un genitore o un tutore per creare una campagna in aree di suo interesse. Se accertiamo che l’utente ha creato un account e ha meno di 13 anni, provvederemo a chiudere l’account.

2. Regole che disciplinano i contenuti dell’utente

L’utente è responsabile di ciò che pubblica su Change.org. L’utente deve mantenere le sue campagne e i suoi commenti conformi con le nostre Linee guida della Comunità e con la legge, e rispettare i diritti di proprietà intellettuale di terzi. Nostro malgrado, potremo chiudere l’account per illeciti ripetuti o gravi.

L’utente deve seguire le Linee guida della comunità: Quando pubblica contenuti l’utente deve seguire le Linee guida della Comunità.

Rispettare la legge e rispettare i diritti di terzi: L’utente non può pubblicare alcun contenuto che violi le leggi locali o nazionali in vigore nel proprio paese, né le leggi o i regolamenti internazionali. L’utente è l’unico responsabile per qualsiasi contenuto pubblicato attraverso la piattaforma Change.org e le conseguenze di tale pubblicazione.

Applicazione da parte di Change.org: Qualora ci venga segnalato che i contenuti violano la legge o i diritti di terzi (ad esempio, qualora si accerti che essi siano diffamatori o violino la privacy, la proprietà intellettuale o i diritti di pubblicità o altro), nel caso in cui accertiamo che i contenuti violano le nostre Linee guida della Comunità, ovvero se riteniamo che i contenuti siano inappropriati o discutibili, è nostra facoltà rimuoverli dalla piattaforma, o potremmo effettuare modifiche atte a ripristinare la conformità degli stessi contenuti. Nella maggioranza dei casi, informeremo l’utente e proveremo a cooperare con lo stesso per risolvere il problema prima di assumere una qualsiasi di queste azioni (pur non essendovi obbligati).

Change.org ha una certa discrezionalità nel far rispettare i presenti Termini. Possiamo interrompere o sospendere il permesso di utilizzare la nostra piattaforma e i relativi servizi o disattivare l’account dell’utente in qualsiasi momento, con o senza preavviso, per qualsiasi significativa o ripetuta violazione di questi termini, il mancato pagamento delle commissioni quando dovute, su richiesta degli enti preposti all’applicazione della legge o delle agenzie governative, per lunghi periodi di inattività, per problemi o questioni di carattere tecnico imprevisti, o per attività fraudolente o illegali perpetrate dall’utente. In seguito a tale cessazione possiamo eliminare l’account, la password e i contenuti dell’utente e impedire allo stesso un ulteriore accesso alla piattaforma e l’utilizzo dei nostri servizi. I contenuti dell’utente potrebbero essere ancora disponibili sulla piattaforma, anche se il suo account è cessato o sospeso. L’utente riconosce che non avremo alcuna responsabilità nei suoi confronti o nei confronti di terze parti per la cessazione del suo account, la rimozione dei suoi contenuti o il blocco del suo accesso alla nostra piattaforma e ai nostri servizi.

3. Pubblicare i contenuti dell’utente

L’utente conserva la proprietà dei contenuti che pubblica su Change.org, ma è necessario che si assicuri di avere il diritto di condividerli. Siamo autorizzati a mettere a disposizione versioni dei contenuti dell’utente pubblicamente disponibili a chiunque attraverso qualsiasi media, e altri possono fare lo stesso. L’utente, inoltre, deve accertarsi di eseguire il backup del suo lavoro.

I contenuti inviati sulla piattaforma non sono riservati: I contenuti inviati o pubblicati dall’utente su Change.org saranno probabilmente a disposizione del pubblico, incluse tutte le petizioni lanciate e i commenti a qualsiasi petizione sottoscritta (sul sito Change.org, nelle applicazioni e sulle pagine dei social media). Se l’utente teme che altri membri della comunità Change.org, o persone che non conosce, possano vedere un determinato messaggio o altri contenuti, l’utente deve evitare di pubblicarli. Se non si desidera che il proprio nome sia visualizzato pubblicamente in relazione ad una data petizione, è possibile selezionare l’opzione di non visualizzare la propria firma pubblicamente. Controllare la nostra Informativa sulla Privacy per maggiori dettagli sulle informazioni che raccogliamo e condividiamo quando si utilizza la piattaforma.

I contenuti che l’utente pubblica (comprese le foto) restano di proprietà dell’utente, tuttavia lo stesso ci permette di riutilizzarli e condividerli: Inviando e pubblicando i contenuti, l’utente non perde il diritto di proprietà che può avere sui propri contenuti. Tuttavia, l’utente ci autorizza a condividere questi contenuti con chiunque, distribuirli su qualsiasi piattaforma e qualsiasi media, e apportare modifiche o correggere gli stessi se lo riteniamo opportuno (ad esempio a fini di chiarezza e di ottimizzazione). Ad esempio, potremmo accorciare il titolo di una petizione per farlo apparire sulla nostra home page, riformattare una petizione per un video che ne evidenzi il successo, o condividere i contenuti con i media interessati. Inoltre, l’utente ci autorizza a permettere a terzi di fare lo stesso con i contenuti. In termini legali, inviando o pubblicando contenuti su o mediante la piattaforma Change.org, l’utente ci concede una licenza a livello mondiale, non esclusiva, priva di royalties (con diritto di concedere in sublicenza) per utilizzare, copiare, riprodurre, elaborare, adattare, modificare, pubblicare, trasmettere, visualizzare e distribuire i suoi contenuti in ogni e qualsiasi supporto o metodo di distribuzione (attualmente esistente o successivamente sviluppato). Ciò include la disponibilità dei contenuti dell’utente per altre società, organizzazioni o individui che collaborano con Change.org per la raccolta, trasmissione, distribuzione o pubblicazione di contenuti su altri media. L’utente dichiara e garantisce di avere tutti i diritti, poteri e autorizzazioni necessari per autorizzarci ad utilizzare qualsiasi contenuto che lo stesso pubblica. L’utente accetta inoltre tutti tali utilizzi dei suoi contenuti a titolo gratuito.

Condivisione delle campagne: Salvo in casi molto limitati in cui chiediamo espressamente all’utente di non farlo, invitiamo l’utente a collegarsi, pubblicare sui social media e sui servizi di terze parti, come ad esempio Facebook o Twitter, condividere via e-mail, o altrimenti copiare e condividere le singole petizioni e campagne di suo interesse, ma solo per fini informativi e non commerciali. Se l’utente condivide le petizioni e le campagne di un altro utente, non gli è possibile apportare modifiche, e non può rimuovere alcun contributo. Quando l’utente pubblica contenuti su qualsiasi servizio di terze parti attraverso le caratteristiche e le funzionalità della nostra piattaforma (come le nostre applicazioni o API), sarà soggetto ai termini di tale servizio di terze parti. Se l’utente desidera rimuovere qualsiasi petizione o contenuto da un servizio di terze parti, deve contattare l’assistenza di tali terze parti e richiedere la rimozione direttamente alle stesse.

Esclusione dell’archiviazione dei contenuti dell’utente: Noi non siamo un servizio di archiviazione dei contenuti. Non ci impegniamo a memorizzare o rendere disponibili sulla nostra piattaforma i contenuti che l’utente o altri utenti possono pubblicare per un dato periodo di tempo. L’utente è l’unico responsabile per la conservazione di copie di backup di quanto pubblica sulla piattaforma.

4. Piattaforma aperta

Le petizioni e le campagne su Change.org rappresentano le differenti opinioni di milioni di persone. Non ci assumiamo la responsabilità per le loro opinioni, né monitoriamo i contenuti sotto il profilo della rispettiva legalità o esattezza. Su Change.org l’utente troverà link ad altri siti - una volta che ci lascia, non siamo responsabili di quanto avvenga sui siti di terze parti.

Non siamo responsabili dei contenuti dei nostri utenti e non controlliamo i contenuti dell’utente: I contenuti pubblicati dagli utenti provengono da persone, organizzazioni e varie altre fonti. Non formuliamo promesse circa l’affidabilità di alcuna fonte o l’esattezza, l’utilità, la sicurezza, o i diritti di proprietà intellettuale di qualsiasi contenuto dell’utente né avalliamo alcuna campagna o petizione o sosteniamo un particolare punto di vista, parere, raccomandazione, o consiglio che gli utenti possano pubblicare. L’utente riconosce che alcuni promotori delle petizioni possono avere interessi commerciali nelle loro campagne. Noi non monitorare né verifichiamo le petizioni o gli altri contenuti inviati dagli utenti, né li valutiamo sotto il profilo della loro conformità con le leggi e i regolamenti nazionali o esteri. L’utente quindi utilizza il servizio Change.org e ripone affidamento su qualsiasi contenuto che vi trova, a suo rischio.

Se l’utente individua una petizione o altro contenuto dell’utente che viola le Linee guida della nostra Comunità, lo invitiamo a utilizzare la funzione “Flag” su ogni pagina della petizione o presentare una richiesta al Centro Assistenza.

Link esterni: Quando l’utente utilizza la nostra piattaforma, troverà link ad altri siti che non possediamo né controlliamo. Noi non siamo responsabili per i contenuti o qualsiasi altro aspetto di questi siti di terze parti, inclusa la raccolta di informazioni sull’utente. L’utente deve anche leggere i termini e le condizioni e le informative sulla privacy di tali siti.

5. I nostri diritti

Noi siamo i titolari della piattaforma Change.org e del relativo sito web, delle applicazioni e dei servizi presenti o futuri, e altri beni quali il nostro logo, le API, il codice e i contenuti creati dai nostri collaboratori - l’utente è invitato a rispettarli!

Tutti i diritti, titoli e interessi relativi alla piattaforma e ai servizi Change.org compreso il nostro sito web, le nostre applicazioni esistenti o future, le nostri API, i data-base e i contenuti che i nostri collaboratori o partner inviano o forniscono attraverso il nostro servizio (esclusi i contenuti forniti dagli utenti) sono e rimarranno di esclusiva proprietà di Change.org e dei suoi concessori di licenza. La nostra piattaforma e i nostri servizi sono protetti dalle leggi sul copyright, sui marchi commerciali e dalle altre leggi degli Stati Uniti e di paesi stranieri. Nulla conferisce all’utente il diritto di utilizzare il nome Change.org o i marchi, loghi, nomi di dominio e altri segni distintivi di Change.org. I feedback, i commenti o i suggerimenti che l’utente possa formulare per quanto riguarda Change.org, o i servizi, sono del tutto volontari e saremo liberi di utilizzare tali feedback, commenti o suggerimenti, nella misura da noi ritenuta opportuna e senza alcuna obbligazione nei confronti dell’utente.

L’utente non può effettuare nessuna delle seguenti azioni durante l’accesso o l’utilizzo della piattaforma e dei servizi di Change.org:

  • accedere, manomettere o utilizzare aree non pubbliche della piattaforma, i sistemi informatici di Change.org, o i sistemi tecnici di invio dei fornitori di servizi di Change.org.
  • disabilitare, interferire o tentare di aggirare una qualsiasi delle funzioni della piattaforma legate alla sicurezza o sondare, esaminare o testare la vulnerabilità di uno qualsiasi dei nostri sistemi.
  • copiare, modificare, creare un’opera derivata, decodificare, disassemblare o altrimenti tentare di individuare un qualsiasi codice sorgente della piattaforma o dei servizi Change.org.
  • accedere, cercare o tentare di accedere o cercare nella nostra piattaforma con qualsiasi mezzo (automatizzato o altrimenti) se non attraverso le nostre funzionalità di ricerca attualmente disponibili che vengono fornite tramite il nostro sito web, le applicazioni mobili o le API (e solo in conformità ai termini e condizioni delle API). L’attività di indicizzazione del sito Change.org è consentita se eseguita in conformità con le disposizioni del file robots.txt; tuttavia, lo scraping di servizi, piattaforme e data-base è espressamente vietato, salvo autorizzazione accordata ai sensi di un accordo scritto tra l’utente e Change.org.
  • in nessun modo utilizzare i servizi Change.org per inviare informazioni di identificazione della fonte che siano alterate, ingannevoli o false (ad esempio, l’invio di comunicazioni email che appaiono falsamente come provenienti da Change.org); o (v) interferire o interrompere (o tentare di interferire o interrompere) l’accesso a qualsiasi utente, host o rete, incluso, a mero titolo esemplificativo ma non esaustivo, l’invio di virus, l’overloading, il flooding, lo spamming, o l’invio di e-mail in forma massiccia alla piattaforma o ai servizi Change.org, o in qualsiasi altro modo interferire o creare un carico di lavoro eccessivo per i servizi Change.org.

6. Violazione del copyright

Se l’utente ritiene che qualcuno violi i suoi diritti di copyright su Change.org, lo invitiamo a segnalarcelo.

Se l’utente ritiene che uno dei nostri utenti ha violato i suoi diritti di copyright, deve inviare apposita comunicazione scritta al nostro Agente per il Copyright. Affinché possiamo agire, è necessario che la segnalazione contenga le seguenti indicazioni:

  1. identificare la propria opera protetta da copyright che si ritiene sia stato violata
  2. identificare l’elemento del nostro servizio che l’utente ritiene che violi la sua opera ed includere informazioni sufficienti sulla collocazione del materiale (ad esempio, un URL o un link a una data pagina) in modo che possiamo facilmente reperirlo
  3. indicarci una modalità di contatto, quali indirizzo, numero di telefono, o e-mail
  4. fornire una dichiarazione in cui l’utente dichiara di ritenere in buona fede che l’oggetto identificato in violazione del copyright non è autorizzato dal titolare del copyright, dal suo agente o dalla legge a essere utilizzato sulla Piattaforma
  5. fornire una dichiarazione che le informazioni fornite dall’utente nella notifica sono accurate e che l’utente, sotto pena di spergiuro, è il titolare dei diritti d’autore o è autorizzato ad agire per conto del titolare dei diritti d’autore sull’opera oggetto della violazione.
  6. fornire la propria firma fisica o elettronica.

Di seguito riportiamo le informazioni di contatto per il nostro Agente per il Copyright:

Tutela del copyright
Change.org, Inc.
548 Market Street Private Mailbox 29993
San Francisco, CA 94104-5401 USA
Telefono: (415) 236-3829
Fax: (415) 520-2154
E-mail: copyright@change.org

7. Acquisti e donazioni

Noi lavoriamo con una società distinta per elaborare i pagamenti in modo da poter concentrare i nostri sforzi sul miglioramento della piattaforma, e consentire alle persone di provocare un cambiamento. Quando l’utente effettua un pagamento, accetta i relativi termini e, naturalmente, di provvedervi effettivamente.

Attraverso la nostra piattaforma possiamo offrire all’utente la possibilità di acquistare articoli promozionali relativi a petizioni e campagne (ad esempio le nostre Petizioni Promosse, effettuare una donazione di beneficenza ad una organizzazione terza, o acquistare altri prodotti o servizi. Se l’utente effettua un acquisto o una donazione attraverso la nostra piattaforma, l’utente accetta di pagare le commissioni o l’importo applicabile in conformità alle condizioni di prezzo e di pagamento illustrate allo stesso per tale acquisto o donazione. Tutti gli importi non comprendono le imposte, e l’utente è il solo responsabile del pagamento di tutte le imposte applicabili.

L’utente conferma che, per tutte le operazioni di acquisto o donazione, (a) non utilizzerà un metodo di pagamento non valido o non autorizzato; (B) l’addebito avverrà sul metodo di pagamento designato; e (c) tutte le transazioni sono definitive e non rimborsabili (salvo diversamente stabilito da Change.org a sua esclusiva discrezione). L’utente riconosce e accetta che i pagamenti effettuati a Change.org non sono deducibili fiscalmente come donazioni a organismi di beneficenza. Le donazioni di beneficenza a organizzazioni qualificate come esenti da imposizione fiscale effettuate attraverso la nostra piattaforma possono essere fiscalmente deducibili. Si prega di verificare tutti i pertinenti termini e condizioni dell’organizzazione beneficiaria quando si effettua una donazione.

Change.org può rivolgersi a elaboratori dei pagamenti terze parti per l’elaborazione di queste operazioni di acquisto e donazione. Change.org non è affiliato a tali elaboratori dei pagamenti. Di conseguenza, Change.org declina espressamente ogni responsabilità e obbligazione per tutti i servizi forniti da qualsiasi elaboratore dei pagamenti, e l’utente accetta che Change.org non sarà responsabile per eventuali perdite o danni di qualsiasi tipo verificatisi a causa di tali servizi.

8. La nostra tutela legale

Sono infinite le possibilità riguardo a ciò che le persone possono fare con una piattaforma on-line libera e utilizzabile da persone di tutto il mondo desiderose di provocare un cambiamento. Come per altre piattaforme dove le persone possono pubblicare contenuti, i presenti Termini ci offrono una protezione giuridica dalle innumerevoli cose che potrebbero accadere.

Sebbene stiamo lavorando a fondo per costruire una straordinaria piattaforma gratuita per le persone di tutto il mondo, non siamo in grado di promettere che la stessa funzionerà sempre alla perfezione, o che manterremo tutti i nostri servizi per sempre.

Esclusione di rinunzia, divieto di assegnazione: Qualora rinunciamo a qualsiasi dei nostri diritti in un caso particolare, ciò non implica che rinunciamo ai nostri diritti in generale o in futuro. Qualora non esercitiamo sempre tutti i nostri diritti in base ai presenti Termini, ciò non implica che rinunciamo ai nostri diritti, e potremmo decidere di esercitarli in un secondo momento. I presenti Termini nonché i diritti e le licenze concessi ai sensi dei presenti Termini, non possono essere trasferiti o assegnati dall’utente, ma possono essere da noi assegnati ad un’altra società o ad un’altra persona senza restrizioni. Non saremo responsabili nei confronti dell’utente per qualsiasi ritardo o mancato adempimento di qualsivoglia obbligazione da noi assunta ai sensi dei presenti Termini, qualora il ritardo o l’inadempimento sia dovuto a eventi che sfuggono al nostro controllo, incluso, a mero titolo esemplificativo ma non esaustivo, lo sciopero, la serrata, la guerra, gli atti di terrorismo, le sommosse, i disastri naturali, le interruzioni o le riduzioni nella fornitura di energia elettrica, dei servizi di telecomunicazione o delle reti di dati o dei servizi correlati, ovvero il rifiuto di un’autorizzazione o una licenza da parte di un ente governativo.

Servizio “come disponibile”: L’uso della piattaforma Change.org è a esclusivo rischio dell’utente. La piattaforma (compresi i contenuti che si trovano sulla stessa) viene fornita “COSÌ COM’È” e “COME DISPONIBILE”. Change.org e le proprie collegate, i fornitori, i partner e gli agenti escludono espressamente qualsivoglia garanzia di qualsiasi tipo, espressa o implicita, inclusa, a mero titolo esemplificativo ma non esaustivo, ogni garanzia implicita sul titolo, la commerciabilità, l’idoneità per un particolare scopo e la non violazione di diritti di terzi.

Inoltre, Change.org e le proprie collegate, i fornitori, i partner e gli agenti non rilasciano alcuna garanzia che (i) la piattaforma o i prodotti o i servizi offerti attraverso la piattaforma soddisfaranno le esigenze dell’utente; (ii) la piattaforma sarà esente da interruzioni, tempestivamente disponibile, sicura o priva di errori o che Change.org correggerà eventuali errori; (iii) l’utente potrà ottenere un qualsiasi risultato specifico dall’uso della piattaforma; o (iv) i contenuti della piattaforma sono accurati, completi, affidabili, aggiornati o privi di errori. Qualsiasi contenuto ottenuto attraverso l’uso della piattaforma è ottenuto ad esclusiva discrezione e rischio dell’utente e Change.org non è responsabile per eventuali danni causati al computer o ai dati dell’utente o per eventuali bug, virus, cavalli di Troia o altri codici distruttivi derivanti dall’uso della piattaforma o per qualsiasi contenuto ottenuto dalla piattaforma. Alcuni Stati non consentono l’esclusione delle garanzie implicite, pertanto le esclusioni suindicate potrebbero non essere applicabili ad utenti specifici. L’utente potrebbe inoltre avere altri diritti legali, che possono variare da Stato a Stato.

Esclusione di garanzia del servizio: Potremmo decidere di cessare la disponibilità della piattaforma Change.org, delle applicazioni o dei servizi o di qualsiasi parte dei servizi in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo. In nessun caso Change.org o le proprie collegate, i fornitori, i partner o gli agenti saranno ritenuti responsabili per eventuali danni causati da tali interruzioni o mancata disponibilità.

Limitazione di responsabilità: Nella misura massima consentita dalla legge, Change.org e le proprie collegate, i fornitori, i partner e gli agenti non hanno alcuna obbligazione o responsabilità (derivanti da contratto, garanzia, illecito extracontrattuale (inclusa la colpa), responsabilità per il prodotto o altrimenti) per qualsiasi danno o responsabilità indiretti, incidentali, speciali, punitivi o consequenziali (compresi, a mero titolo esemplificativo ma non esaustivo, la perdita di dati o di contenuti, di reddito o di utili, o le lesioni personali o la morte) derivanti da o correlati all’uso da parte dell’utente della piattaforma Change.org, dei servizi o di qualsiasi contenuto fornito da o mediante la piattaforma o il servizio di Change.org, anche nel caso in cui siamo stati avvisati in anticipo della possibilità del verificarsi di tali danni. Questa limitazione si applica ai danni derivanti da (i) l’utilizzo o l’impossibilità di utilizzare la piattaforma e accedere ai servizi da parte dell’utente; (ii) il costo dell’approvvigionamento di prodotti o servizi sostitutivi; (iii) l’accesso non autorizzato o l’alterazione o la distribuzione di contenuti inviati dall’utente attraverso la piattaforma; (iv) i contenuti di terze parti messi a disposizione attraverso la piattaforma; o (v) qualsiasi altro elemento relativo a qualsiasi aspetto della piattaforma e del servizio di Change.org, incluso il sito web, le API, e qualsivoglia applicazione presente o futura, le comunicazioni e-mail e i contenuti di Change.org su siti di terze parti. Alcuni paesi e Stati non permettono la limitazione o l’esclusione dei danni incidentali, consequenziali o di altre tipologie di danni, pertanto alcune delle limitazioni suindicate potrebbero non essere applicabili a utenti specifici.

Fatta salva ogni contraria disposizione contenuta nel presente documento, la responsabilità di Change.org e la responsabilità delle proprie collegate, fornitori, partner e agenti nei confronti dell’utente o di terzi in qualsiasi circostanza è limitata a cento dollari (US$ 100) o all’importo che ci avete versato negli ultimi dodici (12) mesi, se superiore.

Risarcimento: L’utente accetta di indennizzare, difendere (dietro nostra richiesta) e tenere indenni Change.org e le proprie collegate, i fornitori, i partner e gli agenti da e contro qualsiasi rivendicazione, pretesa, perdita, danno o spese (comprese le spese legali) derivanti dai contenuti pubblicati o inviati dall’utente, dall’utilizzo e dal collegamento dell’utente al sito Change.org, dalle applicazioni, le API, e qualsiasi altro aspetto della piattaforma o del servizio di Change.org, dalla violazione dei presenti Termini o dalla violazione di qualsiasi diritto di soggetti terzi. L’obbligazione di risarcimento resterà valida anche in seguito alla risoluzione dei presenti Termini e alla cessazione dell’utilizzo della piattaforma e del servizio di Change.org da parte dell’utente.

Accordo vincolante: Utilizzando la piattaforma Change.org l’utente si impegna a osservare i presenti termini e le Linee guide della Comunità, e l’utente riconosce che Change.org può raccogliere, utilizzare e condividere le informazioni relative all’utente, come indicato nella nostra Informativa sulla Privacy e nella nostra Politica sui Cookie. Se l’utente accetta i presenti termini e politiche e utilizza i servizi di Change.org per conto di una società, organizzazione, governo, o altro soggetto giuridico, l’utente dichiara e garantisce di essere autorizzato a farlo.

9. Risoluzione delle controversie

Uno dei principi su cui si fonda Change.org è che le persone possono interagire con i soggetti responsabili delle decisioni e trovare delle soluzioni insieme a questi ultimi. Qualora l’utente si trovi in grave disaccordo con una decisione da noi adottata, cercheremo di comporre la controversia amichevolmente, prima di agire in giudizio.

Change.org è una società degli Stati Uniti e i presenti Termini sono disciplinati dalle leggi dello Stato della California, e degli Stati Uniti d’America, esclusa pertanto l’applicazione di qualsivoglia criterio sui conflitti di legge. Qualora un tribunale competente decida che una qualsiasi parte dei presenti termini, politiche e linee guida non è valida, solo la parte che non è valida verrà disapplicata mentre la parte restante continuerà ad essere valida ed efficace. La lingua ufficiale dei presenti Termini è l’inglese In caso di incongruenza tra la versione in lingua inglese e una qualsiasi traduzione, la versione in lingua inglese prevarrà.

In caso di dispute, rivendicazioni, domande o liti derivanti o relative ai presenti Termini o a una presunta violazione degli stessi, a titolo di responsabilità contrattuale, extracontrattuale, o altrimenti, tra noi e l’utente, verrà compiuto ogni ragionevole sforzo per trovare una composizione concertata della questione. Qualora sorga una controversia, la parte istante dovrà darne comunicazione scritta all’altra parte in un apposito documento denominato “Avviso di contestazione”, indicando in particolare la natura esatta della controversia. Qualsiasi Avviso di contestazione deve essere inviato presso la nostra sede al seguente indirizzo:

Risoluzione delle controversie
Change.org, Inc.
548 Market Street Private Mailbox 29993
San Francisco, CA 94104-5401
USA

È inoltre possibile contattare il nostro Help Desk all’indirizzo http://help.change.org/ per comunicarci di averci inviato un Avviso di contestazione.

Dopo il ricevimento dell’Avviso di contestazione da parte di Change.org, le parti si consulteranno e instaureranno reciproche trattative in buona fede e, riconoscendo il loro interesse reciproco, tenteranno di raggiungere una soluzione giusta ed equitativa della controversia che sia soddisfacente per entrambe. Qualora le parti non siano in grado di raggiungere una composizione della controversia tramite questo meccanismo di risoluzione entro 90 giorni dal ricevimento dell’Avviso di contestazione iniziale, qualsivoglia azione, procedimento legale o contenzioso sorti in relazione ai servizi di Change.org saranno esclusivamente intentati nei tribunali federali o statali situati nella Contea di San Francisco, California, Stati Uniti, e l’utente riconosce la giurisdizione e la competenza di tali tribunali e rinuncia a qualsiasi obiezione relativa alla impraticabilità del foro.

10. Come contattarci

Il modo migliore per contattarci è di scrivere una e-mail al nostro Centro Assistenza. È possibile inviarci una lettera, ma la posta tradizionale non è la modalità di comunicazione che privilegiamo - siamo una società tecnologica, dopo tutto.

Saremo lieti di ascoltare le domande, i dubbi e il feedback dell’utente sulla presente politica. Se desiderate inviarci dei suggerimenti, non esitate a farcelo sapere contattando il nostro Help Desk all’indirizzo http://help.change.org/ o scrivendo al seguente indirizzo:

Change.org, Inc.
548 Market Street Private Mailbox #29993
San Francisco, CA 94104-5401
USA

Grazie per il sostegno dato al cambiamento nella tua comunità - siamo ansiosi di assistere al prossimo cambiamento che promuoverai!