A un anno dalla sparatoria di Firenze chiediamo la cittadinanza per i senegalesi feriti
  • Petitioned Giorgio Napolitano, Presidente della Repubblica

This petition was delivered to:

Giorgio Napolitano, Presidente della Repubblica

A un anno dalla sparatoria di Firenze chiediamo la cittadinanza per i senegalesi feriti

    1. Pape Diaw - Presidente Associazione dei senegalesi di Firenze
    2. Petition by

      Pape Diaw - Presidente Associazione dei senegalesi di Firenze

      Italy

  1.  
  2.   
February 2013

Victory

Il Consiglio dei Ministri, nella seduta di martedì 26 febbraio, ha deliberato il conferimento della cittadinanza italiana a tre senegalesi feriti durante la sparatoria avvenuta il 13 dicembre 2011 al mercato di Firenze. La campagna per concedere la cittadinanza a Moustapha Dieng, Cheich Mbengue e Mour Sougou era stata lanciata in occasione dell'anniversario della tragedia, lo scorso 13 dicembre, da Pape Diaw, Presidente dell'Associazione dei Senegalesi di Firenze. In pochi giorni, oltre 15.000 persone hanno firmato la petizione suscitando l'interesse della Commissione Diritti Umani del Senato. Nella seduta della Commissione avvenuta mercoledì 19 dicembre, il Sen. Massimo Livi Bacci (Partito Democratico) ha reso nota la sua adesione, e quella del Sen. Pietro Marcenaro (Partito Democratico), alla petizione lanciata attraverso Change.org. ​Dopo un breve dibattito, la Commissione, all'unanimità, ha convenuto di aderire alla petizione come soggetto istituzionale e di inviare una lettera al Capo dello Stato in cui si chiede la cittadinanza italiana per Sougou Mor, Mbengue Cheike e Moustapha Dieng.

​"La delibera del Consiglio dei Ministri rappresenta la vittoria di questa campagna. Da una petizione lanciata attraverso Change.org e dalla mobilitazione della rete si è determinato un cambiamento concreto che ha ristabilito giustizia nei confronti delle vittime di un'aggressione razzista", dichiara Salvatore Barbera, Direttore delle campagne di Change.org in Italia.

​Dalla delibera si apprende inoltre che è stata inoltrata la richiesta di cittadinanza anche per Ndeye Rokhaye Mbengue, vedova di Modou Samb, ucciso durante la sparatoria.

Il 13 dicembre 2011 in Piazza Dalmazia a Firenze furono assassinati Modou Samb e Mor Diop; furono feriti in modo grave Sougou Mor, Mbengue Cheike e Moustapha Dieng (che non potrà più essere autosufficiente).

Al gesto, frutto orrendo di un clima diffuso di intolleranza e di ostilità nei confronti dei migranti, dodici mesi dopo, non ha fatto seguito un grande cambiamento. Non vi è stata quella reazione corale che avrebbe dovuto mobilitare tutte le energie e le risorse positive, tutte le forze culturali, sociali, politiche che hanno come baricentro la Costituzione.

Ad un anno di distanza vogliamo con questa petizione fare una proposta che dia il via ad un clima diverso - di apertura, di accoglienza, di solidarietà - degni di una città ed un Paese civili, in cui non siano più possibili atti come quelli di un anno fa.

Sono Pape Diaw, Presidente dell’ Associazione dei Senegalesi di Firenze. Chiediamo la cittadinanza italiana per i tre feriti gravemente dal killer Gianluca Casseri a Firenze: Moustapha Dieng, 34 anni, Sougou Mor, 32 anni, e Mbengue Cheike, 42 anni. Lo chiediamo al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Firenze si è dimostrata molto solidale con noi. Quanto è accaduto un anno fa è frutto di una cultura, di una ideologia violenta e razzista alla quale la maggior parte degli italiani è estranea: riconoscere ai tre senegalesi feriti la cittadinanza italiana, sarebbe la dimostrazione di questo e un atto concreto di riconciliazione.

Recent signatures

    News

    1. ​Cittadinanza per i senegalesi feriti a Firenze

      Salvatore Barbera
      Campaigns Director, Italy

      Change.org Italia's Twitter Photo

      ​Cittadinanza per i senegalesi feriti a Firenze. Vittoria della campagna lanciata su https://t.co/1OifvZcqCG http://t.co/PM0ZORcJLe

    2. Reached 15,000 signatures
    3. Commissione Diritti Umani del Senato aderisce alla petizione

      Salvatore Barbera
      Campaigns Director, Italy

      Nella seduta della Commissione diritti umani avvenuta mercoledì 19 dicembre alle ore 14.30, il Sen. Massimo Livi Bacci (Partito Democratico) ha reso nota la sua adesione, e quella del Sen. Pietro Marcenaro (Partito Democratico), alla petizione lanciata attraverso Change.org dal Presidente dell’Associazione dei Senegalesi di Firenze, Pape Diaw, per richiedere la cittadinanza italiana ai senegalesi feriti il 13 dicembre 2011 in Piazza Dalmazia a Firenze.

      Dopo un breve dibattito, la Commissione, all'unanimità, ha convenuto di aderire alla petizione come soggetto istituzionale e di inviare una lettera al Capo dello Stato in cui si chiede la cittadinanza italiana per Sougou Mor, Mbengue Cheike e Moustapha Dieng.

    4. Reached 12,500 signatures

    Supporters

    @ArciNazionale

    Jan 23, 2013

    La Commissione Diritti Umani del Senato ha inviato una lettera al Presidente della Repubblica nella quale si... http://t.co/rL7TWtbo

    Arci Nazionale
    624 followers

    Reasons for signing

    • Luca Rabissi ITALY
      • about 1 year ago

      Èun gesto simbolico. È il minimo che possiamo fare. Se non facciamo neanche questo, come possiamo definirci una nazione civile e sviluppata?

      REPORT THIS COMMENT:
    • Massimo Gordini ROMA, ITALY
      • about 1 year ago

      Non possiamo continuare a ignorare il razzismo strisciante e l'esasperata emarginazione cui possono incorrere dei cittadini del mondo: tuteliamoli, diamo un segnale forte di inclusione.

      REPORT THIS COMMENT:
      • about 1 year ago

      il cuore ha un solo colore ed è uguale per tutti...

      REPORT THIS COMMENT:
      • about 1 year ago

      per vicinanza d'amicizia e solidarietà

      REPORT THIS COMMENT:
      • about 1 year ago

      E' molto importante questa firma perchè i tre feriti si sentano parte della nostra società anche se hanno vissuto nel 2011 un fortissimo dramma.

      Figini Francesco

      REPORT THIS COMMENT:

    Develop your own tools to win.

    Use the Change.org API to develop your own organising tools. Find out how to get started.