Decision Maker

Attilio Fontana

  • Presidente Regione Lombardia

Does Attilio Fontana have the power to decide or influence something you want to change? Start a petition to this decision maker.Start a petition
Petitioning Attilio Fontana, GIULIO GALLERA, STEFANO BOLOGNINI, SILVIA PIANI, MELANIA RIZZOLI

#unitiperlautismo Lombardia: si attuino le norme sull'autismo attese da centomila famiglie

Lombardia: sia data attuazione alle norme sull’autismo attese da oltre centomila famiglie lombarde L’autismo, come è noto, è una disabilità complessa che si manifesta nell’infanzia e prosegue per tutta la vita con varie e gravi compromissioni di tipo comunicativo e comportamentale. Negli ultimi anni il problema è cresciuto in modo esponenziale in tutte le aree e si stima che riguardi ormai l’1% delle popolazione. Le persone con autismo, se diagnosticate precocemente e trattate con appropriati approcci terapeutici, possono migliorare sensibilmente le proprie capacità e abilità sociali nell’arco della vita. Purtroppo, anche nella avanzatissima e ricca Regione Lombardia, fiore all’occhiello del Servizio Sanitario, queste persone sono abbandonate totalmente alle famiglie, le quali devono affrontare con i propri mezzi le ingenti spese per i trattamenti privati, i viaggi della speranza, la mancanza di inclusione, l’assenza di prospettive per il futuro dei figli, il durante e dopo di loro. A livello nazionale e lombardo mancano completamente i dati epidemiologici sull’autismo e mancano le risorse e competenze perché le persone con autismo possano avere accesso a diagnosi, trattamenti adeguati, cure mediche e dentistiche. Negli ultimi anni le associazioni nazionali e regionali dei genitori si sono mobilitate per ottenere sul piano giuridico un riconoscimento della condizione autistica, che fosse propedeutico all’avvio di piani di diagnosi precoce e di presa in carico da parte della sanità pubblica. E il panorama legislativo in Italia è cambiato integrando specifiche disposizioni sull’autismo, come le Linee di Indirizzo n. 132 del 22/11/2012 e la Legge sull’Autismo n.134 Agosto 2015. Anche in Lombardia il quadro normativo attualmente prevede specifiche disposizioni riguardanti l’autismo, che possono essere ritenute valide dal punto di vista delle motivazioni e dei contenuti. Il fatto è che queste leggi per vari motivi, anche incomprensibili, non sono attuate oppure, nella migliore delle ipotesi, risultano attuate solo in taluni ambiti. Attuare in modo omogeneo nei territori lombardi le disposizioni e i modelli che hanno dimostrato di funzionare e dare piena attuazione alla Legge Regionale n.15 del 2016 (art. 54) sarebbe un passo avanti  per la credibilità delle istituzioni lombarde e per la qualità della vita di tutte le 100 mila famiglie lombarde che dedicano la loro travagliata esistenza H24 a queste 100 mila persone con autismo. Le centomila famiglie con autismo e le loro associazioni aderenti al Comitato “Uniti Per L’Autismo” sollecitano la Regione Lombardia a considerare la ormai improrogabile attuazione della migliore legislazione regionale sull’autismo. Il Comitato #unitiperlautismo richiede l’urgente avvio di un percorso certo di attuazione della Legge Regionale n. 15 del 2016 che all’ art. 54 titola “Disposizioni in materia di prevenzione, cura, riabilitazione delle persone affette da disturbi dello spettro autistico e della disabilità complessa, di sostegno e assistenza per le loro famiglie”.   Qui potete trovare le testimonianze e il supporto alla campagna del cantante Elio e Enzo Iacchetti.  

UNITI PER L'AUTISMO
243,544 supporters
Petitioning Sergio Mattarella, Dario Allevi, Roberto Invernizzi, Attilio Fontana, Giovanna Vilasi, Comandante dei Carabinieri di Monza, Comandante della Guardia di Finanza di Monza, Comandante Polizia di Stato...

Non portate via la casa a Sergio Bramini; uno Stato forte con i giusti, che non vorremmo.

Sergio Bramini, imprenditore fallito perché lo Stato (Pubblica Amministrazione ed Affini) non ha saldato con lui un debito di 4 milioni di euro, è stato sfrattato dalla sua abitazione sita in via Sant’Albino 22. Sergio Bramini è il simbolo dell’Italia che lavora e che si rimbocca le maniche, che crede nelle istituzioni e nella giustizia. Bramini, nell’attesa di ricevere dallo Stato il pagamento di 4 milioni di euro, ha ipotecato la sua prima casa e la sua azienda. Una scelta certamente azzardata, ma necessaria per scongiurare di chiudere la ditta e lasciare in mezzo alla strada i suoi 32 dipendenti. Sergio Bramini era certo che lo Stato, in tempi ragionevoli, lo avrebbe saldato. Ma così non è stato e si è visto pignorata e mandata all’asta la sua villa, per un prezzo davvero irrisorio. Si tratta della sua prima casa, acquistata con il sudore del lavoro, ma che tra pochi giorni verrà ceduta al miglior offerente per un prezzo molto inferiore al suo reale valore. Sergio Bramini non si è arreso: ha denunciato le istituzioni, si è rivolto ai media locali e nazionali, ma si è ritrovato sempre le porte chiuse in faccia. Inutile il suo tentativo di richiamare i giudici all’applicazione della Legge Antisuicidio, una norma europea che salva coloro che si ritrovano indebitate senza colpa e preservando comunque la prima casa ma che in questo caso sembra non sembra esistere per Sergio !!! Tutto questo non è servito: la legge per Sergio Bramini non è stata applicata. Chiediamo che venga sospeso lo sfratto esecutivo e che la villa, come più volte richiesto dallo stesso imprenditore, venga sequestrata preventivamente.Vogliamo che venga fatta chiarezza su questa assurda vicenda. Non lasciamo pensare che siano sempre i furbi ed i disonesti a trovare le soluzioni ... l'onesta e la correttezza deve essere premiata e lo Stato deve dare l'esempio sempre. PS: ecco la richiesta diretta di Bramini https://www.change.org/p/sergio-mattarella-salviamo-la-casa-di-sergio-bramini --- Questo il testo inviato agli intestatari della petizione: Non portate via la casa a Sergio Bramini;uno Stato forte con i giusti, che non vorremmo. Il caso Bramini è un caso ormai salito alla ribalta delle cronache nazionali, tutti i principali organi di informazione di stato e non ne hanno parlato. Un caso assurdo, una volontà di strozzare gli imprenditori e spingerli a gesti estremi. Come è possibile che non si possa trovare una soluzione, solo un po di tempo, perchè Bramini chiede solo un po di tempo per saldare il suo debito senza che lo Stato si porti via la sua prima casa dove vive con la famiglia. Perchè non si applica la legge "anti suicidio" (legge 3 del 2012) ... a leggere la sua storia ci sono anche un sacco di aree buie su tutte quelle figure istituzionali che avrebbero dovuto svolgere il loro lavoro di rappresentanti della Legge e dello Stato forse in modo differente. Perchè non si vuole fare luce su una vicenda tanto assurda ? Bramini è un imprenditore Monzese fallito a causa dei mancati pagamenti da parte della Pubblica amministrazione. Per anni Bramini ha lavorato con la sua azienda nel settore dei rifiuti per diversi comuni del sud Italia vantando un credito di 4 milioni di euro. Soldi mai ricevuti dall’imprenditore che, credendo alle promesse delle amministrazioni comunali per le quali aveva eseguito i lavori, ha ipotecato la sua abitazione e la sua ditta pur di salvare il posto di lavoro ai suoi 32 dipendenti. Ma lo Stato non ha mai onorato i debiti e Bramini si è ritrovato così strozzato dai creditori: nel 2011 è stato dichiarato fallito ed ora lo Stato vuole prendergli la prima casa dove vive con moglie figli e nipotina. Una casa che vale quasi due milioni andrà all'asta a meno di 500.000 ... perchè, perchè dobbiamo vedere un imprenditore onesto subire questa ingiustizia? Un imprenditore che non dice "non voglio pagare" ma semplicemente datemi il tempo di rientrare del debito, dice semplicemente non svendete la mia casa, venduta correttamente sul mercato mi darebbe la possibilità di chiudere il debito e di risparmiare qualche cosa per poter continuare, che dice semplicemente non svendete la mia prima casa sfrattandomi dalla mia prima casa."C’è una legge che vieta il pignoramento della prima casa: perché nel mio caso non viene applicata? Questo è il prezzo che deve pagare chi ha deciso di uscire allo scoperto e di dire la verità?” Per favore,fate in modo che non avvenga!!!Per favore,facciamo in modo che i cittadini onesti possano continuare a fidarsi e a credere in uno Stato che in questa vicenda sembra troppo assente da un lato e troppo presente dall'altro !!! PS: prossimo decreto per lo sfratto di Bramini è il 18 maggio, NON C'E' PIU' TEMPO, per favore fate in fretta !!!

Gruppo Facebook EasyMonza
186,473 supporters
Petitioning Luigi Di Maio, Gianna Pentenero, Virginia Raggi, Alberto Sacco, Giuseppe "Beppe" Sala, Luigi De Magistris, Michele Migliano, Dario Nardella, Matteo Salvini, Giuseppe Conte, Samuele Astuti, Enrico R...

Fermate Italiaonline: licenzia 400 persone intascando maxi dividendi e soldi pubblici

Italiaonline è la società posseduta dal magnate egiziano Naguib Sawiris, nata nel giugno 2016 dalla fusione di Italiaonline e la storica Seat Pagine Gialle, che nel 2015 usciva dal concordato preventivo (ridimensionata ma con i conti a posto). Obiettivo dell’operazione: creare la più grande internet company italiana, leader nel settore della pubblicità digitale e dei servizi internet per le piccole e medie imprese. In realtà le ragioni occulte erano altre e si sono rivelate presto. Con la fusione Italiaonline è riuscita a: ·       entrare automaticamente in borsa (da sola non aveva i requisiti) perché SeatPG era già quotata ·       svuotare le casse di SeatPG con una serie di maxi dividendi agli azionisti (l’ultimo da 80 MILIONI DI EURO) e premi ai manager (7 MILIONI di bonus in azioni) ·       distruggere l’intera struttura SeatPG: a cominciare dalla rete di Agenti Commerciali che sono passati da 1300 a 700, per proseguire con le sedi dislocate sul territorio (da 104 a 63 DLS) per finire con le sedi storiche in particolare quella di Torino che minaccia di chiudere ·       buttare via tutto il patrimonio, il business e le persone ex SeatPG – dopo averne depauperato risorse e profitti – per puntare a un altro tipo di business che non pare essere la pubblicità ma la COMPRAVENDITA DI DATI ·       PRENDERE 27 MILIONI DI EURO DALLA CASSA INTEGRAZIONE (SOLDI DELLO STATO) e intascarli come utile invece di investirli nella riqualificazione (l’utile netto del 2017 ammonta infatti a 27 Mln) IL TUTTO SULLA PELLE DEI LAVORATORI. Oggi Italiaonline compie l’ultimo atto e con l’apertura ad aprile 2018 della procedura di licenziamento collettivo si prepara a: ·       LICENZIARE 400 PERSONE (248 su Torino e 152 nel resto di Italia) ·       TRASFERIRE 241 PERSONE da Torino ad Assago: trasferimenti che in realtà sono licenziamenti mascherati perché molte delle persone coinvolte (donne e madri) non potranno in ogni caso sostenere il trasferimento Tenuto conto che a livello nazionale i dipendenti di Italiaonline sono 826, di cui 242 attualmente in cigs a zero ore e 297 in cigs a rotazione, si può ben capire l’entità della strage occupazionale che l’azienda ha messo in atto con crudeltà e cinismo. FERMIAMO LA STRAGE DI LAVORATORI, IL DEPAUPERAMENTO DEL TERRITORIO PIEMONTESE E IL FURTO LEGALIZZATO DI SOLDI DELLO STATO. I lavoratori Italiaonline chiedono al Governo e alle istituzioni sostegno e responsabilità sociale, perché l’azienda RITIRI LA PROCEDURA DI LICENZIAMENTO e trovi con i sindacati un accordo utile a salvare i lavoratori: CASSA INTEGRAZIONE, SOLIDARIETÀ, ACCOMPAGNAMENTO ALLA PENSIONE, RIQUALIFICAZIONE E UN FUTURO CERTO PER LA SEDE DI TORINO. Gli strumenti esistono e la macelleria sociale si può fermare.

RSU Italiaonline
12,424 supporters
Petitioning Attilio Fontana, Giuseppe Sala , Giulio Gallera assessore alla salute Regione Lombardia, Attilio Fontana presidente della giunta regionale della Lombardia, Piefrancesco Maran assessore all'urbanist...

Contro la chiusura dell'ospedale San Carlo Borromeo

Evitare assolutamente l'approvazione del delirante progetto di dismissione del San Carlo Borromeo e del San Paolo con la nuova realizzazione di un ospedale unico a Ronchetto sul Naviglio (in pieno parco Sud coi relativi vincoli si tutela e salvaguardia) in luogo della ristrutturazione e riqualificazione del San Carlo Borromeo e del San Paolo, già finanziata con trasferimenti statali al momento accantonati. Entrambi i presidi sono un eccellenza e sono stati progettati negli anni 60 il San Carlo inaugurato in pompa magna dall'allora presidente del consiglio On.Aldo Moro come una grande opera strategica e nei 70 il San Paolo, per 1000 posti letto ciascuno, proprio per gestire due grandi bacini d'utenza il San Paolo il Sud Milano e il San Carlo l'ovest- Sud Ovest. Solamente il San Carlo è il primo pronto soccorso della città come numero accesso annui (più di Niguarda) è classificato dalla Regione come DEA DI secondo livello (è uno dei tre esistenti a Milano oltre a Niguarda e San Raffaele) , dotato di centro politrauma all'avanguardia e di eliporto di recente costruzione, è inoltre strategico per la vicinanza, 500 Mt. con lo stadio Meazza il cui ambito è oggetto di riqualificazione, pertanto sarebbe delirante sottrarre il.quadrante Ovest di Milano di una tale struttura peraltro storica, solo a fini edilizi speculativi.Il San Paolo è invece  sede della facoltà di Medicina e Chirurgia della statale quindi anch'esso strategico per la ricerca.  La condizione manutentiva dei due ospedali è degenerata negli anni per le opache politiche regionali che hanno privilegiato le strutture convenzionate dirottando fondi e rimborsi spesso gonfiati e non dovuti, vedi condanna Formigoni per Maugeri e San Raffaele, causando in tal modo il depotenziamento delle due strutture dai 1000 posti letto ciascuno agli attuati 600 circa. Adesso mentono asserendo che sarebbe più economico costruire un ospedale da 700 posti letto contro i complessivi 1200 coi primi lavori già realizzati al San Carlo è lasciati a metà...(ascensori nuovi di pacca, riporto, messa a norma antincendio, nuovo Cup) roba da Corte dei conti... 

Massimo Giovanni Amenta
6,360 supporters
Victory
Petitioning Alberto Bonisoli, Attilio Fontana, Antonio Lampis, Matteo Salvini, Luigi Compagnoni, Lucia Bergonzoni, Riccardo Manca, Sergio Mattarella, enpa, Carla rocchi, Giusy D'Angelo, Gabriele Barucca, Danie...

Contro la mostra di Nitsch a Mantova che propone una delirante idea di arte contemporanea

Hermann Nitsch è un pregiudicato austriaco considerato un esponente del cosiddetto "Azionismo viennese" (presunto movimento artistico). Con la sua pseudo arte egli pretende di potersi insinuare nel subconscio umano impressionandolo con immagini di sangue, nudità, animali sanguinanti e sacrificati in croce, orge, violenza, visceri e carcasse di animali. Nei suoi rituali dichiarati "artistici", che durano diversi giorni, si incitano gruppi di persone a squartare animali, a tirarne fuori le viscere e a calpestarle, a imbrattare di sangue delle persone crocifisse e a unirsi in un rito collettivo di frenesia, basato su riti liturgici e demoniaci. È inaccettabile che un luogo pubblico di eccellenza quale il complesso museale di Palazzo Ducale di Mantova, che ha tra le sue finalità la valorizzazione del patrimonio artistico, in particolare del periodo Rinascimentale, ospiti una performance che nulla ha a che fare nè con l'arte, nè con il Rinascimento, nè con la bellezza. È inaccettabile l'utilizzo di denaro pubblico per un'iniziativa che stride con il comune senso della bellezza, dell'arte e del pudore (in tutti i sensi), in un contesto meraviglioso quale è Palazzo Ducale.Non da ultimo è inaccettabile utilizzare animali, anche se già uccisi dallo stesso presunto artista, "per puro divertimento umano", poiché: 1. Le esibizioni di animali e gli spettacoli che utilizzano degli animali sono incompatibili con la dignità dell'animale.2. Ogni atto che comporti l'uccisione di un animale senza necessità è un biocidio, cioè un delitto contro la vita.3. L'animale morto deve essere trattato con rispetto.4. Le scene di violenza di cui gli animali sono vittime devono essere proibite al cinema e alla televisione, a meno che non abbiano come fine di mostrare un attentato ai diritti dell'animale. (Dalla Dichiarazione universale dei diritti degli animali" dell'UNESCO del 1978, articoli 10, 11 e 13)A Peter Assmann, Direttore di Palazzo Ducale di Mantova, sottolineiamo il nostro sgomento per una tale scelta, inaccettabile per la città di Mantova, per la regione Lombardia, per tutto il contesto civile italiano e per tutti i cittadini che nei musei vogliono respirare bellezza e meraviglia. I musei non sono luogo privato dove promuovere iniziative a proprio piacimento, ma luoghi pubblici "preziosi" che racchiudono secoli di arte. Non possono dunque essere sfregiati dalla pazzia di un disturbato mentale non a caso tirolese (proprio come il direttore Assmann). Gli stessi cittadini di Mantova, d'Italia e di ogni nazione, visto che Palazzo Ducale rientra nel Patrimonio Unesco ed ha da sempre attirato turisti internazionali, esigono che i soldi pubblici vengano impiegati per la conservazione e la promozione dell'arte e non della pseudo arte di un esaltato. Ma la cosa più grave è che c'è il rischio di fare passare il messaggio che questa è l'arte contemporanea. Non è così. Triste è che nemmeno Assmann riesca o voglia capirlo.

Elisa Righi
1,864 supporters
Petitioning Attilio Fontana, Giuseppe Sala - Sindaco di Milano, Comune di Cernusco sul Naviglio, Comune di Cassina de' Pecchi, Comune di Bussero, ATS Città metropolitana di Milano, ARPA Lombardia, INAIL - LOMB...

NO AL TRITURATORE VICINO ALLA SCUOLA E ALLE CASE DELLA MARTESANA

il “Coordinamento sovracomunale di informazione e contrasto alla collocazione dell'impianto di triturazione di inerti di Cernusco sul Naviglio (via Fornace - Ronco) e per la Salvaguardia del territorio della Martesana” e i sottoscritti cittadini firmatari PREMESSO CHE la Ditta DEMID s.r.l., con sede legale in Cernusco sul Naviglio, via Vittorio Alfieri 4, ha predisposto lo studio preliminare ambientale relativo al progetto preliminare “Verifica di Assoggettabilità a VIA per realizzazione nuova piattaforma per la messa in riserva, trattamento e recupero di rifiuti speciali non pericolosi da realizzarsi in località via Fornace Comune di Cernusco sul Naviglio, ha richiesto la verifica di assoggettabilità a V.I.A. a Città Metropolitana di Milano (MI-3), ai sensi dell’articolo 6 della Legge Regionale 2 febbraio 2010, n. 5; 
 il progetto in questione consiste nel trattamento e recupero di rifiuti speciali non pericolosi derivanti da demolizioni edili, attraverso l’impiego di un impianto tecnologico di trattamento; 
 l’impianto, anche se situato totalmente sul Comune di Cernusco sul Naviglio e confinante esclusivamente con la zona industriale di Bussero, risulta:confinante ai campi agricoli strategici, gestiti da azienda che crede nell'agricoltura biologica;a 50 mt dalle abitazioni del Comune di Bussero (via Napoli – via strada di San Pietro);a 185 mt, dalla zona residenziale di Cassina de’ Pecchi (via Ugo La Malfa);a 350 mt, in linea d’aria, dalla scuola dell’infanzia di via Gramsci di Cassina de’ Pecchi;a meno di 500mt dal Plis (Parco Locale di Interesse Sovracomunale) Martesanaadiacente al corridoio ecologico di Cernusco sul Naviglio (ex cava in disuso)quanto riportato nella relazione non tecnica e nel progetto preliminare allegati al procedimento di VIA e vista l’illogicità di quanto riportato al punto 8.3 VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI ATTESI SULLA POPOLAZIONE pagina 31 la relazione riporta quanto segue: “Il danno e il fastidio per la popolazione residente è da mettere in stretta relazione con l’esposizione delle persone a tali fattori di rischio: in particolare si deve considerare che durante i periodi di maggiore emissione (dalle 7 alla 18) la maggior parte di chi vi risiede nei dintorni del sito non sono presenti nelle proprie abitazioni, in quanto si troveranno presumibilmente presso altri luoghi per motivi di lavoro o di studio. Invece le persone presenti nella fascia oraria appena indicata, sono per lo più lavoratori che svolgono mansioni negli stabilimenti vicini, i quali generano notevoli rumori è pertanto plausibile presupporre che siano dotati dei dispositivi di protezione individuali (DPI) adeguati”. In particole riteniamo:per quanto riguarda l’affermazione che nei periodi di maggiore emissione, la maggior parte di chi risiede nei dintorni non è presente, questa non può essere utilizzata come dato per la mitigazione del danno in quanto non si basa su dati oggettivi di rilevazione ma solo su supposizioni; è invece molto probabile che la popolazione dei residenti sia costituita da un elevato numero di anziani, dato il numero crescente di questi nella popolazione che badano ai nipoti (entrambi categorie di persone più deboli e quindi da tutelare maggiormente).Per quanto riguarda l’utilizzo dei DPI da parte dei lavoratori delle aziende vicine, la ditta Demid, a meno che non abbia richiesto il Documento di Valutazione del Rischio (DVR) alle aziende che lavorano nei pressi dell’area prevista per il trituratore, non può affermare che i livelli di rumore generati siano notevoli e di conseguenza la ditta Demid non può sapere quali DPI sono stati assegnati ai dipendenti delle stesse.Ai sensi dell’articolo 9 dello Statuto di Città metropolitana di Milano; dell’articolo 46 dello Statuto del Comune di Cernusco sul Naviglio; dell’articolo 59 dello Statuto del Comune di Cassina de’ Pecchi; dell’articolo 48 dello Statuto del Comune di BusseroCHIEDONOai Comuni di Cernusco sul Naviglio, Cassina de’ Pecchi, Bussero, di:- nominare un tecnico per contrastare la localizzazione dell’impianto mediante osservazioni al procedimento di VIA succitato; - di tenere in considerazione tutte le indicazioni presentate dagli aderenti al COORDINAMENTO nella stesura delle Osservazioni al procedimento di VIA; - di verificare tutti i vincoli esistenti, con particolare attenzione alla viabilità, alla zonizzazione acustica e alla tutela e valorizzazione del territorio;- di sostenere le seguenti richieste presso gli Enti sovraordinati;a Città metropolitana di Milano e a Regione Lombardia secondo le proprie competenze di:-  una proroga dei tempi per presentare le osservazioni al 30 settembre 2019;-  ampliare i criteri localizzativi prescrittivi (escludenti) mediante l’aggiornamento dell’Allegato A “Integrazione dei criteri localizzativi Piano di gestione Rifiuti” della deliberazione n. XI/147 del 21.05.2018 di Regione Lombardia, redatto in applicazione dell’art. 199, comma 3, lettera H, del D.Lgs 152/2006, includendo tra gli edifici sensibili: le scuole, i presidi ospedalieri, RSA, centri aggregativi, educativi e sportivi, fissando una distanza minima di 500mt cosi come già previsto da altri Enti territoriali italiani;a ATS, ARPA e INAIL ognuno secondo le proprie competenze:-  la simulazione degli eventuali danni causati dalle polveri e micropolveri ante e post installazione;-  la verifica degli effetti dell’inquinamento acustico e da polveri sulla flora e la fauna presenti nel corridoio ecologico (area ex cava);-  la verifica degli effetti delle polveri sulla produzione agricola (inquinamento della catena alimentare);-  la verifica della dispersione delle polveri anche ad impianto non funzionante (effetto dovuto al vento e agli altri agenti atmosferici);-  la verifica preventiva del rispetto delle normative vigenti in materia di tutela della Salute e della Sicurezza dei lavoratori dovute alla presenza dell’elettrodotto.

COORDINAMENTO SOVRACOMUNALE NO TRITURATORE
1,450 supporters
Petitioning Luigi Di Maio, Consiglio regionale della Lombardia, Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, Ministro del Lavoro e delle politiche sociali On. Luigi Di Maio, Presidente del consiglio del...

REGIONALIZZAZIONE CENTRI IMPIEGO DELLA LOMBARDIA

Al Presidente del Consiglio della Repubblica Italiana Prof. Giuseppe Conte Al Vicepresidente del Consiglio Della Repubblica Italiana e Ministro del lavoro e delle politiche sociali On. Ministro Luigi Di Maio Al Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana Al Presidente del Consiglio Regionale della Lombardia Alessandro Fermi La legge 205/2017, Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018, ha previsto il trasferimento delle funzioni e del personale dei Centri per l’Impiego alle Regioni e Province Autonome dal 1 gennaio 2018 e ha dato tempo fino al 30 di giugno (fase transitoria) per gestire il passaggio. Le Regioni si sono mosse in tal senso scegliendo di assumersi direttamente in capo funzione e dipendenti oppure per il tramite di Agenzie Regionali già esistenti alla data del 31.12.2017.Regione Lombardia, unica in Italia, interviene con un disegno di legge, che verrà portato in Consiglio per l’approvazione il prossimo 26 giugno, che disattende le disposizioni dello Stato, tiene per sé il ruolo di regia e programmazione mentre delega le funzioni gestionali relative ai procedimenti amministrativi connessi alla gestione dei Centri per l’Impiego alle Province e alla Città Metropolitana, lasciando il personale nei ruoli delle stesse.Le conseguenze di questa scelta sono dirimenti nei confronti del personale e dei servizi erogati dai CPI:- Il personale resterebbe inserito sul portale nazionale quale personale soprannumerario, non essendo una funzione fondamentale per le Province;- Il personale a tempo determinato non potrebbe essere stabilizzato e condividerebbe la situazione di precarietà dei lavoratori precari delle Province;- I vincoli delle Province in materia di assunzione non consentirebbero il potenziamento del personale dei CPI, oggetto di specifici finanziamenti nazionali, e nemmeno la sostituzione nei casi di maternità, aspettativa o malattia di lunga durata;- Vengono soppressi gli organismi di rappresentanza territoriale provinciale che definivano le linee di intervento dei servizi per il lavoro sulla base dei bisogni rilevati nei territori;- Regione, in virtù del suo ruolo di regia, può intervenire sul numero e sulla collocazione dei Centri per l’Impiego, con relativo spostamento del personale;- Non potranno essere garantiti i servizi attualmente offerti dai Centri per l’Impiego, con impatti negativi nei confronti dell’utenza.I lavoratori dei Centri per l’Impiego sono a conoscenza della campagna negativa e strumentale a livello nazionale nei propri confronti (“uffici che danno occupazione solo a chi ci lavora e non ai disoccupati” oppure “collocano solo il 3% dei disoccupati) e della scarsa informazione sulla qualità e sui risultati dei servizi erogati, nonostante l’impegno profuso sia nel luogo di lavoro sia nel tempo libero con un aggiornamento continuo. I Centri per l’Impiego lombardi sono uffici certificati per la qualità e accreditati all’Albo Regionale degli Operatori Accreditati per il Lavoro non per diritto ma in virtù del rispetto degli stessi criteri e risultati di performance richiesti agli Operatori Privati.La carenza di personale e di risorse per le spese di gestione non hanno impedito l’erogazione di servizi di qualità vicini ai cittadini, ma questa riforma decreterebbe la fine dei servizi pubblici per l’impiego.E’ per questo che “i lavoratori dei Centri per l’Impiego chiedono a tutte le forze politiche, ai rappresentanti politici territoriali in Regione di farsi partecipi dei problemi evidenziati presso il Presidente e la Giunta Regionale, per la modifica del disegno di legge e l’inserimento negli organici regionali del personale dipendente, come fatto da tutte le altre Regioni italiane.”Chiedono, altresì, ai rappresentanti politici eletti in Parlamento di farsi carico a livello nazionale della situazione di disparità che si verrebbe a realizzare in Lombardia con questa legge.

Dipendenti Centri per L'impiego della Lombardia
1,340 supporters